Loading

Alison's New App is now available on iOS and Android! Download Now

Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Passeremo attraverso la storia, la mia ferma convinzione è che aiuta a plasmare il nostro pensiero sullo sviluppo. Allora potreste pensare che queste siano tutta storia, è finita, e qual è il punto di sapere, ma sento ancora che vale la pena prendere qualche minuto per guardare il passato per capire come il processo di pensiero sia plasmare in un determinato campo.

Così come l'epigenesi e la preformazione, un'altra teoria controversa è stata posata a riposo circa 20 anni fa. Quindi la maggior parte di voi sa già che tutte le cellule hanno la stessa serie di cromosomi, e cioè da dove arriva questo concetto chiamato equivalenza genomica. Ciò che significa è prendere qualsiasi cellula del corpo adulto; hanno la stessa serie di cromosomi. Ci sono eccezioni come RBCs non hanno nemmeno un nucleo, e se tu fossi disposto a pensare un po' di più, devi aver imparato la ricombinazione di VDJ in Immunologia. In risposta al materiale straniero, le nostre cellule B sono in grado di generare un anticorpo personalizzato per un determinato patogeno, in particolare alla forma, nemmeno al patogeno. Quindi viene reso possibile quando il loro genoma subisce nuovamente la risistemazione e che si chiama VDJ ricombinazione. Quindi ogni cellula B, quindi, ha un genoma che è diverso da un'altra cella B lascia da solo un'altra cellula somatica. Quindi ci sono variazioni, ma da e grandi, la maggior parte delle cellule somatiche, in qualsiasi organismo ha la stessa serie di cromosomi, ed è quello che chiamiamo equivalenza genomica. Quindi ora, la domanda è, cosa controlla lo sviluppo?
È il citoplasmo dell'ovocita?. Oocita arriva con un enorme citoplasmo. È molto più grande della maggior parte delle altre cellule. Quindi, arriva con tutte le cose necessarie per lo sviluppo di un organismo?. Così quella era una scuola di pensiero un altro era i cromosomi. Sono i cromosomi che determinano non il citoplasmo. Allora, allora le persone perseguite entrambi per trovare prove, ed è così che la scienza progredisce così vedremo quelle.
(Riferimento Slide Time: 03.41)

Così, uno dei famosi embrioni che ha contribuito in modo sostanziale al campo dello sviluppo oltre che alla genetica è Theodor Boveri. Allora, una delle sue prove è quello che guarderemo a questo è che ha guardato il citoplasmo. Salteremo parte della genetica qui che è, come hanno fatto le persone a trovare i geni di Mendel si trovano sui cromosomi? Che stiamo ignorando. Quindi nella classe di genetica possiamo imparare che, quindi qui assumiamo che già sappiamo che i geni sono sui cromosomi. Molto brevemente una delle cose era il comportamento dei cromosomi quando i citologi osservavano e osservavano i cromosomi dove seguire le leggi di Mendel. Ecco quindi che è molto brevemente una frase la descrizione di quella prova e ce ne sono di più, alcune di loro vedremo anche qui. Quindi quello che ha fatto è; (Fare Slide Time: 04.49)

Ha preso il riccio di mare, la cui modalità di riproduzione è la fecondazione esterna. Molte persone hanno usato i ricci del mare per studiare la fecondazione, quindi questo è un altro argomento nella parte successiva di questo corso. (Riferimento Slide Time: 05.51)

Così ha fecondato l'ovocita con una quantità eccessiva di sperma tale che ha ottenuto alcuni zigoti con più spermatozoi o due spermatozoi come qui. Poi ha permesso all'embrione di progredire, e ha trovato l'embrione che montava quattro poli come due spinelli, e poi finisce per fare ogni tipo di strano mandrino.
(Riferimento Slide Time: 06.21)

