Loading

Alison's New App is now available on iOS and Android! Download Now

    Study Reminders
    Support

    Set your study reminders

    We will email you at these times to remind you to study.
    • Monday

      -

      7am

      +

      Tuesday

      -

      7am

      +

      Wednesday

      -

      7am

      +

      Thursday

      -

      7am

      +

      Friday

      -

      7am

      +

      Saturday

      -

      7am

      +

      Sunday

      -

      7am

      +

    Introduzione al pensiero politico occidentale Professor Mithilesh Kumar Jha Department of Humanities and Social Sciences Indian Institute of Technology, Guwahati Lecture No. 20 Kant-I: Intro & Cos' è Illuminismo? Ciao e benvenuto a tutti. Oggi inizieremo con un nuovo pensatore, Immanuel Kant. E su Kant anche noi avremo tre lezioni. Nella lezione di oggi ci concentreremo brevemente sul suo schizzo bio o sulla vita personale, sul suo contesto intellettuale e sulle sue opinioni sull'illuminismo. Kant è un pensatore illuminista quintessenziale che ha creduto che la ragione e la razionalità dovrebbero guidare le nostre azioni. Questo significa che l'uso della ragione e della razionalità creerebbe una società che sarebbe illuminata e progressista. Kant si è unito a un gruppo di pensatori che sosteneva su come raggiungere l'illuminismo. Sia a livello individuale che a livello di società o di comunità e come creare la pace, ordine nella società usando ragione e razionalità che sarebbero alla base di ogni tipo di conoscenza e salverebbero le azioni degli individui. In questa lezione, oggi, ci concentreremo sulle sue opinioni sull'illuminismo. Nella seconda lezione discuteremo di come ha collegato questa idea di ragione e razionalità alla questione della libertà, della morale e dell'autonomia. Nella lezione concludente su Kant ci concentreremo sulle sue opinioni su 'regno di fine', dignità, pace perpetua prima di guardare alla valutazione critica della filosofia politica o del pensiero politico di Kant. Quindi, quella sarebbe la nostra divisione di lezioni su Kant. (Riferimento Slide Time: 02 :37) Ora inizieremo con la lezione di oggi. Qui Kant sembra una sorta di figura quintessenza di illuminismo e pensatore rappresentativo di 'Idealismo tedesco '. L'"Idealismo tedesco" era una scuola di pensiero ben sviluppata all'interno della filosofia continentale che credeva nel primato delle idee. E come le idee sepisce in azioni umane e determinano tutte le azioni collettive sociali nella società. Kant era un pensatore rappresentativo di quella scuola di pensiero che chiamiamo 'Idealismo tedesco' diverso dal materialismo o dal pensiero pratico che c'era in Inghilterra. Così, rimase una figura di illuminismo quintessenziale. Quando si parla di ragione e razionalità, subito Kant arriva alla nostra mente. E diventa così sinonimo di etica kantiana, viste su filosofia, epistemologia e metafisica. Così, Kant è rimasta la figura quintessenza di illuminismo e illuminismo è qualcosa che dà primato alla ragione e alla razionalità come fonte di conoscenza. Anche qualcosa che forme o guida l'azione umana. Kant era una sorta di figura sinonimo con modalità di pensiero e anche un pensatore rappresentativo di 'Idealismo tedesco '. Ebbe una tremenda influenza sulla filosofia continentale del Novecento. Così dopo Kant, ogni pensatore aveva bisogno di leggere la sua filosofia e di impegnarsi con la sua filosofia. Che accettino o sfiorano che fosse una cosa diversa. Ma Kant ha avuto una tremenda influenza sulla generazione successiva di filosofi in tutto il continente. La sua principale preoccupazione principale o primaria era quella di capire quali sono i cosiddetti limiti e il funzionamento della conoscenza umana. Quindi, illuminismo, si credeva che la conoscenza sia potere così da dire, Francis Bacon. Ora, quale dovrebbe essere la fonte della conoscenza? Come funziona? E cosa possiamo sapere e cosa resta che non possiamo sapere? Quindi, ci sarebbero cose in sé che sono molto difficili per un essere umano da capire. Quello che comprendiamo è guidato dai nostri sensi e dalla nostra percezione di senso, e dalle idee cognitive. L'obiettivo primario di Kant in molti dei suoi scritti è quello di comprendere i limiti e il funzionamento della conoscenza. Cosa possiamo sapere? Come dovremmo saperlo? E