Loading
Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Cari partecipanti, Nei moduli precedenti abbiamo visto come le conseguenze dello sviluppo tecnologico nel mondo occidentale abbiano avuto grande significato per lo sviluppo dell'umanità e della nostra cultura. Nel 20 secolo nuove interconnessioni tra media e tecnologia hanno creato nuovi modi di riconoscere e identificare il mondo di cui uno vuole diventare parte. La scelta individuale sta diventando gradualmente più importante con gli interventi tecnologici più recenti, nello sviluppo di forme mediatiche. Possiamo vedere che la nuova tecnologia e le forme tecnologiche di media e informazione hanno radicalmente trasformato le nostre esperienze in aspetti sociali e culturali e anche nel modo in cui percepiamo la natura della realtà.
 
La crescente accessibilità e la più ampia disponibilità dei media in particolare dopo
la tecnologia nel contesto dei social media collegati ha alimentato cambiamenti culturali e sociali. Possiamo subito scoprire cosa sta accadendo e anche possiamo lasciare che il resto del mondo sappia subito cosa pensiamo di quel particolare evento. Così, l'immediatezza e la simultaneità di eventi e idee e anche di idee ed eventi ha
ha creato un notevole spostamento culturale. Anche le nostre comprensioni della parola cultura sono cambiate e allo stesso tempo possiamo dire che le interconnessioni tra media e cultura sono diventate più resistenti e più operative anche con il passaggio del tempo. C'è quasi un circolo ermeneutico a cui dobbiamo fare riferimento quando parliamo di cultura o media. Tutte queste forze che qui vengono citate la tecnologia stessa i suoi sviluppi correlati nel campo dei media, le forze di mercato e come danno una particolare forma ai media oltre che alla tecnologia, le problematiche legate al genere, alla razza e all'etnia etc., e come fanno queste forme collettivamente a plasmare la cultura e ne sono continuamente sfogliate, questi temi hanno sempre generato un serio pensiero accademico e critico. Possiamo brevemente dire che la parola cultura è una parola multi - stratificata e ogni strato nella sua interpretazione ha contesti storici seri, quindi scopriamo che ogni strato ha le sue connotazioni a seconda di una particolare razza, una particolare etnia, un particolare contesto politico, classe economica, genere etc. Raymond Williams all'inizio del 20 secolo ha cercato di capire i fenomeni di mutare interpretazioni della cultura e ha detto che in sostanza cerchiamo di capire questa parola da tre prospettive contemporaneamente. Secondo lui, la prima interpretazione è legata ai processi di perfezione in termini di certi valori assoluti o universali a cui l'umanità si strizza. Lo scopo secondario secondo Raymond Williams è lo scopo documentale, come la cultura diventa un record di pensiero umano nei modi che noi intellettualmente o immaginiamo guardiamo a diverse problematiche e cerca di rappresentarli e come plasmare le nostre attività critiche in vari campi. Il terzo aspetto legato alla cultura a parere di Raymond Williams è stato come descrive un particolare stile di vita e come spiega i valori impliciti ed espliciti legati ad uno stile di vita particolare e come si cerca di spiegare le strutture delle organizzazioni sociali come la famiglia, il lavoro, ecc. Gli studi culturali coinvolgono contemporaneamente, un metodo disciplinare multi e trasversale per cercare di guardare alle attività culturali formali e informali.
Ed è con questo contesto che cercheremo di capire come le dimensioni cambiano
della cultura hanno suscitato diverse risposte critiche da vari teorici. Le percezioni sulla cultura hanno iniziato a cambiare intorno al 1960s e al 70s. Abbiamo visto come prima di quella cultura sia stata interpretata in modo molto diverso. Negli USA scopriamo che gli studi culturali assunti in forma empirica e che incoraggiavano sulle indagini del pubblico etc., e gli studi culturali venivano condotti su dipartimenti di Antropologia e studi di comunicazione soprattutto invece di essere realizzati in dipartimenti critici
studi. Nel Regno Unito è diventata una confluenza di correnti intellettuali interdisciplinari. E le persone che lavorano nelle aree della sociologia una semiotica strutturale e la teoria politica marxista si uniscono per dare una forma particolare a ciò che volevano capire da questo fenomeno multi - stratificato della cultura.
 