Poi l'embrione finì per dividersi in quattro cellule in un punto in cui avrebbe dovuto dividere in due cellule ognuna avendo variato numeri di cromosomi. Ha isolato i blastomeri e ha dimostrato che a causa di anomalie cellulari cromosomiche non si sono registrati progressi e le cellule sono morte. Così qui si vede che le cellule si disintegrano in un embrione e morte dell'embrione. Questa è quindi una delle evidenze che indicano che la normale embriogenesi richiede un numero normale di cromosomi. Quindi, quindi, la materia cromosomica.
(Riferimento Slide Time: 06.55)

Nettie Stevens, è stato un postdoc di T.H. Morgan che è un genetista molto famoso, ma inizialmente ha sostenuto il controllo citoplasmatico dello sviluppo. Sì, quindi l'embrione era di due scuole in quel momento. Così Nettie Stevens sentiva fortemente che sono i cromosomi che controlla lo sviluppo. In seguito ha lavorato con Edmund Wilson che ci ha anche creduto. Hanno mostrato in molti organismi la determinazione del sesso è dai cromosomi. XY o XO in molti organismi sono maschi, e XX era femmina.
Così T.H. Morgan lo ha testato più rigorosamente e inchiodato. Ha scoperto che il gene del colore degli occhi di Drosophila è ereditato, su X cromosoma, è un'eredità legata al sesso e che alla fine ha dimostrato che i geni sono sui cromosomi.

Ecco allora come progredisce la scienza; le persone non si bloccheranno su un'idea per sempre quando la superficie delle prove cambiano opinione. Quindi questa è una storia affascinante da conoscere. Vedi, presumo che alcuni di voi stiano per essere degli scienziati in erba, e quindi, il modo di pensare processo plasmare nei passati scienziati sarebbe utile.
(Riferimento Slide Time: 08.34)

Quindi tutte queste prove mostrano che i cromosomi sono essenziali, e ma se tutte le cellule hanno gli stessi cromosomi e i cromosomi diretti dello sviluppo, allora come nascono diversi tipi di cellule, come mai la stessa serie di cromosomi rende il cuore e i polmoni? Quindi questa è una grande domanda. Così August Weismann propose una teoria chiamata Germplasm theory. Ecco quindi che questa è una delle tappe critiche della biologia, tanti biologi considerano questa teoria del plasma germinale e la sua importanza come prossima alla teoria dell'evoluzione di Darwin. Quindi qual è questa teoria, è stato il primo a distinguere le cellule somatiche dalle cellule germinali. Così ha proposto che le cellule germinali mantengano tutti i cromosomi, il materiale genetico e sia passato di generazione in generazione; mentre le cellule somatiche che escono da queste cellule germinali in ogni generazione che sono i gameti si fondono per generare lo zigote e dallo zigote si ottengono cellule germinali così come il resto del corpo. Ad esempio, i muscoli ricevono solo le istruzioni necessarie per far sì che i muscoli e le cellule del sangue ricevano solo le istruzioni per fare le cellule del sangue. Analogamente, Neurons riceve informazioni per rendere i neuroni.

Ecco allora cos' è la teoria dei germplasmi ed è così che ha pensato che le cellule diverse diventino diverse tipologie di cellule. Così Boveri è un ulteriore esperimento che è stato una pietra miliare significativa che ci aiuta a distinguere la visione di Lamarck dell'evoluzione dalla visione dell'evoluzione di Darwin. Quindi la teoria dell'uso - in disuso richiederebbe le informazioni nel muscolo andare alla generazione successiva. Quindi questo è l'unico modo in cui i personaggi imparati potrebbero essere acquisiti, e la teoria dei germplasmi spiega perché questo non accadrebbe perché le informazioni del muscolo non vanno alla generazione successiva. Così solo la cellula germinale va. Quindi, quindi, la selezione casuale da cambiamenti che si verificano nei cromosomi delle cellule germinali è ciò che viene selezionato in ogni generazione. Ecco allora che questa teoria dei germplasmi ha contribuito a comprendere la teoria dell'evoluzione di Darwin.