quali sono i limiti alla nostra conoscenza? Questo rimane la preoccupazione primaria di molti dei suoi trattati filosofici. La sua filosofia influenzò le opere di Schopenhauer, Hegel, Herder e molti altri filosofi continentali. E si dice che un filosofo, per essere un filosofo, uno deve essere Kantian. E Schopenhauer diceva che tutti gli uomini sono bambini a meno che non legga o abbia capito Kant. Kant ha avuto un'influenza determinante sulla filosofia continentale. Era un pensatore illuminista quintessenziale che sottolineava l'uso pubblico della ragione. E cosa significava per l'uso pubblico della ragione? Discuteremo quando discuteremo di Kantian views sull'illuminismo. Quindi, è necessario capire che per Kant, una sorta di pensatore illuminista quintessenza, ragione e razionalità è la base della conoscenza. Tuttavia, cosa intendiamo per conoscenza? o in altre parole, quali sono i limiti di conoscenza di cui uno deve impegnarsi o analizzare? E questo rimane la maggiore preoccupazione di Kant. Nella sua filosofia ha combinato le idee come la libertà, la morale e l'autonomia. Così, ha combinato tutti questi tre. E così facendo è stato guidato da una sorta di approccio di Rousseau alla libertà e a come si esercita la libertà per impegno nella vita pubblica della comunità seguendo la "volontà generale" che si auto legifera. Quando discuteremo le idee di Kant su 'imperativo categorico', nella seconda lezione discuteremo di più su come ha combinato la libertà, la morale e l'autonomia per avere questa idea. E per Kant la cosa più importante per un individuo doveva essere guidato da un senso di dovere senza alcuna considerazione per la conseguenza del dovere di uno. Ha sviluppato un senso molto distinto di dovere per l'individuo che dovrebbe essere vincolante per loro senza alcuna considerazione per le sue conseguenze. Così, attraverso l'uso della ragione o quello che definisce l'"imperativo categorico", l'essere umano conoscerà il proprio dovere. E una volta che lo hanno capito e hanno avuto il coraggio di seguirlo, non dovrebbero essere guidati dalle conseguenze del loro dovere nell'esecuzione di quello che pensano sia il loro dovere. Più discuteremo di questa idea quando discuteremo l'"imperativo categorico". Così, Kant ha combinato libertà, morale e autonomia, e ha sviluppato un senso di dovere molto distinto per l'individuo che è vincolante per loro. E Kant nella sua vita personale praticava anche questo tipo di filosofia. Così, ha sottolineato la dignità dell'individuo e ha previsto una società dove tutti dovrebbero essere trattati come fine in se stessi e non per i mezzi. Nella società si verificano molti problemi. Perché gli esseri umani si trattano a vicenda come i loro amici, compagni e colleghi come mezzo per lui o per lei per raggiungere determinate estremità. E questo porta all'uso strumentale delle relazioni umane o dell'associazione umana. Al contrario, Kant sosteneva che tutti gli individui avevano dignità e ogni altro membro della società deve riconoscere e rispettare quella dignità. Con questo significava che gli individui dovevano essere trattati come un fine in se stessi e non come mezzo per raggiungere certi altri fini. Tra gli stati - nazione anche, sosteneva una teoria della pace perpetua e della libertà senza ricorrere alla violenza. E questo discuteremo nella terza lezione. Era anche un forte sostenitore del repubblicanesimo e del cosmopolitismo. Tuttavia, c'è una sfida nella comprensione o nella lettura Kant come un pensatore complesso. Quasi impenetrabile anche per l'allievo avanzato, per non dire quello che i principianti e la gente comune. Così, una volta che iniziate a leggere Kant, potreste trovare la sua idea, il modo in cui ha sviluppato i suoi argomenti alquanto nuvoloso nel senso di portata o di vastità dei soggetti che ha affrontato. Rimase alquanto un pensatore impenetrabile. E nella maggior parte delle università, sicuramente a livello di undergrad, difficilmente trovi Kant insegnato agli studenti. Kant rimase un pensatore impenetrabile anche per gli allievi avanzati, per non dire quello che i principianti e la gente comune. In questo senso, era davvero un filosofo filosofo. Cioè per il filosofo avanzato, Kant ha scritto questi trattati. Per il nostro scopo in questo corso ci concentreremo sulle opere secondarie di Kant e su alcuni suoi