Loading

Module 1: Coleridge Frost a Mezzanotte

Note di Apprendimento
Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

XSIQ
*

Inglese - Temi e ritmo

Temi e ritmo

Clicca su GO e leggi l'estratto come guardi e ascolti:

La mia bambina è così bella! mi eccelle il cuore
Con la gioia di tenerezza, quindi per guardetele,
E pensare che shalt impara molto altro lore,
E in altre scene! Perché sono stato allevato
Nella grande città, pent ' mid cloisters dim,
E visto nought incantevoli ma il cielo e le stelle
Ma _thou_, amore mio! shalt vagano come una brezza
Vicino a laghi e coste sabbiose, sotto i cagnoli
Di antica montagna, e sotto le nuvole
Quale immagine nella loro massa sia laghi che rive
E CRAGOLE DI MONTAGNA: (11.48-58)

L'idea che suo figlio sarà allevato non nel 'GREAT CITY', PENT ', ma
tra i laghi e le montagne è una grande fonte di gioia per Coleridge - a
tipicamente in posizione romantica. Come hai letto queste righe, continua a essere consapevole
del ritmo sistolico del poema - Coleridge si è trasferito nel suo passato,
da lì al presente del bambino e da lì all'immaginario
futuro del bambino:

Queste linee raccolse due temi romantici cruciali:

*

che l'unità degli esseri umani con la natura porta "Gioia"
*

che c' è un'unità essenziale all'interno di tutta la natura stessa (nota come
le montagne e i laghi si riflettono nelle nuvole).

Un terzo tema romantico si verifica nelle linee immediatamente successive, in cui
il movimento sistolico raggiunge il dio di Coleridge e solleva il tema
dell'unità essenziale dell'umanità, di Dio e della natura - con la Natura stessa
essere visto come la lingua di Dio:

" ... così shalt thou vedi e senti
Le belle forme e i suoni intelligibili
Di quell' eterna lingua, che tuo Dio
Utters, che dall'eternità doth insegna
HIMSELF IN TUTTI, UNO TUTTI TUTTI IN HIMSELF ' (ll.58-62)

Precedente | Avanti