Loading

Alison's New App is now available on iOS and Android! Download Now

Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Ora partiamo da un nuovo argomento, si parlerà di analisi input-output e della sua applicazione ai sistemi energetici. Abbiamo guardato, a livello dei diversi progetti, come fare il calcolo economico per guardare agli impatti ambientali, ora vogliamo vedere qual è un impatto complessivo su scala maggiore, a livello societario e per una città per una regione per un paese e questo, ci sono modi diversi in cui facciamo modelli energetici - economici. (Riferirsi Slide Time: 0.57) Così, abbiamo diversi tipi di modelli economici - economici, le domande che vorremmo vedere è che cosa se sostituiamo tutte le nostre centrali termiche con le rinnovabili? Quale sarebbe l'impatto non solo sul settore energetico, ma nel complesso sull'economia? Cosa significherebbe in termini di investimenti, cosa significherebbe in termini di prezzi, cosa significherebbe in termini di posti di lavoro, quale sarebbe il tipo di metodi macroeconomici? Quindi, poi ci sono diversi tipi di modelli che sono disponibili in letteratura. E ci potrebbero essere modelli con cui stiamo osservando le interazioni economiche energetiche e questi tipi potrebbero essere classificati il tipo di modello più semplice è il modello input-output, che è quello che studieremo. Ci sono anche modelli di ottimizzazione e modelli di simulazione. Ci sono modelli come Markal e ci sono modelli che sono modelli di equilibrio generale computabili e poi ci sono modelli per stimare la domanda in base alla contabilità di uso finale e ai modelli econometrici. Quindi, ci sono un intero host di diversi modelli e in questo corso avremo tempo di guardare solo ad un tipo di modello. Parleremo del modello input-output, che ci darà modo di analizzare gli impatti del settore energetico sul resto dell'economia. (Riferirsi Slide Time: 2.27) I modelli possono essere classificati a seconda dello scopo, lo stiamo usando per un determinato settore, lo stiamo usando per l'economia complessiva vogliamo vedere cosa succede se ci sono tassi di crescita diversi. Possiamo guardarlo in termini di breve medio termine e, a breve, quello che accadrebbe è tutto il coefficiente per rimanere più o meno costante, nel medio termine possiamo apportare cambiamenti in una varietà di cose e il lungo termine, molte più cose possono essere cambiate. I modelli possono essere classificati anche come top-down versus bottom - up. Top-down significa che guardiamo un aggregato per l'intero paese come un intero o tutto il mondo intero o lo stato e poi fare una stima, poi basandosi su quello, poi lavoriamo su quello che saranno gli impatti in diverse sezioni. Un bottom-up è dove iniziamo a guardare diversi end - user, i diversi settori, guardare il residenziale, quello commerciale, industriale e per ognuno abbiamo delle ipotesi di tecnologie diverse e poi costruirsi facendo un'aggregazione qual è il quadro complessivo. Poi i modelli possono essere classificati anche come simulazione versus ottimizzazione. In caso di simulazione tutto è specificato e vorremmo solo sapere cosa se, cosa se facessimo in questo modo, guardare tutta la tecnologia e i sistemi e poi elaborare quello che sarebbe il costo ecc. e l'ottimizzazione è dove abbiamo qualche grado di libertà e ci sono variabili di decisione che possiamo scegliere e poi vedere cosa è ottimale. Possiamo minimizzare la somma totale dei costi o minimizzare le emissioni hanno massimizzato le entrate e cose del genere. Quindi, questo è un altro modo in cui possiamo classificare. Possiamo anche classificare in base alla copertura geografica. Al livello più alto è il modello mondiale, possiamo avere modelli regionali, possiamo avere modelli nazionali, modelli statali e modelli