articoli di giornale e saggi. E uno di loro è il suo articolo di giornale, "Cos' è l'illuminismo?" o cosa è Aufklarung? (12.05). Una risposta alla domanda, che cosa è di Aufklarung? (12.08). Quell' articolo, di cui discuteremo oggi è la seconda parte della lezione. Ma molte delle nostre discussioni su Kant sarebbero guidate dalla letteratura secondaria disponibile oltre ad alcuni suoi scritti, saggi e articoli sui giornali. E anche, uno dei suoi testi, "Groundwork of the Metasics of Morals". Ci occupiamo di questi testi su Kant. E attraverso questi testi cercheremo di capire le opinioni di Kant sull'illuminismo, l'imperativo categorico, lo stato, la politica, la libertà individuale, l'autonomia e la morale, e la teoria della pace perpetua o "regno delle estremità". Questi sono alcuni dei temi che discuteremo di Kant osservando questi testi. (Riferirsi Slide Time: 13.04) Ora, se si guarda al contesto intellettuale di Kant, stava sviluppando la sua filosofia nel contesto di illuminismo già iniziato con la rivoluzione scientifica in astronomia, fisica, matematica, nuove modalità di pensiero sull'organizzazione della vita individuale e collettiva. Kant stava sviluppando la sua filosofia nel contesto dell'illuminismo e della rivoluzione scientifica in Europa. La Rivoluzione francese ha avuto una tremenda influenza sul discorso politico in tutto il continente. Così, la maggior parte degli stati europei erano governati dalla monarchia. E la Rivoluzione francese aveva stabilito il desiderio di una forma repubblicana di governo. Si è trattato di un tempo di transizione da una modalità di pensiero e di organizzare la propria vita individualmente e collettivamente per acquisire nuove modalità di pensiero, e la teorizzazione sulla conoscenza, il sé, gli altri, la società e la politica anche. Allora, c'era una sorta di crescente credenza nella scienza e nella ragione per risolvere le sfide che l'umanità ha affrontato. Fu anche un momento in cui gli esseri umani cominciarono a credere nel valore della scienza e della ragione. E questo ha salvato la nostra modernità. Nella fede, nella fede, o nei dogmi religiosi o nella spiritualità, in contrasto con quei moderni modi di pensare cominciarono a conoscere conoscenza, sé, società, comunità, politica, economia, scienza, progriss. Così, uno è guidato da una sorta di fede illimitata nella scienza e nella ragione. Così, gli esseri umani per la prima volta durante questa epoca di illuminismo hanno cominciato a credere nel valore della scienza e della ragione come fonte o strumento per risolvere tutte le sfide che l'umanità ha affrontato. Francesco Bacon ha stabilito l'autorità della scienza sostenendo che la conoscenza è potere. Si crede che per condurre una vita buona o dignitosa, uno deve sapere. E i poteri di conoscenza. La conoscenza dà potere all'individuo, alla società e ci deve essere una sorta di base scientifica per tutte le forme di conoscenza. Così, Francesco Bacon ha iniziato questo movimento che si chiama stabilendo l'autorità della scienza. Analogamente, Rene Descartes ha stabilito l'autorità della ragione sostenendo che gli esseri umani sono soggetti razionali e pensanti. E c'è una sorta di differenziazione delle specie umane provenienti da altre specie del pianeta. Rispetto agli animali o ad altre specie, gli esseri umani sono considerati dotati di ragione e razionalità. Così, gli esseri umani stanno pensando di essere e questo permette loro di controllare o salvare la prospettiva che c'è nella vita di un individuo. Descartes riteneva che gli esseri umani fossero un soggetto razionale e di pensiero. Possono pensare e ragionare anche sulla loro esistenza. Gli esseri umani sono capaci di attraverso l'uso della ragione, impostando la prospettiva della sua vita, per ottenere progressi singolarmente e anche a livello collettivo organizzando la società in modo migliore sul principio razionale. Così, raggiungere la prosperità e portando tutto intorno all'illuminismo nella vita dell'umanità. Dunque, queste idee di esseri umani come soggetti razionali o pensanti sono incapsulate nel suo famoso dictum. Rene Descartes ha detto: " Credo. Quindi, io sono ". La definizione stessa o la comprensione dell'essere umano si basa su questa idea che l'esistenza umana e l'identità si basano sul fatto che stanno pensando di essere. E la capacità