In UK scopriamo che Stuart Hall ha avviato un centro per gli studi culturali contemporaneo a
Birmingham University che molto presto è diventato centro significativo per questi studi.
Questo centro inizialmente ha voluto analizzare tale cosa come una crisi economica mediatica da parte di
ritratto il mondo in un modo che è favorevole a chi è al potere. Ad esempio, come gli studi mediatici e i rapporti mediatici sulla depressione hanno sempre cercato di dare la colpa al commercio e al commercio internazionale invece di analizzare i limiti delle politiche di livello nazionale, come nei media americani, l'ideologia &ld'ultimo Dream ha venduto la nozione di uguaglianza di opportunità per oscurare le pratiche esclusive, e far sì che le persone non siano attente a politiche razziali discriminatorie. Il fallimento allo stesso tempo è stato sempre ritratto come una colpa individuale piuttosto che colpa del sistema particolarmente secondo chi lavora nell'area della teoria politica marxista, colpa del sistema capitalistico.
La gente che lavora nell'area degli studi culturali ha anche iniziato a focalizzare l'attenzione su come le persone provenienti dalle classi lavorate in particolare i giovani appartenenti agli strati economici più bassi resistono al loro ruolo sociale assegnato attraverso vari rituali di vestiario, danza o musica etc., che offrivano loro un'opportunità di resistere e di pensare contro, sognano le routine di lavoro della vita economica moderna in cui erano solo un poliziotto.
 
Questi studi culturali hanno evidenziato anche la qualità resistente di punk e hippie etc.
Filosofi legati al marxismo e in particolare al modello della Scuola di Francoforte parlavano degli impulsi utopici della cultura di massa e di come pensavano che i romantici romanzi avessero rinforzato il gender condizionata tra le ragazze. I romantici romanzi scritti da Sidney Sheldon o Mills e Boons hanno creato un effetto palliativo sulle donne e incoraggiarli ad accettare strutture patriarcali imposte sulla loro vita.
Hanno incoraggiato un daysognano invece di parlare di modi in cui queste giovani donne potevano pensare di cambiare le loro scelte di vita. Hanno anche iniziato a focalizzarsi su come le produzioni culturali hanno dominato la vita delle donne, quanto gradualmente i media si muovevano verso la presentazione di miti di bellezza corporale. Così imponendo modelli di bellezza corporale, scopriamo che le opzioni venivano costruite per le donne e le donne venivano anche vittimizzate da queste opzioni che venivano piratate dai media come nuovi miti di bellezza. Qui troviamo che la proiezione dei media è spesso guidata dalle forze di mercato.
 
È molto pertinente a questo punto fare riferimento a Foucault che ha suggerito che la sensazione
della resistenza libera può essere anche un modo per stringere più fermamente le rivendicazioni di social e
Operazione culturale, questi teorici dei media enfatizzano sulla creazione di vari culturali
miti e questi miti non sono correlati solo con i miti di bellezza che venivano paralizzati dai media anche a metà del 20 secolo. Ad esempio, il mito guidato dal mercato delle creme di equità e come diventa un nuovo standard a cui le donne sono incoraggiate a conformarsi. Il mercato delle creme di equità per le donne era già aperto entro il 1980s, ma scopriamo che questo mercato nei paesi in via di sviluppo viene aperto per i ragazzi dalla pubblicità mediatica solo al volgere del 21 secolo. Come i miti della bellezza vengono piratati e riconfermati attraverso prodotti culturali come Barbie bambola diventata immensamente popolare tra le giovani ragazze e come li incoraggiano indirettamente a seguire un particolare ruolo di genere.
La rappresentazione di Babbo Natale, la rappresentazione della Coca-Cola come prodotto particolarmente accettabile rappresentano anche queste interconnessioni tra i media e la forza di mercato e come questi due insieme formulino un particolare tipo di cultura. Un esempio molto recente di questa interconnettività dei media e della forza di mercato è una celebrazione
di soggiorno unico in Cina che è una vicenda molto recente ma molto presto sarebbe universale
vicenda e diventerebbe anche una parte della nostra routine culturale. Così, scopriamo che i media utilizzano non solo la TV o la stampa ma un conglomerato di questi per pubblicizzare un mito particolare.
Così che gradualmente diventa parte della nostra cultura. I codici rappresentativi che vengono piratati attraverso i media e attraverso vari prodotti culturali, plasmano le nostre percezioni su un piano permanente. Allo stesso tempo le teorie culturali suggeriscono che i telespettatori e il pubblico non tollerano necessariamente il significato voluto dai produttori nel contesto di questi annunci pubblicitari o prodotti culturali. Ad esempio, una giovane ragazza che gioca con una bambola Barbie potrebbe riprendere il messaggio che è meglio optare per un ruolo di genere in futuro ma allo stesso tempo una ragazzina può anche dedurre che questo è un ruolo limitante e può decidere diversamente. Nel mondo degli adulti anche questa analogia funziona ed è possibile che i telespettatori e il pubblico portino via significati molto diversi da quelli destinati dai produttori di programmi televisivi e prodotti culturali. Il pubblico può anche decodificare i messaggi culturali che permettono loro di pensare in modo diverso sulla loro vita promuovendo così un particolare tipo di resistenza.
Negli studi culturali l'idea ha anche guadagnato terreno che la cultura è gerarchica e che
è un riflesso della società capitalista. La cultura ha anche modo di distinguere tra le posizioni nella gerarchia sociale e segue la gerarchia sociale data. Il sistema sociale così come si è sviluppato nel nostro mondo tende a riprodursi attraverso la cultura
in modi diretti e indiretti. Si presenta attraverso i prodotti culturali come abbiamo già visto. Ma si vede anche attraverso sistemi di organizzazioni sociali come la famiglia, il luogo scolastico di culto etc. Così la gerarchia sociale nella gerarchia economica che fa parte della nostra esistenza sociale plasma anche la nostra comprensione della cultura e ci incoraggia a seguire particolari valori culturali.
Quelli nati in echeloni di classe superiore acquisiranno automaticamente quelle disposizioni che permetteranno loro di apprezzare certe forme di cultura nelle loro esperienze familiari e scolastiche. Sarebbero inoltre incoraggiati a sviluppare quelle abilità che li aiuterebbero a garantire posizioni elevate nella gerarchia sociale. Le loro immediate organizzazioni di famiglia, scuola, luogo di culto, luoghi di lavoro etc., li incoraggerebbero a avere questi valori solo. Le persone di classe lavorata dall'altra acquisiranno una serie diversa di sistemi di valore dalla loro famiglia e dalle scuole. Il loro contesto familiare e le scuole che frequentano per favorire quelle disposizioni culturali tra le persone di classe operatrici che li preparano per certe vite lungo le scale sociali. Così, la cultura funziona anche in modo gerarchico come una società capitalista e le differenze e la stratificazione di una vita sociale ed economica hanno già dato una particolare forma alla nostra cultura che può essere ulteriormente rafforzata dai media.
 