locali. (Riferirsi Slide Time: 4.20) Ti ho parlato di questo modello, che c'è, questo si chiama modello di allocazione di mercato, che è un tipo di modello di tipo bottom-up, inizia da con un sistema energetico di riferimento con l'energia primaria, poi le tecnologie di conversione che inducono e poi la domanda e poi si può avere con alcune ipotesi, si ottiene un tipo di programmazione lineare o potrebbe avere base se ci sono non linearità allora possiamo avere un tipo misto - intero di se ci sono variabili discrete. Quindi, ci sono vari modi in cui possiamo ottimizzare e poi fare modellismo dettagliato si può fare e si può vedere, ci sono molti documenti dove questo è stato applicato all'India, per il mondo per molti paesi del mondo. (Riferirsi Slide Time: 5.03) Il modello di cui parleremo è l'analisi input-output e questo è stato proposto da Wassily Leontief indietro negli anni ' 1930s, dove inizialmente l'ha proposto, e poi ha usato questa metodologia per estendere la data per sviluppare un modello di input-output per gli USA e questo è stato fatto, c'è un paper in Scientific American, è disponibile nel dominio pubblico e puoi dare un'occhiata. Questo vi darà un'idea di come è stato fatto il lavoro originale, dove ha parlato di interi flussi di settore. E Leontief ha ottenuto il Premio Nobel per l'Economia per il suo lavoro e questo è stato dato negli anni 1970s, 1973 e si può vedere la lezione di Nobel che ha proposto, dove ha creato un semplice modello aggregato dell'economia mondiale e lo ha diviso in paesi sviluppati e paesi meno sviluppati, per poi vedere cosa sarebbe successo in termini di investimenti e inquinamento, e guardando alle possibilità di cercare di ridurre l'inquinamento e gli investimenti nel settore oltre che nell'inquinamento. Così, avevano creato una serie di scenari interessanti. Questo è disponibile anche in ambito pubblico e vi esorterei a guardare entrambi questi documenti che vi daranno un'idea dello sviluppo storico di questo metodo. Così, vado rapidamente attraverso alcuni di questi dati e tabelle che sono stati mostrati in questi documenti, che vi daranno quell' idea iniziale e poi noi, dai primi principi, svilupperemo la teoria dell'analisi input-output e mostreremo come può essere utilizzata per il settore energetico. (Riferirsi Slide Time: 7.05) Così, questa è la sequenza in cui noi … Ecco, questo è il giornale, l'economia della carta americana input-output e ha detto che stiamo per un nuovo metodo che può ritrarre sia un'economia intera che la sua raffinata struttura tracciando la produzione di ogni industria contro il suo consumo da ogni altro settore. (Riferimento Slide Time: 7.39) Così, tipicamente il metodo input-output, l'analisi in uscita in uscita come proposto da Leontief, infine, si traduce in un insieme di n equazioni lineari in n unknowns. E cioè la bellezza del metodo è la sua semplicità, possiamo dire partire da quello che ha detto Leontief è che ci sono dati dell'attività economica di e possiamo guardare una regione che potrebbe essere un paese, potrebbe essere uno Stato, potrebbe essere una città o potrebbe essere una regione. Tipicamente, ovviamente, questo dovrebbe essere dei dati, un'entità per la quale i dati sono di solito disponibili. Così, di solito a livello di paese è dove sono disponibili i dati. Così, in qualsiasi economia ci sarà il flusso di prodotti o beni e servizi, che significa beni e servizi. Quindi, questo è, questi flussi sono chiamati anche questi saranno dal produttore o dal venditore al consumatore o all'acquirente e anche in quel momento in cui ha fatto questo articolo negli anni '50s e' 1940s, l'economia veniva rintracciata. Quindi, quello che dobbiamo fare è prendere questo, questo sarà l'intersettoriale o i flussi intersettoriali o le transazioni che si osservano e questo si