di pensare fa di un uomo quello che si definiscono uomini razionali e illuminati. Il filosofo francese, Voltaire, similmente era sinonimo di pensiero illuminista. Kant stava sviluppando la sua filosofia in questo contesto in cui c'era eccessiva dipendenza o fiducia nel valore della scienza e della ragione. Anche se, l'illuminismo aveva molte tradizioni all'interno. Uno dei pensatori, abbiamo discusso in questo corso, Rousseau era molto critico sull'uso eccessivo della ragione, la credenza nella scienza e le arti come base del progresso umano. Era molto scettico di quei tipi di valori e considerato un pensatore illuminista. Kant, analogamente, pur riconoscendo la regola della ragione e della razionalità, stabilì anche i limiti della conoscenza umana. La sua critica di pura ragione, ragione pratica e giudizio, tutti hanno affrontato la questione della ragione umana, della razionalità e della conoscenza, e del modo in cui opera o funziona e ci sono dei limiti. Tuttavia, tutti hanno sostenuto che tutte le conoscenze dovrebbero essere sottoposte a un esame razionale. E cosa significa per scrutare razionale? In particolare, nel tempo dei social ci lasciano dire, dove ci sono tutti i tipi di fatti che ci vengono presentati. Ed è molto difficile per noi separare di fatto dalla narrativa. Ed è facile credere ai dogmi prevalenti o alle convinzioni forti che esistono nella società. Ora, questi pensatori illuminanti sosteneva, era lì quando c'erano modalità religiose di pensiero sul sistema planetario, sulla vita umana e sulla terra, ecc. Al contrario di quella modalità di conoscenza e di pensiero, questi pensatori illuminanti riteneva che tutte le conoscenze devono essere sottoposte a un esame razionale. Questo significa, impugnando ogni credenza, dogmi, pratiche nella società alla luce della ragione. E la conoscenza si basa su questo esame razionale critico di tutte le forme di conoscenza. Ora, parallelo al razionalista, alcuni empiricisti hanno proclamato che tutte le conoscenze emanate non dal motivo umano indipendente. Ma quello che hanno definito l'esperienza umana. Così, le grandi figure di queste scuole empiriciste sono state David Hume, Locke e molti altri. E Locke ha sostenuto che tutte le conoscenze sono iniziate con l'esperienza umana. E se ricordate la nostra lezione su Locke, abbiamo discusso di come la comprensione umana sia basata sull'esperienza umana. Così, contrariamente alla credenza razionalista in ragione umana e razionalità, Locke e altri empiricisti sostennero che la mente individuale fosse una slata in bianco (o tabula rasa), fatta per razionalizzare il sé e il mondo basandosi sull'esperienza umana che l'uomo ha acquisito per tutta la sua vita. La comprensione e la conoscenza umana non era qualcosa che emanava dalla sua ragione indipendente dal suo contesto o dall'esperienza piuttosto si basava sull'esistenza empirica o sull'esperienza degli esseri umani. Così, David Hume era il più grande sostenitore della scuola di pensiero di questa empirica. Così, hanno sostenuto i limiti della ragione da solo come fonte di conoscenza. Al contrario del razionalista, gli empiricisti hanno quindi sostenuto che il ruolo dell'esperienza umana è la fonte della loro conoscenza o comprensione di sé o di altri nella società. Quindi, c'è una sorta di netto divario tra il razionalista e il loro focus sulla ragione e la razionalità, e gli empiricisti, ci si concentra sul contesto materiale e sull'esperienza umana come fonte di conoscenza. Ha portato a una sorta di crescente domanda di unità o di wholezza del soggetto umano, del loro contesto, fonte o vera conoscenza. E i razionalisti seguendo Descartes crearono molte distinzioni o differenze tra l'anima e il corpo. Quindi, la mente e il corpo sono una sorta di distinzione o ragione e sentimento. Nella modernità c'è anche questo divario per sapere che per essere illuminati bisogna essere razionali. E per essere razionale è quello di eliminare sentimenti, emozioni o passioni. Questo tipo di dicotomia ha creato un divario nella soggettività umana che ha portato a molte contraddizioni nella società. Quindi, c'è una sorta di esigenza di unificare queste differenze, e la differenziazione categoriale tra la mente e il corpo, l'anima e il corpo, la ragione e la sensazione, la ragione dall'immaginazione, il pensiero dai sensi, il