La componente principale della teoria dell'evoluzione di Darwin non è che ha raccontato per la prima volta l'evoluzione; il contributo principale sta trovando un meccanismo di evoluzione. Quindi il meccanismo è la selezione naturale, e per questo, questa teoria è stata strumentale nel spiegare perché i personaggi acquisiti non saranno passati direttamente alla generazione successiva.
(Riferimento Slide Time: 11.50)

Così Boveri ha fatto esperimenti aggiuntivi che hanno sostenuto la teoria dei germplasmi. Questo è principalmente a causa dell'organismo che scelse, quindi C. elegans non era il primo nematode che veniva usato per gli studi. Nel 1901, Boveri utilizzò Ascaris, che era un nematode parassita. Boveri morì di infezione da Ascaris anni dopo. Quindi il motivo per cui ha scelto l'Ascaris è che ha solo due cromosomi, quindi per affrontare specifiche questioni biologiche è necessario avere conoscenza degli organismi. Quindi solo allora sapremo quale organismo è adatto ad affrontare una determinata domanda senza la quale non si sarebbe semplicemente in grado di rispondere. Ecco perché è più essenziale imparare la botanica e la zoologia prima in realtà, si impara la biologia molecolare e la biochimica.

Ecco perché non troveremo C. elegans o Drosophila o Arabidopsis perché non impariamo organismi. Così sapeva che Ascaris ha solo due cromosomi, e quindi, sarà facile osservare cosa succede a questi due cromosomi come le cellule si dividono. La teoria di August Weismann propone che le cellule somatiche avranno contenuti diversi.
(Riferimento Slide Time: 13.24)

Boveri ha seguito la divisione cellulare di Ascaris embrione; ha usato i nomi che vengono utilizzati in C. eleganti come EMS, i muscoli endoderm provengono da quello, P1, P2, P3, P4 sono il lineage germline. Quindi qui se guardate questo, nel primo diagramma il fondo sarà il futuro germoso. Quindi ci sono i cromosomi lì, e se si va al secondo diagramma, la cella superiore sta impostando il prossimo mandrino per la prossima divisione che si vedono i cromosomi si spegne, quindi questo è ciò che accade in altre cellule. Al contrario, le cellule che saranno future germline rimangono intatte. Si passa attraverso questa sovradivisione, quindi i cromosomi in quelli che vanno ad essere cellule germinali sono integri, ma nelle cellule adiacenti, che sono i blastomeri somatici, i cromosomi sono frammentati. Quindi questo processo si chiama cromosoma diminuendo.
(Riferimento Slide Time: 14.39)

E si va oltre l'embrione in cui la cleavage è sovrastata le due cellule germinali primordiali conservano intatte i cromosomi, mentre in altri si è rotto in pezzi più piccoli così questo è un forte supporto per la teoria dei germplasmi.
(Riferimento Slide Time: 15.00)

Così che è Ascaris. Ma questo avviene in ogni organismo? No. Quindi questo significa che ci devono essere altre spiegazioni in altri organismi per sostenere la teoria del plasmo germinale o la teoria del plasmo germinale potrebbe essere sbagliata.
Quindi, dunque, l'obiezione per il controllo nucleare dello sviluppo persiste. Così la gente pensava ancora che il nucleo possa non essere tutto, significa che i cromosomi potrebbero non essere tutto; il citoplasmo probabilmente è ancora la chiave.

Quindi l'unico modo per affrontare questo è quello di prendere il nucleo di una cellula somatica completamente differenziata e mostrare che può indirizzare un uovo in un embrione completamente sviluppato. Così che richiesto il trasferimento nucleare somatico.
Ciò aveva bisogno di un qualche avanzamento tecnico dove il nucleo può essere rimosso da un uovo e, allo stesso tempo, attivare l'uovo; il citoplasmo si attiva quando lo sperma entra. Poi si introduce un nucleo somatico e quindi questo doveva essere capito, e la gente lo ha fatto alla fine.
(Riferimento Slide Time: 16.18)