osserva per un periodo. Questo si osserva per un periodo e tipicamente quel periodo è un anno, è annuale. Quindi, questo potrebbe essere l'anno solare o in molti casi, per esempio nel caso indiano parleremo dell'esercizio. Gli esercizi finanziari iniziano dal 1 aprile al 31 marzo. Quindi, si dirà 2018 - 19 2019 - 20 e così via. E così, basandoci su questo, avremo diversi produttori e venditori, diversi consumatori e acquirenti e ogni bene, se parliamo di un bene particolare, per esempio, se si guarda all'acciaio, l'acciaio viene fabbricato dall'industria siderurgica, che l'acciaio viene utilizzato da diversi settori, diciamo nell'industria automobilistica. (Riferirsi Slide Time: 10.35) E così, possiamo risuonare possiamo parlarne in unità fisiche o in unità monetarie e, se ci pensate, se parliamo di tante tonnellate o tante per un'economia nell'arco dell'anno, tanti milioni di tonnellate di acciaio che vengono prodotti. E poi parleremo di tanti milioni di tonnellate di cemento che vengono prodotti e tanti milioni - kilowattora di elettricità che vengono prodotti e così via. Ma quando confrontiamo le diverse cose e le aggiungiamo tutte, è difficile avere più unità fisiche. Quindi, uno dei modi migliori per farlo sta prendendo l'unità fisica, moltiplicandola per il prezzo o per il valore che c'è, quindi si ottiene tutto in termini monetari. E questo è tipicamente come vengono messe queste transazioni. Quindi, essenzialmente quello che abbiamo è possiamo inserire ogni transazione come Z ij, ovvero il valore monetario della transazione annuale da settore I, che è il produttore, al settore j. E così, se si guarda un solo settore, se si guarda all'acciaio, l'acciaio viene utilizzato per il settore energetico, l'acciaio viene utilizzato per il settore del cemento. Quindi, ci sono interindustrie, internamente la produzione di un settore viene utilizzata negli altri settori. Oltre a questo, ci sono vendite agli acquirenti, che sono esogeni, gli acquirenti che sono esterni al settore industriale. Il che significa che gli acquirenti che non hanno alcuna produzione, che sono esogeni al, e che saranno la domanda finale, esogeni per i settori industriali. Questa sarà la domanda esterna e questa volontà, che non lo sono, non sono produttori. (Riferirsi Slide Time: 13.25) Quindi, questi in genere, questi settori sarebbero famiglie, governo o forse lo si sta esportando, il commercio estero. Ecco, questi, questa è la domanda esterna. Quindi, se guardiamo a xi come produzione totale o produzione del settore I o produzione del settore I e fi è la domanda finale totale per il prodotto del settore I, possiamo scrivere un'equazione bilanciata che sia xi i1, da I al primo settore e poi ci sono n tali settori Zi2 + n così su Zin + fi. (Riferirsi Slide Time: 15.04) Così, possiamo scriverlo come xi, Z ij plus fi, dove Zij è il flusso inter-industria, le transazioni in termini di denaro. Flussi o transazioni interindustriali. (Riferirsi Slide Time: 15.46) Così, vediamo come questo è stato rappresentato nel paper da Leontief in Scientific American, potete questo non è molto chiaro qui, ci sono dei piccoli articoli e lo spiegheremo. Si può vedere questo nella carta, un gran numero di settori e in ognuno di questi da un settore agli altri settori, questi sono il tipo di flussi di settore. (Riferirsi Slide Time: 16.06) Quindi, se si guarda ai tipi di settori, si parla di agricoltura e pesca, prodotti alimentari e Kindred, mulini tessili, abbigliamento e così via e ognuno di questi settori, questi sono i I che stiamo parlando. Da ogni settore i prodotti agricoli sono utilizzati negli altri settori e in modo che quelle transazioni siano rappresentate in questa matrice. (Riferirsi Slide Time: 16.32) E poi, abbiamo parlato anche della domanda finale e della domanda finale se si