desiderio dal calcolo strumentale freddo attraverso la ragione. Così, l'impegno razionalista con la ragione e sottoponendo tutte le forme di conoscenza a questo esame razionale portò a tipi di differenze. E contro questo c'era la richiesta di una sorta di intesa unificata o intera del soggetto umano e della società. Quindi, l'eccessiva dipendenza dalla ragione ha portato allo scetticismo. Questo significa, dubiti di tutto come ogni prevalente tradizione, tradizioni, valori, norme nella società. Lei è scettico su tutto. E si accettano solo quelle cose che superano la prova di razionalità soggetta ai dogmi, alle pratiche, prevalenti nella società attraverso la ragione. E una volta passato quel test, poi lo accetti. Il che significa che siete scettici di tutte le forme di autorità, ordini, norme nella società. Quindi, l'eccessiva dipendenza dalla ragione ha portato allo scetticismo. E similmente, l'attenzione esclusiva sull'esperienza aveva portato al materialismo che quello che esisteva è solo materia. Kant e la sua filosofia trascendentale di etica, epistemologia e metafisica trascendono tali dicotomie tra i due. Ed è incapsulato in nessun caso e nella mente. Non può esistere una sorta di netta distinzione tra la mente e il corpo, la materia e la ragione. C'è una sorta di rapporto dialogico tra i due. Quindi, da una parte, si ha a Kant, una sorta di accertamento decisivo della ragione come unica fonte di conoscenza. E allo stesso tempo, sta spiegando i limiti di quella conoscenza. Ci sarebbe un mondo inaccessibile alla percezione umana o all'immaginazione umana. Quel mondo si chiama fenomeno. Ecco le cose in sé e questo discuteremo nella prossima classe. Allora, quello che bisogna capire che la filosofia trascendentale di Kant cerca di trascendere le dicotomie che esistono tra i materialisti e gli empiricisti, e i razionalisti. (Fare Slide Time: 25:48) Ora, se si guarda alla vita personale di Immanuel Kant che è molto noiosa se piace o una sorta di vita noiosa. Era tutto pronto preventivi e Kant si è sottoposto semplicemente a seguire quelle routine quotidiane. Kant è nato a Konigsberg in Prussia nel 1724. Aveva un'origine umile. E la sua famiglia si stabilì in Prussia migrata dalla Scozia, 100 anni prima della nascita di Kant. E salvo un breve periodo di tutoring in un villaggio vicino, Kant non ha mai lasciato la sua città nativa che è Konigsberg. Ha avuto la sua educazione e ha passato tutta la vita in città senza allontanarsi da quella città anche per una volta. E ha avuto un grande interesse per l'antropologia, la geografia, i territori, le diverse terre, i paesi. Ma mai nella sua vita, Kant si trasferì dalla sua città natale, dove morì nel 1804. I genitori di Kant erano pietisti che credevano nel rigoroso rispetto delle pratiche religiose e delle credenze. Ed è stata forse questa influenza su Kant nella sua prima infanzia, in particolare dalla madre, che Kant seppur superava gli insegnamenti religiosi nella sua vita adulta. Ma mai perso fiducia nella fede anche quando sosteneva che la ragione è alla base della vera conoscenza. E che vedremo come ha sviluppato quelle idee mentre Rousseau non aveva respinto la fede o la comprensione intuitiva della passione umana. Così, Kant in quel senso era un pensatore complesso per incastrarlo sia come razionalista o come qualcuno come Rousseau contasse il pensatore illuminista. Kant rimase un pensatore illuminista quintessenziale. Ma a suo modo. In molti ceppi complessi di pensiero c'è nella sua critica. Il più famoso come una critica di pura ragione, ragione pratica e giudizio. Nel 1755 Kant è stato nominato come docente privato all'Università di Konigsberg, la stessa città dove ha vissuto e ha studiato. È stato fatto professore ordinario di logica e metafisica nel 1770. E si è rivelato essere un grande insegnante e il professore più distinto dell'Università. E ci fu una grande ammirazione per i suoi insegnamenti. Il modo in cui si usava spiegare concetti, pensatori e idee in classe. Herder scrisse di quelle cose nei suoi ricordi di Kant e del suo metodo di insegnamento. Era un grande maestro. E ha sviluppato il suo ar filosoficoticolare molto più tardi nella sua vita all'età di 57 anni. Era un buon conversatore che amava circondarsi di amici. Ma conduceva una sorta di vita isolata e temeva qualsiasi tipo di relazione intima o