Ci possono essere anche 2 approcci diversi alla cultura, normalmente ci avviciniamo alla cultura da
due prospettive diverse che sono abbastanza incommensurabili. O possiamo vedere la cultura è una vicenda dall'alto o come un bottom - up. Possiamo guardare ai media o alla TV o al cinema sia come strumenti di dominazione nei realmi di genere economico, etnie e abiti etc., come &ldome top down o dal basso verso l'alto. La cultura e i media possono anche diventare strumenti di dominazione, la maggior parte delle volte scopriamo che le grandi aziende sono di proprietà e gestite da uomini. Allo stesso modo, scopriamo che le case dei media e le agenzie di intrattenimento e le industrie sono normalmente di proprietà e gestite solo da uomini. E quindi non possono aiutare ma assistere la riproduzione dei sistemi sociali esistenti nelle loro organizzazioni. Anche se è intesa patriarcale scopriamo che è la comprensione di quegli uomini che sono al timone degli affari che plasmerebbero la natura del resto delle organizzazioni.
 
È vero anche nei confronti correlati della nostra comprensione di come funziona il capitalismo o come
Il neo - colonialismo funziona nel nostro mondo, permettendo a certi tipi di immaginario e di idee di ottenere l'accesso al pubblico di massa, scopriamo che la cultura può creare impulsi utopici tra il pubblico e può così limitare obliquamente le opzioni culturali che avrebbero dovuto essere a loro disposizione. Allo stesso tempo, scopriamo che un altro approccio che viene comunemente definito come l'approccio "bottom bottom" di &ld'ordine paga più attenzione ai modi in cui la musica e il tipo simile di altre esperienze culturali quotidiane ci aiutano a esprimere energie e atteggiamenti fondamentalmente in contrasto con quelle motivazioni che sono dominanti nella cultura data. I critici hanno particolarmente prestato attenzione alla musica perché normalmente è direttamente associato all'esperienza sentita. E la gente parla dello spirituale afroamericano alla presenza del blues alla popolarità del rock and roll etc. Così, scopriamo che la cultura deriva dal basso, da questi atteggiamenti del popolo.
Così mentre gli atteggiamenti delle persone sono normalmente sfruttati dal capitalista in ordine sociale patriarcale in modi conservatori, in modo che la loro energia sia in definitiva conseguenza di un lavoro remunerativo come si capisce. Allo stesso tempo, scopriamo che questa energia può essere correlata anche con la possibilità di eruzione.
 
Così mentre l'ordine sociale capitalista e patriarcale sottolinea l'intrattenimento e
aspetti culturali correlati delle nostre esperienze quotidiane in un certo modo, per esempio, comprendono normalmente il differimento della gratificazione, un valore positivo in modo che le persone possano diventare migliori in grado di lavorare. Ma allo stesso tempo scopriamo che questo rinvio può essere sfruttato anche in modo tale da mantenerlo anche all'interno di una possibilità di eruzione, una possibilità di eruzione di dissonanza o spesso di fantasia alternativa della realtà.
Così la cultura può essere compresa da queste due prospettive contemporaneamente.
Scopri che queste discussioni hanno tenuto questa strada nel clima intellettuale della metà - 20
secolo. Molto presto è legato a diversi tipi di teorie dei media anche che sono stati sviluppati nel contesto dei nuovi sviluppi in ambito mediatico. Nel nostro prossimo modulo si discuterebbe di come queste mutate interpretazioni della cultura abbiano dato vita anche a determinati tipi di teorie diverse nel contesto della nostra comprensione dell'influenza dei media e dell'interconnettività tra media e cultura, grazie.