vedono paesi stranieri, governo, famiglie e la formazione del capitale privato. (Riferirsi Slide Time: 16.46) E questo è una sorta di dettaglio in più, potete vedere ognuno di questi settori e dal settore all'altro settore, questa è la matrice delle transazioni. Dall'agricoltura all'agricoltura e alla pesca, alcuni prodotti sono utilizzati internamente. Per esempio, se guardiamo al settore elettrico e guardiamo all'elettricità che viene utilizzata all'interno del settore elettrico che sarebbe come il consumo ausiliario delle centrali elettriche. (Riferirsi Slide Time: 17.15) E così, ecco come queste transazioni e poi abbiamo parlato della domanda finale. E quando riassumiamo tutto questo, questo sarà uguale alla produzione lorda totale o allo xi che avevamo. E questa è la domanda finale, queste sono le richieste interne. (Riferirsi Slide Time: 17.31) E similmente, avevamo questo tipo di curva. Con questo, quello che la carta ha mostrato è che per alcuni dei settori, illustra, cosa può fare, e questo è stato fatto, si tratta di una carta da 1950 che utilizza i dati per il 1939. Sono le tonnellate di acciaio per una certa quantità di produzione, che c'è e si possono vedere tonnellate di acciaio inarrivate per mille dollari di produzione di ciascuno di questi settori. Quindi, se si guarda al settore delle costruzioni, nella lavorazione dei metalli, dei veicoli a motore e del settore, questi sono i tre settori principali e relativamente meno per gli altri. (Riferirsi Slide Time: 18.09) Possiamo anche guardare, per l'industria automobilistica, quali sono i mille dollari di uscita dell'industria automobilistica, quanto è l'input e si possono vedere i metalli ferrosi l'input principale e poi si hanno tutti questi. Ecco, queste sono alcune delle illustrazioni del genere delle cose. (Riferirsi Slide Time: 18.30) E poi Leontief ha usato questo per la mappatura statica a economia statica di tutte le transazioni interindustriali e poi ha voluto illustrare che cosa succede se abbiamo un aumento del 10 degli stipendi o dei salari e come questo influenzerebbe l'economia complessiva e poi ha mostrato l'impatto su diversi settori. (Riferirsi Slide Time: 18.59) L'altra carta di Leontief, che faceva parte del premio Nobel per l'Economia Talk, ha parlato in questo caso, questo è stato un discorso dato nel 1973, ha stimato e costruito un quadro di input-output per il mondo intero. Per il mondo lo ha diviso in paesi sviluppati e in via di sviluppo. E in questo, l'ha aggregata in termini di industria estrattiva, di altra produzione e poi di inquinamento e poi l'occupazione e il valore aggiungono e poi ha esaminato le transazioni in miliardi di dollari da ciascuno di questi settori. (Riferirsi Slide Time: 19.35) E simili cose sono state fatte per i paesi meno sviluppati e poi basate su questo, ha creato diversi scenari. E c'è stato uno scenario per i paesi meno sviluppati dove non si era che tanta produzione. (Riferirsi Slide Time: 19.49) L'altro era dove avevi una grande quantità di controllo dell'inquinamento nei paesi meno sviluppati e con questi scenari utilizzati, mostrava la potenza del metodo. E ti suggerirei di guardare i dettagli di questo articolo e questo ti darebbe un'idea di come questa metodologia possa essere utilizzata. (Riferirsi Slide Time: 20.09) n generale infine, quando guardiamo alla tavola input-output che c'è, questo è tratto dal libro di Blair e Miller, potete guardare il libro sull'analisi in uscita, la seconda edizione, vedremo diversi tipi di produttori e poi la domanda finale. E oltre a questo, quindi analizziamo questo aspetto tipicamente agricolo, minerario, di costruzione, manifatturiero, tutto questo avrà, si ha una matrice dove va l'agricoltura all'agricoltura, l'agricoltura al mining e così via. Oltre a questo sono gli stipendi che