Keith Porter ha sviluppato una tecnica per farlo. Così ha scoperto che facendo poichè e provando solo a spostare il nucleo fuori, non solo è riuscito a rimuovere il nucleo, è finita anche ad attivare anche il citoplasmo dell'uovo. Così questa si chiama la tecnica di Porter. Così ha trovato un modo per rimuovere il nucleo dall'uovo.
(Riferimento Slide Time: 16.42)

E facendo ulteriori miglioramenti su questo, Briggs e King, sono stati in grado di mostrare che il nucleo trapiantato da altre cellule può indirizzare un uovo di rana per svilupparsi normalmente. Ma l'unica differenza è che sono riusciti ad andare fino ad un certo stadio come fino al palco di blastola ma non fino alla fase di tadpole e quell' attesa aveva bisogno di qualche maggiore ottimizzazione, e hanno dovuto lavorare su un diverso set di rane.

E così ecco un esempio di come questo sia stato fatto. Quindi questo è un film, ma sono sicuro che il film non giocosa. Quindi essenzialmente si ha una cellula della pelle e una cellula uovo, quindi si prende il nucleo dalla cellula uovo e poi si introduce il nucleo dalla cellula della pelle e poi lo si permette di sviluppare. Il modo in cui si fa, quindi questo è un uovo. Qui si ha un capillare dove si applica la pressione gentile; pertanto si tiene in posizione. Non si allontana. Quindi questa tecnica varierà da organismo a organismo. Questo vale per la maggior parte dei mammiferi e anche nei vertebrati. Ecco quindi l'aspirazione applicata. Così si tiene al posto. Allora allora questo è l'ago che si sta per infilare dentro, e in questo, si va a prendere il nucleo fuori delicatamente e l'altro nucleo che si ottiene dalla cellula della pelle è messo in questo e poi il suo nucleo sarà diploide. Non hai lo sperma in questo e guardi cosa succede.
(Fare Time Slide: 18.33)

Quindi ci sono stati due problemi con Briggs e King Experiment. Una è che non è andata oltre il palcoscenico della blastola, e l'altra è che hanno usato il nucleo da un'altra cellula embrionale. È ancora una cellula indifferenziata; non è equivalente ad un organo somatico completamente sviluppato.
(Fare Time Slide: 18.50)

Così John Gurdon, che ha ottenuto il premio Nobel solo qualche anno fa, meno di dieci anni per il lavoro svolto nel 1962. Così ha ricevuto un premio Nobel insieme al gruppo Yamanaka per aver fatto la clonazione somatica nel topo. Ma lo hanno fatto molto recentemente in topo, ma Gurdon aveva fatto negli anni ' 1960s, e ha dimostrato che si potevano prendere nuclei cellulari intestinali e introdurre usando la tecnica di Briggs e King, e possono svilupparla fino ai tadpoli.
(Fare Time Slide: 19.36)

E usando diversi trucchi genetici, come per esempio, qui si ha una frog color scuro, e si prendono i nuclei da questi colorati e usando il suo uovo, poi si mostra che tutta la progenie è come il donatore del nucleo. Mostrando che, due cose un nucleo indirizza lo sviluppo e altre prove per l'equivalenza genomica. Sta prendendo le cellule intestinali, e ce l'hanno. Ora ovviamente la gente ha fatto anche con altre cellule somatiche.

(Fare Time Slide: 20.16)

Questa è una prova in più, quindi sono sicuro che alcuni di voi sono nati dal momento in cui questo è stato pubblicato, è quello recente. Così Wilmut in Scozia e il suo gruppo sono riusciti a fare un esperimento molto simile nelle pecore. Dall'uovo del donatore di ovociti, il nucleo e il mandrino sono stati rimossi, e poi le cellule udenti dal donatore del nucleo sono state trasferite nell'ovocita enucleata, e poi è stato permesso di svilupparsi.