interferenza dall'altra. Kant visse una vita meticolosamente organizzata e disciplinata. E ogni attività nella sua vita aveva un tempismo fisso. Uno dei biografi ha scritto che la sua routine quotidiana era come una serie di verbi che si alzavano, bevono caffè, scriveva, insegnando, cenando e camminando '. Così, la maggior parte della sua vita, Kant ha seguito questa routine meticolosamente senza deviarlo. Si alzava presto la mattina, aveva il caffè, usato per preparare le note o scrivere le sue lezioni, poi dare la lezione, cenare e camminare. Quella era la routine quotidiana di Kant. È stato così puntuale nel seguire questa routine che ha detto che il suo vicino ha usato il loro orologio osservando l'attività di Kant. Così, alle 3.30 era solito andare a fare una passeggiata. E tutti nel suo quartiere saprebbero guardando Kant o il suo lavoro che sono le 3.30. Era così meticoloso e disciplinato nel seguire la routine. Capo di loro era il suo post - cena tra gli alberi di lino (che è ancora conosciuto come 'filosofi passanti'). La sua vita era esclusivamente dedicata al perseguimento della conoscenza. E stava cercando di capire e spiegare i limiti, e funzioni di conoscenza come ho detto all'inizio di questa lezione. La preoccupazione primaria per Kant era capire qual è il funzionamento o il funzionamento della conoscenza e quali sono i suoi limiti? Allora, quali sono le cose che gli esseri umani possono conoscere? E quali sono le cose che rimarranno fuori dal dominio della conoscenza umana? Ha usato per adempiere i compiti che ha impostato per sé per pura perseveranza. Una volta che ha iniziato un compito, non importa quanto tempo ci vorrebbe. Ma lo avrebbe compiuto. Era così preoccupato dal perseguimento della conoscenza, delle sue fonti, dei limiti e del funzionamento che considerava il matrimonio come una distrazione e fonte di corruzione. E quindi, non si è mai sposato. (Vedi Slide Time: 32:04) In effetti, in due occasioni, si è avvicinato per averlo. Ma ha preso tanto tempo. Così, ogni azione della vita di Kant si basava su una riflessione approfondita e sulla riflessione sulle conseguenze di quelle azioni. Ci voleva molto tempo prima di impegnarsi a qualcosa o di impostare un compito per sé. E una volta che l'ha impostata, senza considerazione delle sue conseguenze, l'ha utilizzata. Si trattava del matrimonio che ha impiegato tanto tempo che non si è mai materializzato. Durante i tempi di Kant, Konigsberg divenne un centro di illuminismo, in particolare, durante il regno di Federico il Grande, e il suo abile ministro dell'educazione Von Zedlitz. Tuttavia, c'era una sorta di passaggio decisivo da questo approccio illuminista di Federico il Grande e il suo ministro dell'istruzione Von Zedlitz. Durante il tempo e il regno del suo successore, Federico Williams II, e il suo ministro dell'istruzione, Woellner che credevano nel ruolo della religione e delle credenze religiose nell'organizzare la vita. Il successore di Federico il Grande voleva ristabilire la religione e censurare ogni pubblicazione che fosse critica alla religione o alla fede. Quindi, il pensiero illuminista se ti piace che credesse nella ragione, il loro obiettivo principale erano i dogmi religiosi e le credenze. Voleva che tutte le forme di dogmi religiosi e credenze fossero sottoposte a un esame razionale e critico. Ora, questi successori di Federico il Grande volevano ristabilire la religione e quindi censurare ogni pubblicazione che fosse critica alla religione o alla fede. Così, il suo ministro dell'istruzione, Woellner era contro Kant che costrinse Kant a prendere una promessa che non si impegnava in nessuna discussione sulla religione pubblicamente - attraverso scritti o insegnamento. Kant visse la vita della mente davvero e appassionatamente. Superò molte delle sue fragilità fisiche e continuò a dare lezioni verso la fine della sua vita. Ha vissuto la sua vita, secondo il principio citato nella sua "Critica di Ragione Pratica", cioè - "Due cose riempono il cuore con il rinnovato e crescente soggolo e reverence...questi sono il firmamento stellato sopra e la legge morale all'interno". Così, la fonte di diritto morale per Kant non era fuori. Quindi, c'è un firmamento stellato sopra e la legge morale all'interno. Queste sono le due maggiori fonti di guida degli atti umani e la conoscenza umana, la