paghiamo, le tasse che paghiamo al governo e qualsiasi cosa in termini di profitti, ecc. Quindi, tutto questo insieme, se si guarda all'intera transazione che possiamo ottenere, se si guarda complessivamente, questo ci darà indicazioni su una stima del prodotto interno lordo. Quindi, analizziamo, traiamo questo, andiamo avanti con questo. Stiamo guardando x1 come Z11, Z12 plus Z1j Z1n plus f1. Poi abbiamo per la riga ith, questo sarà Zi1, Zi2, Zij, questo è Z1n Zin plus fi, e xn sarebbe Zn1 Zn2 Znj, Znn plus fn. Quindi, questo può essere scritto in forma matrice, qualunque cosa abbiamo scritto finora questo può essere scritto in forma matrice. (Riferimento Slide Time: 1.29) Così, che abbiamo queste seguenti matrici. X è x1, x2 e così via xn. La matrice z è da Z11 a Z1n e così via, Zi1 a Zin e poi f è uguale a f1, f2 e così via a fn. Questo può essere scritto come X è uguale a Zi plus f, dove sono matrice di colonne con 1,1,1,1,1, tutto il valore di identità 1. (Riferirsi Slide Time: 2.42) Così, ecco come possiamo scrivere questo, possiamo anche vedere, questa è l'equazione che c'è e questo sono i valori. (Riferirsi Slide Time: 2.52) Ora, la base di questo metodo, il fi, se si vede la base di questo metodo è che scriveremo questo sotto forma di quantità di cui abbiamo bisogno da ciascuno di questi. Infine, cosa che stiamo guardando sarà dipendente. (Riferimento Slide Time: 3.15) La Zij sarà una funzione di xj. Il che significa che la quantità di cui abbiamo bisogno dal settore iesimo al settore jima dipenderà dall'output totale che abbiamo dal settore jima e da un modo il metodo input-output, l'assunzione fondamentale è che il flusso inter-industria dal settore iesimo al settaggio jima dipende interamente dall'output totale, dipende interamente dall'output totale del settore jima, interamente sull'output totale di j per quel periodo. Quindi, che vorrà dire che diciamo che aij, questo è il coefficiente che definiremo, è Zi j di x j. Nel metodo input-output, questo coefficiente è assunto per essere costante, si tratta di un coefficiente tecnico, questo è anche conosciuto come un coefficiente diretto o il coefficiente diretto. (Riferimento Slide Time: 5.14) Quindi, per esempio, se guardiamo all'alluminio usato per la produzione di aerei, quindi questo sarà l'input di alluminio per l'uscita degli aerei. Ora quali saranno le unità, questo sarà in milioni di rupie, crine di rupie, quindi, sarà nelle unità monetarie rupie per rupie. Quindi, è un rapporto e quindi questo sarà, aij sarà definito qui come il valore dell'alluminio acquistato dai produttori di aerei nell'ultimo anno, nell'anno in cui ci guardiamo, diviso per il valore della produzione di aerei. Ora, possiamo dire qualcosa sull'aria? Quindi, aij deve essere compreso tra il 0 e il 1, non può essere negativo, che è una quantità fisica di quantità necessaria. Non può essere superiore al 1 perché finalmente il valore totale che c'è in quel settore deve essere una combinazione di tutto il valore aggiunge di componenti diversi. E visto che tutto il, visto che nessuno di loro può essere negativo quando lo aggiungiamo, questo ci sarà. Così, questo aij xj è uguale a Zij, questa è la base. Questi coefficienti sono costanti, il che significa che le economie di scala vengono ignorate e questo opera sotto costante torna su scala. Nel sistema Leontief, l'intera base è che il prodotto opera sotto costante ritorni su scala. (Riferirsi Slide Time: 8.48) Così, ora possiamo scriverlo come, se guardiamo a questa matrice a11, a12, a1n, Zij, se ricordate la Zij che abbiamo avuto, possiamo scrivere l'espressione, iniziamo da … scrivici lasciandoci guardare l'espressione, che avevamo precedentemente, che era in termini di x, xi essere uguale a quella Zi plus fi. Possiamo scrivere lo Zij, come dicevamo che sarà una