Quindi lo shock elettrico consente la fusione a membrana - membrana, poi si coltiva l'embrione fino allo stadio blastocista, e poi si impianta nella madre surrogata e poi la progenie è geneticamente identica al donatore del nucleo, non quella che ha fornito l'ovocita. Così questo chiodo giù che c'è equivalenza genomica, così come il nucleo guida lo sviluppo.
(Riferimento Slide Time: 21.43)

Così questa è la Dolly e il suo bambino qui. Ma questo non è dire che il DNA da solo è responsabile dello sviluppo. Quindi ci sono variazioni a questo concetto prevalentemente vero. Quelle variazioni sono variazioni sottili ma ancora importanti.
(Riferimento Slide Time: 22.08)

Uno di loro è illustrato qui. Così questo gattino è un clone somatico di questo gatto, e in questi gatti il colore del cappotto ha variazioni casuali, e questo avviene a causa dell'inattivazione casuale di uno dei cromosomi X. Ma per arrivare a quello c'è un concetto chiamato compensazione del dosaggio. Così tutte le ragazze hanno due cromosomi X e i ragazzi hanno solo un cromosoma X. Quindi avremo raddoppiato la quantità di output di X chromosome o avremo la metà dell'output nei ragazzi? Ma alla fine è la stessa uscita che è perché l'uno extra X cromosoma è disattivato. Quindi ci sono molteplici meccanismi per gestire la compensazione del dosaggio, ma non ci metteremo in tutti. Considereremo solo gli organismi dove un cromosoma X è stato disattivato. Quindi quale cromosoma X è disattivato e in quale fase di sviluppo. Così che varia da organismo a organismo, e in questo gatto è inattivazione casuale in ogni cellula somatica. Quindi a seconda di quale parte della pelle che X cromosoma è disattivata si ottengono diversi pattern di colore e a causa di ciò questo gattino non sembra identico. Quindi quello è uno, e si tratta di modifiche epigenetiche. Il DNA rimane lo stesso, e il DNA è responsabile soprattutto e ci sono altre situazioni come l'ambiente che possono ancora influenzare.

Quindi il DNA non è l'unico determinante, ma per la domanda originale la risposta è sì, è l'insieme dei cromosomi che determinano lo sviluppo.
(Riferimento Slide Time: 24:03)

Così è così che abbiamo imparato lo sviluppo diretto dei cromosomi e il contenuto genetico della maggior parte delle cellule è equivalente. Dico di più perché ci sono variazioni come i nostri RBCs, le cellule immunitari.
Vedi se è così, allora la stessa serie di cromosomi, come si dirigono allo sviluppo? Ogni cellula deve diventare un tipo di cellula diverso; come succede? Pertanto il postulato qui è lo sviluppo deve procedere per inattivarsi temporaneamente parti di cromosomi. Poiché i cromosomi esistono ancora, non c'è una diminuzione cromosomica, come abbiamo visto ad Ascaris. Ciò significa che parte del cromosoma si esprime in un tipo di cellula e un'altra parte si esprime in un altro tipo di cellula e così via ed è questo che ci porta ad un concetto chiamato espressione del gene differenziale.
Così la maggior parte dei moderni biologi dello sviluppo si occupa di questa idea di espressione genica differenziale.
Ecco allora quello che le persone si concentrano, e gran parte della ricerca è a riguardo.
(Riferimento Slide Time: 25:09)

Così i geni controllano lo sviluppo e se è vero qual è la risposta, è l'espressione del gene differenziale. Ecco quindi la fine di questa discussione. Quindi passeremo alla nostra prossima cosa, analizzeremo come avviene l'espressione del gene differenziale.
(Riferimento Slide Time: 25:32)

Così l'espressione genica effettivamente può essere controllata a diversi livelli. Sono sicuro che molti di voi potrebbero già conoscere la vostra classe di biologia molecolare, ma per dare continuità, passerò rapidamente attraverso di loro. Così, si possono avere differenze nella trascrizione genica; ad esempio, il gene globin non è trascritto nelle cellule pancreatiche, che producono insulina, e altre cellule non le producono. Ecco quindi un regolamento di livello di trascrizione.