comprensione umana e come la società organizza collettivamente la sua vita. E come la pace possa essere mantenuta o raggiunta tra la comunità delle nazioni o degli stati. Questa idea delle due somme principali della sua filosofia di moralità, autonomia e libertà, discuteremo nella prossima lezione. Nonostante vivessi sotto una monarchia, Kant era un grande ammiratore della Rivoluzione francese e valori repubblicani. Kant ha scritto la sua prima grande opera che è opera filosofica che abbiamo definito 'Critico di Pure Ragione' nel 1781 all'età di 57 anni. Così, nessun filosofo ha impiegato tanto tempo per articolare e scrivere, i suoi primi tredici all'età matura del 57. E nei prossimi 10 anni scrisse opere epocali in filosofia, metafisica, epistemologia ed etica come 'Groundwork della Metafisica dei Morali' che fu un lavoro preparatorio ad altre opere sulla morale. Che ha scritto nel 1785. La "Critica della ragione pratica" è stata scritta nel 1788. E il 'Critico del giudizio' è stato scritto nel 1790. Ha contribuito anche ad altre aree. Ma la sua maggiore preoccupazione è stata questa "Critica di Pura Ragione", "Critica di Ragione Pratica", e "Critica del giudizio". Queste sono le tre grandi opere che hanno delineato il funzionamento e i limiti della conoscenza, e la ragione umana e la razionalità. Oltre a loro, Kant ha contribuito anche ad altre aree come la politica, le arti, la religione e la fede. Tuttavia, la sua preoccupazione principale era quella di esaminare il funzionamento e i limiti della ragione, della razionalità e della conoscenza umana. E così facendo ha salvato la ragione dallo scetticismo e dalla fede da un cieco adorazione e sottomissione. Così, per la religione o la fede, ha fornito una sorta di base razionale, piuttosto che ciecamente segue o bendato. Non ha scritto nessun grande trattato politico e la maggior parte delle sue idee politiche di cui discuteremo sono disseminate nei suoi numerosi articoli di giornale e saggi. (Riferimento Slide Time: 37:52) Ora, discutiamo di questa idea di illuminismo o di età della ragione. Il termine illuminismo è di solito indicato come l'età della ragione. Allora, che cosa è illuminante? È l'età della ragione. Questo significa ragione, la razionalità è l'unica fonte di conoscenza o solo base di ogni vera conoscenza. Tuttavia, quando si guarda alla tradizione illuminista in Europa, ha coperto diverse idee e tradizioni intellettuali che sono state fatte di vari e spesso conflittuali tensioni di pensiero. C'era una differenza tra l'illuminismo tedesco dalla frenesia illuminista all'illuminismo scozzese. E ci sono stati vari punti di pensiero all'interno di questo progetto complessivo di illuminismo. Tuttavia, ciò che uniscono questi pensatori illuministi insieme era un atteggiamento di mente e di umore piuttosto che di un comune corpo di idee in cui la ragione umana e l'autoattualizzazione avevano dato il primato su altre cose. Così, in tutti i pensatori illuminanti, quello che troverete è il primato dell'individuo e come quell' individuo attualizzerà il proprio sé attraverso l'uso della ragione. E questo è stato dato il primato a tutto il resto. Anche l'organizzazione politica, lo Stato, la nazione, la comunità, l'economia dovrebbero spianare la strada all'individuo per attualizzare se stesso o se stessa. E questo è in un certo senso, una specie di tutto il progetto della modernità. Ovvero lo Stato, il mercato, l'economia, la comunità tutto è lì per l'autoattualizzazione di un individuo. E solo che l'individuo è in grado di azionare se stesso o se stesso che sia capace o audente di usare la sua ragione piuttosto che guidato dal motivo o da altre classi di guardia. E questo discuteremo quando discuteremo le opinioni di Kant su illuminment.Così, che sintetizzano i variegati ceppi di pensiero nell'illuminismo che hanno dato il primato alla ragione umana e all'autoattualizzazione su tutto il resto. La crescita dell'autocoscienza, la crescente consapevolezza del potere della mente dell'uomo di imporsi nel mondo all'analisi razionale erano le caratteristiche dominanti dell'illuminismo. Se provi a capire cosa era illuminante? Era questa crescente consapevolezza di sé o crescente comprensione o fede nella mente umana che avrebbe soggetto se stesso o il mondo all'analisi razionale. La fede nel potere della ragione di