combinazione di un in x. (Riferirsi Slide Time: 9.05) Quindi, avremo X uguale alla Zij, Zi plus f è quello che avevamo e questo non sarà altro che A nella tua X. Così, questo è un X plus f. Così, possiamo portare X nella matrice di identità, abbiamo matrice di identità I meno A, una volta che la prendiamo su questo lato in X è uguale a f e ora possiamo ottenere X, quello che vogliamo fare è se conosciamo la domanda finale, quali saranno i valori di X che otterremo. Così, X sarà, possiamo prendere l'inverso di questo I meno Un inverso in f. (Riferirsi Slide Time: 10.16) Quindi, essenzialmente quello che avevamo è iniziato con Ax plus f è uguale a x, x minus Ax è uguale a f. Quindi, questa x è la matrice di identità, la matrice di identità sarà per 2 entro il 2, è 1,0,0,1, sarà 1,0,0,0,1,0,0,0,1 per 3 entro il 3, questo è I meno A in x è uguale a f e così x è uguale a I meno Un inverso in f. Questo valore I meno Un inverso si chiama inverso Leontief e questo può essere scritto come Li j. (Riferimento Slide Time: 11.26) Così, possiamo scrivere questo come x è uguale a x1 è uguale a L11 f1 più L12 f2, L1n fn e così su xi è uguale a Li1. Similmente xn, quindi dobbiamo calcolare in ogni caso l'inverso Leontief e così, essenzialmente, per esempio, si può ricordare, se si guarda a 2 da 2 matrice, se si ha A è uguale a a, b, c, d, possiamo calcolare Un inverso non sarà altro che 1 su modulo determinant di A e questo è d meno b meno c, a e abbiamo un determinante di A come ad meno bc e ovviamente, determinante di A non deve essere uguale a 0. Con il 2 entro il 2 è qualcosa che possiamo fare a mano, ma se vogliamo calcolare questo f o 3 entro il 3, 4 entro il 4, 5 entro il 5, n per n possiamo usare qualsiasi, è possibile utilizzare MATLAB oppure si può usare Excel e si può fare l'inversione di matrice e ottenere la Leontief. (Riferirsi Slide Time: 13.23) Quindi, essenzialmente quello che succede è che possiamo prendere questo e avremmo i settori diversi, i settori di acquisto e vendita e poi otterremo, abbiamo anche detto che la domanda finale è una combinazione dei diversi settori, dei consumi, del consumo governativo, delle esportazioni. (Riferirsi Slide Time: 13.37) E poi ci sono questi settori di pagamento di cui parliamo, che è, nelle colonne, questi sono i settori aggiuntivi di cui stiamo parlando dove stiamo pagando l'importo che sta andando verso l'altro come i salari e il governo e qualsiasi altro servizio, lavoro, servizi di governo e input. E questo aggiungerà fino alle 2 uscite, le righe si aggiungeranno e così le colonne. E così, tipicamente, se parliamo di 2 settori di trasformazione e di alcuni settori di pagamento, questo è quello che otterremo e questo è finalmente il tipo di tavola input-output. (Riferirsi Slide Time: 14.17) Sono le equazioni di equilibrio di cui abbiamo già parlato per i 2 settori che sono X è uguale a x1 plus x2 plus L, questa è un'equazione bilanciata per la fila e l'equazione bilanciata per la colonna e con questo, otterrete questo tipo di calcolo. (Riferirsi Slide Time: 14.37) Quindi, se guardiamo a questi settori, L è l'occupazione dei servizi del lavoro, N tutti gli altri valori aggiunti e M sono importati, tutti questi verranno sotto ogni settore della colonna. E nella fila, se lo si guarda, ci sono ulteriori richieste finali, che arriveranno in termini di consumi, beni di investimento, governo ed esportazione. Quindi, F sarà uguale a C plus I plus G plus E. E questo è il settore dei pagamenti, che è la cosa aggiuntiva che arriverà nella colonna. (Riferirsi Slide Time: 15.10) Con questo faremo un esempio, che viene dal libro di Blair e Miller. Si tratta di un esempio di settore del 2 e prenderemo quell' esempio per poi elaborarlo e poi vedere cosa accadrà quando facciamo, quali sono i coefficienti, come prendiamo