Un gene può essere trascritto in un tipo di cellula ma non in un altro tipo. Quindi che sia la trascrizione del gene differenziale, e secondo, una differenza simile potrebbe esistere a livello di elaborazione di RNA nucleare, ad esempio, splicare ed esportare fuori dal nucleo potrebbe variare. In un dato tessuto, un particolare mRNA del gene non può essere esportato mentre lo stesso mRNA viene esportato nel citoplasmo in un altro tipo di cellula. Quindi, cioè l'elaborazione selettiva dell'RNA nucleare, e poi si ha la traduzione selettiva RNA messaggero. Ad esempio, se si assumono due tessuti come cellule germinali o neuroni, lì la risposta richiesta è rapida come se si prendono i neuroni; ad esempio, la risposta richiesta è rapida. Quindi non si può attivare l'espressione di un nuovo gene fino a partire dalla trascrizione in poi, non si può avere quel tempo. In tali situazioni, si dispone di mRNAs già fatti ma non tradotti fino a quando non è necessario. Analogamente, se si prende il processo biologico di riproduzione, lo sviluppo embrionale precoce, durante la rapida cleavage, non avrà la capacità di fare tutto partendo dalla trascrizione in poi.

Molte proteine sono necessarie durante l'embriogenesi precoce e i loro mRNA sono già trascritti nella germline della madre e portati in via della citoplasmi ovocita dove l'mRNA viene mantenuto tradenzialmente quiescente. La loro traduzione viene attivata sequenzialmente come e quando sono richieste.
Ecco quindi due esempi perfetti dove il controllo della traduzione gioca un ruolo significativo, quindi è così che si ha la traduzione selettiva RNA messaggero.

Questo è un altro passo di espressione genica dove si può avere il controllo per portare l'espressione del gene differenziale e un altro passo importante. Questi sono i quattro passi chiave, ma ci sono altri sub - step in ognuno di questi dove si può avere il controllo dell'espressione genica. Non pensare che il controllo dell'espressione genica significhi un controllo trascrizionale che è un fraintendimento comune tra molti studenti che non hanno studiato biologia dello sviluppo.

Ma dopo questo corso, non si avrà quella sensazione, e si può anche avere a livello di modificazione proteica. Quindi avete visto due tipi di modifica proteica se avete studiato nella classe di biochimica uno è l'attivazione di zymogen come la proteina è fatta come pre, pro - proteina. Poi viene cleato per generare il prodotto finale come alcuni degli ormoni e dei fattori di coagulazione del sangue e così via. Poi si hanno altre proteine dove modificazioni post - traslazionali come la fosforilazione attivano o inattivano le proteine.

Questi sono quindi i livelli in cui si possono fare differenze tra i tipi di cellule in termini di quali geni sono espressi e non sono espressi. Analizzeremo questi regolamenti, e prima di entrare in questo, avremo una buona idea di struttura cromosomica e della struttura del gene eucariotico. Questo è quello che faremo nelle prossime slide.
(Riferimento Slide Time: 29:44)

Quindi sono sicuro che conosciate bene, ma voglio passare in fretta. Ecco quindi una struttura di cristallo dello stesso qui. È il cromosoma con tutte le proteine; qui le proteine sono istanti. Quindi si hanno i diversi istanti, i quattro diversi diversamente colorati qui e il DNA è avvolto intorno e presta attenzione a queste code, quindi queste sono le code di stilo che escono. Quindi sono essenziali per la nostra discussione, e ne avete uno Histone, questa struttura arancione color arancione, H1, che gioca un ruolo cruciale nel compattare davvero questa struttura in una lunga struttura a spilla.
(Riferimento Slide Time: 30:37)

Sto particolarmente e intenzionalmente evitando la parola solenoide perché alcuni di voi dovranno andare a guardare il dizionario per trovare ciò che solenoide significa primavera, un rotolo. Quindi questo avvoltoio è possibile perché il H1 che si lega qui, che può tirarli insieme e farli diventare un rotolo come questo. Così è così che il nostro cromosoma esiste, come una struttura condensata rigorosamente cotto.

Quindi è supercoiling perché qui stesso si ha coiling. Poi si ha uno strato aggiuntivo di coiling, e ognuno è il nucleosome, quindi contengono otto molecole di Histones, H2A, H2B quattro di esse, e poi H3 e H4 ciascuna due. Ecco allora la struttura qui, ed è così che esiste un cromosoma. Ora prestiamo attenzione a queste code.
(Riferimento Slide Time: 31:41)

Quindi alcune parti del cromosoma sono strettamente condensate, e le chiamiamo eterochromatina, e lì la maggior parte di queste code su H3 e H4 sono metilate. La metilazione favorisce comunemente questa coiling, e queste sono solitamente trascrizionalmente silenziosi e non sono accessibili ai fattori di trascrizione e RNA polimerasi. A meno che non diversamente, un tipo speciale di fattore di trascrizione chiamato fattori di trascrizione pionierici che impareremo più avanti. Nei nucleosomi non condensato, gli Histones mancano i segni di metilazione, non tutti i segni di metilazione ma la maggior parte di questi e sono di solito acetilati. Quindi l'acetilazione in H2, H3, H4 segna cromatina attiva. Ecco, qui, si vede il controllo dell'espressione genica all'anatomia del cromosoma. Ed è perlopiù regolato da modifiche a queste code, ed è per questo che stavo raccontando di prestare attenzione alla coda al livello della struttura di cristallo stesso. Così questo ti dà un'idea di come sono disponibili prontamente o piuttosto facilmente accessibili per gli enzimi che potrebbero aggiungere o rimuovere il gruppo di metile o acetile.
(Riferimento Slide Time: 33:22)

Quindi, ora uno sguardo più attento a uno dei nucleosomi focalizzati principalmente sulla coda H3. Quindi qui se vi guardate hanno questi rossi che sono i segni di metilazione. Così alcuni dei segni di metilazione rossa combinati con l'acetilazione, in generale, attivano la trascrizione. Questo è il punto che voglio fare qui.
Non è che la metilazione significhi inattivazione indipendentemente da dove si trova la metilazione, quindi qui questi numeri 79, 38, 27, 9, 4 etc. si riferiscono ai residui di lisina in H3 a partire dal suo N terminus a C terminus.

Quindi, a seconda della quale uno di questi lisina è metilato e se la cromatina complessiva è acetilata o meno, determina se sarà attiva o meno. Questi vengono mostrati qui, ad esempio, quando si ha H3K4, la lisina H3 di H3 è metilata allora questo fattore si legerà, e questo porta all'attivazione trascrizionale, e qui H3K9 di metilazione silenti heterochromatina. Ecco quindi come le modifiche a Histones possono avere un impatto sull'espressione genica.

Così qui il controllo è a livello trascrizionale. Così l'anatomia cromosomica stessa influenza la trascrizione, ad esempio, oltre alla metilazione, che è una modificazione post - traslazionale di Histone, che è una proteina, si ha la metilazione di basi azotate anche sul DNA, ad esempio la metilazione citosina. Quindi non confondere tra le due metilazioni. Così in un cromosoma il DNA può essere metilato, che non è la nostra discussione corrente, e si possono avere proteine che sono anche metilate. Qui si parla di metilazione proteica; la proteina è Histone.
(Riferimento Slide Time: 35:32)

Dopo aver guardato il cromosoma nel suo insieme, ci rinfrescheremo la memoria sulla struttura di un gene eucariotico. Non capisco quale sia il problema, ma la maggior parte degli studenti dopo aver percorso il corso di biologia molecolare anche dopo un paio di anni dopo quando si chiede loro di disegnare la struttura di un gene cromosomico eucariotico hanno problemi e le persone non capiscono, ad esempio, dove si fa promotore rispetto all'inizio del codon e a quella che è una regione non tradita del 5 (5 ' UTR).