l'inverso Leontief, qual è l'implicazione dell'inverso Leontief e come possiamo usarlo per capire cosa se nel caso ci sia una crescita o ci sia qualche cambiamento nella domanda settoriale. (Riferimento Slide Time: 15.40) Quindi, se guardiamo a questo settore, fammi solo scrivere questo. Abbiamo essenzialmente, diciamo che c'è un settore agricolo e un settore manifatturiero. E così, se questo è agricolo, hai un settore agricolo, e poi hai un settore manifatturiero, e in questo caso questo è il 1 e il 2 e poi qui anche noi abbiamo l'agricoltura e la manifattura e questo sono circa 150 alcune unità, miliardi di rupie, milioni di dollari, le unità finanziarie, la manifattura è del 500 e il totale della domanda finale fi per questo è il 300. Quindi, il totale che c'è, lo xi che c'è alla domanda finale totale sarà di 150 più 500 plus, questo è il 350. Quindi, si tratta di output totale, output totale. Questa è la transazione che abbiamo notato che significa, dall'agricoltura della produzione dell'agricoltura 150 milioni di rupie viene utilizzata in agricoltura, 500 milioni di rupie sono utilizzate nella manifattura e il 350 è la domanda finale. Quindi, la produzione complessiva dell'agricoltura è di 1000 milioni di rupie e dal caso della manifattura, il 200 va qui e il 100 va al settore manifatturiero. La domanda finale per tutti i prodotti manifatturieri è del 1700. Quindi, se aggiungete questo fino ad arrivare a 2000. E poi c'è questo settore di pagamento come dicevamo i salari, le tasse, i profitti qualunque cosa stiamo guardando. Quindi, ricordate che questo deve bilanciare, quindi l'outlay totale che è quello di xi, le uscite totali devono bilanciarsi, quindi questo deve essere pari a 1000 che significherà che questo è il 650. E questo è di nuovo questo sarà pari a 2000 e questo sarà il 1400. La domanda finale, in questo caso, è per i pagamenti 1100. Quindi, se si aggiunge questo è il 28 e questo è il 3150, questo è il 3150 totale, ovvero il valore complessivo aggiunto nell'economia è di 6150 unità finanziarie appropriate. Ora, guardiamo come facciamo a calcolare le aij. Quindi, se guardiamo a11, a11 è quello che è l'importo per unità di agricoltura qual è la quantità di utilizzo dell'agricoltura. Quindi, questo sarà pari a 150 entro il 1000 che è 0,15. Il che significa per unità di uscita agricola 0,15 volte di questo è il rapporto di ciò che viene utilizzato all'interno di questo settore stesso. a12 è la percentuale di agricoltura che viene utilizzata nell'agricoltura … Se si guarda alla transazione dall'agricoltura alla manifattura sono 500 unità e questo dipenderà dall'output per unità di manifattura. Quindi, qui questo sarà 500 diviso per 2000. Questo sarà diviso per xj in questo caso x2, quindi questo sarà il 0,25. Allo stesso modo, questo sarà il 200 diviso per il 1000 che è del 0,2 e questo è il 100 diviso per il 2000 che è del 0,05. (Riferirsi Slide Time: 20.30) Questi sono i coefficienti tecnici, abbiamo la matrice A che è il punto 0,15, 0,25, 0,2 e 0,05, questa è la matrice A e possiamo quindi mettere giù se si vede questa è la matrice A, la matrice f è 350 e 1700 e il valore di x è 1000 e 2000. Ora, la domanda è che se invece di questo tipo di output avessimo avuto una chance, dove la produzione agricola è diminuita e sia di questi … se la produzione agricola si supponeva invece della domanda finale per l'agricoltura invece di 350 se quella aumenta a f nuova, se diciamo che invece di questo stiamo convertendo, aumentiamo al 600 e la domanda industriale diminuisce. Quindi, suppitiamo di passare da qui a qui, vogliamo sapere come saranno i cambiamenti dell'economia e quanto di ognuno di questi prodotti verrebbe calcolato. Ecco, questo è quello che vogliamo fare in termini di x nuovo. (Riferirsi Slide Time: 22.10) Così, nel fare questo, la