È 3 'la regione non tradotta (3' UTR) è presente nel cromosoma o no ed è la coda Polia A presente nel cromosoma o da dove proviene. Così come quella gente ha confusione, per evitare di aggiornare la nostra memoria della struttura di un gene eucariotico. Così questa barra orizzontale rappresenta la sequenza di DNA di una parte del cromosoma eucariotico. Così qui, prima ci concentreremo su ciò che è facile per noi capire che è la sequenza di codifica.

Così la sequenza di codifica è divisa in esoni che significano che ci sono sequenze che non fanno parte dell'mRNA maturo. Quindi ci sono intron 1, intron 2 qui che deve essere rimosso nell'mRNA finale maturo e avere le sequenze corrispondenti a questo exon 1 nel DNA, exon 2 ed exon 3 subito dopo. Poi a partire dal codone di inizio, che è la codifica ATG per la metionina, si va fino a fermare il codone.

Quando si guarda alla struttura del gene, queste sequenze di codifica sono divise in esoni con gli introni intervenuti. Poi quando si guarda alla fine dei 3 'si hanno ulteriori sequenze, e si chiamano le 3' regioni non tradotte, cioè queste sono presenti in mRNA maturo, ma non si codificano per gli aminoacidi.

Si tratta di sequenze oltre stop codon, quindi il punto primario che voglio sottolineare è l'mRNA ha sequenze oltre il codone di stop, e che si chiama 3 'regione non tradita perché in termini di direzionalità dell'mRNA è da 5' a 3 'quindi si tratta di 3' regione non tradita. Così che viene dal cromosoma; è trascritto dal cromosoma e viene conservato nell'mRNA quindi è un eson. 3 'UTR corrisponde ad un exon proprio come le sequenze di codifica degli aminoacidi e in quella sequenza di RNA, 3' UTR hanno sequenze come la poly-A, la sequenza di segnaletica in poliadenilazione che segnala due cose, una cleavage dell'RNA dalla trascrizione primaria e poi si promuove la poliadenilazione, come si aggiungono polizze A code. Una certa quantità di coda di poly-A viene aggiunta nel nucleo, e ulteriore estensione di ciò accade nel citoplasmo.

Quindi la coda poli-A non è presente nel cromosoma, è un enzima separato che aggiunge più A continuamente uno dopo l'altro. Non richiede un modello perché si aggiunge continuamente A a qualsiasi RNA esistente. Così è così che si fa. Il riassunto è che dopo aver smesso di codone si ha una sequenza di RNA e che si chiama 3 'regione non tradotta, e che contiene una sequenza di poliadenilazione che aiuta in ripulire la trascrizione primaria all'aggiunta di una coda di poly-A di 3' e lasciatevi andare al 5 ' ora così.

Negli anni '5' similmente prima dell'ATG si ha sequenza e che si chiama 5 ' regione non tradita e che di solito inizia con la base chiamata sito di inizio trascrizione e che viene modificato come il
3 'modificato con la polpa A coda, questo ottiene un tappo, un tappo di 5' è un trimetil G ha aggiunto ad esso. Ecco allora la sequenza di RNA, ma qui nella sequenza di DNA a monte dell'ATG si avrà una qualche sequenza di RNA.

Anche questo fa parte dell'exon o nel genoma mentre il trimetil G non fa parte del genoma. Quindi a monte di quello, hai un promoter. Il promoter è dove RNA polimerasi si lega e inizia a trascrivere. La prima base che viene trascritta è il sito di inizio della trascrizione o il sito di iniziazione che non è ATG, ATG arriverà più a valle alla fine del 5 ' regione non tradita e la regione promotore può avere più parti in essa che discuteremo nel dettaglio mentre andiamo.

La scatola TATA è una che è presente in tutti i promotori. Quindi questi sono come i core promoter, la sequenza promoter necessaria per la trascrizione di qualsiasi gene e particolari sequenze aiutano nell'espressione del gene differenziale