prima cosa che possiamo fare è calcolare I meno A, se ricordate questo è A, quindi 1 meno punto 0,85 e qui è 0 meno 0,25, quindi è meno 0,25. Questo è 0 meno 0,2. Così, questo punto 0,2, 1 meno 0,05, quindi è il 0,95. Questo è I meno A, e vogliamo calcolare l'inverso di questo. E si può vedere il determinante di questo I meno A. Si può controllare questo, si esce a 0,7575. E così, l'inverso Leontief è, io meno Un inverso è 1 entro il 0,7575 e questo è ora 0,95, 0,25, 0,2, 0,85. Vedrete che questo uscirà per essere 1,2541, 0,330 e 0,2640 e questo è … Così, questo è quanto raccontato, abbiamo calcolato questo. (Riferirsi Slide Time: 24:01) E quindi la cosa interessante da vedere è se si guarda a questi valori che abbiamo della matrice Leontief 1,2541, 0,3300, 0,2640, 1,1221, noterete che tutti i coefficienti che ci sono nella diagonale sono superiori a 1 e che è fondamentale il che significa che nella per unità di, avevamo detto che c'è un coefficiente diretto che è quello che è la quantità di aumento della produzione agricola per unità di agricoltura. Ma se si guarda per un determinato valore di output, se guardiamo x, quanto è il fabbisogno totale diretto più indiretto questi valori nella diagonale sarà sempre maggiore di 1 e questo è per la natura di questo. (Riferimento Slide Time: 25:14) Quindi, ora possiamo prendere, se vogliamo calcolare il valore di x nuovo, possiamo semplicemente prendere L in f nuovo e questo è 1,2541, 0,3300, 0,2640, si moltiplicano le due matrici 600, 1500 ne otteniamo 1247,52 1841,58 e quali sono le Z nuove? Z nuovo può essere la nuova transazione interindustriale sarà solo A in X nuovo. (Riferimento Slide Time: 26:21) E se lo fai troverai che Z nuovo è 187,13, 460,40, 249,5 e poi se guardiamo a questo, possiamo ottenere la nuova tabella di input - output finale. (Riferimento Slide Time: 26:52) E che ora sarà l'agricoltura, la manifattura 187,13, 460,4 fi è 600, 1247,52, potremmo arrotondare anche, questo è il 249,5, 92 … settore Payment. Ora per calcolare il settore dei pagamenti, vedrete che questo totale è 1247,52 sottratto da che questi due e voi otterrete così come 810,89, questo è il 1289,11, questo rimarrà invariato, il totale sarà di 3200, outlay totali, posso aggiungere questo sarà il 1247,52, 1841,58, 3200, 6289,10. Analizziamo quello che è stato prima e poi possiamo confrontare questi due. (Rinvio Slide Time: 28:28) Così, si vede a quanto è accaduto qui è che la produzione complessiva nel settore agricolo anche se la domanda finale dell'agricoltura, la domanda finale del settore agricolo è passata dal 350 al 600 con il risultato che la produzione totale del settore agricolo per soddisfare questa domanda è passata da 1000 unità a 1247 unità. E nel caso dell'industria la domanda ha ridotto la domanda finale si è ridotta dal 1700 al 1500, ha ridotto di 200 unità, ma anche la produzione totale si è ridotta ma non nella stessa cifra. Si è ridotto, si è ridotto a 1841. E quando guardiamo all'aggiunta di questo, il precedente la produzione complessiva dell'economia, l'economia del settore 2 è stata complessivamente del 6150, l'economia è salita al 6289. E così, possiamo vedere che l'aumento dell'agricoltura diminuiscono nell'industria, qual è l'impatto. Quindi, molte cose diverse possono essere fatte con questo e con questo possiamo anche guardare ad alcuni settori energetici oltre che al settore manifatturiero. Quindi, l'impatto dell'intensità energetica, possiamo anche, tutto questo può essere fatto in, questo è stato fatto in unità di denaro, possiamo farlo anche in unità ibride dove alcuni anni, alcuni dei termini, alcuni dei settori sono rappresentati in termini energetici e gli altri settori sono rappresentati in termini di denaro e analizzeremo alcuni di questi esempi e le applicazioni nel prossimo modulo.