Loading
Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Welcome care participants.Noi starebbero discutendo le interconnessioni tra cultura, media e letteratura. I principii dei media possono essere rintracciati nel temperamento umano per comunicare tra di loro, per trasmettere i nostri messaggi, in modo da sentirci connessi e una parte di una società.Ancora oggi scopriamo che questo impulso di base si cela dietro i nostri sforzi per continuare ad aggiornare la nostra presenza mediatica così come i diversi medium che utilizziamo. I contenuti e la medium di trasmissione sono anche interconnessi come vedremo più avanti e scopriamo che per un particolare tipo di comunicazione, oggi utilizziamo diverse forme di media. I media sono fondamentalmente usati per trasmettere informazioni e conoscenze anche tra le persone; ci aiuta anche a coordinare qualche tipo di dibattito pubblico per questioni importanti. E quindi può funzionare anche come cane da guardia per il governo per le imprese e per le altre grandi istituzioni che governano la società umana. Allo stesso tempo troviamo che i media ci aiutano a cercare un certo divertimento. Quando il supporto di stampa è iniziato, ha dato una piattaforma all'immaginazione umana, ci ha anche permesso di partecipare al mondo della fantasia, quindi l'aspetto basilare dell'immaginazione e dell'intrattenimento in termini di partecipazione dei media c'è. Allo stesso tempo, scopriamo che i media sono sempre stati intensamente presenti nella cultura umana. Alla fine del 20 secolo classifichiamo normalmente i mass media in otto industrie e sono libri, riviste, film, giornali, radio, registrazioni, televisione e internet. L'avvento della tecnologia digitale verso la fine del 20 secolo e in particolare il suo sviluppo nel 21 secolo hanno cambiato la forma dei media, il modo in cui parla alle persone e il modo in cui le persone possono parteciparvi. Ha cambiato in un modo il volto della cultura umana. Ma allo stesso tempo, scopriamo che l'avvento della tecnologia della comunicazione digitale ha creato nuove domande anche per trovare delle risposte. Come definiamo i mass media in questo contesto e se dovremmo incorporare anche i cellulari, i giochi informatici, i videogiochi nella nostra definizione di media o letteratura etc. Quindi, scopriamo che come si sviluppa la cultura, i media prendono anche nuove forme. Possiamo anche metterla come questa che come media sviluppa la cultura ci vuole anche una nuova forma. L'impatto culturale di diversi tipi di media può essere visto anche in diverse fasi dello sviluppo della civiltà umana e della cultura. Quando i libri e i giornali, i modelli, i periodici etc., sono iniziati e hanno preso una forma molto coerente proprio all'inizio del 15 secolo. Così scopriamo che hanno generato un pubblico che potrebbe leggere e quindi che potrebbe anche sperare di trascendere i limiti della loro classe sociale. Quando le registrazioni sono iniziate scopriamo che con l'aiuto di dischi di grammofono, nastri magnetici, cassette e CD particolarmente a partire dalla fine del 19 secolo, il modo di partecipazione è cambiato. Ha cambiato le abitudini, cerchiamo intrattenimento. Cambiano anche le abitudini in cui teniamo record particolarmente dei nostri vicini e cari. Quando il cinema come media d'intrattenimento è iniziato dentro e intorno al 1900, ha cambiato in molti modi la forza dell'industria. Ha cambiato l'abitudine della partecipazione, cambia anche l'abitudine all'intrattenimento. Cambia anche il modo in cui funziona il business. Le stesse cose si possono dire sull'avvento della radio intorno al 1910 e la televisione da circa 1950. La maggior parte dei dibattiti mediatici all'inizio del 20 secolo e anche verso la metà del 20 secolo si basano su come i comuni stanno rispondendo a questi vantaggi mediatici in termini di stampa, radio e televisione. Scopriamo che intorno al 1990s sono arrivati Internet e i telefoni cellulari sono iniziati intorno al 2000. Queste due scoperte tecnologiche cambiano anche la forma in cui le persone hanno iniziato ad usare i media come mezzo partecipativo. E ha avuto anche un impatto indelebile sul modo in cui rispondiamo ai nostri temi culturali. Così nel corso della nostra lezione analizzeremmo come si è sviluppato esattamente un medium, quella che è stata la risposta del popolo alla tecnologia interessata, come un particolare mezzo basato su un particolare sviluppo tecnologico abbia cambiato la forma della nostra cultura e come queste due cose interagiscono tra di loro continuamente. Se si guarda all'evoluzione dei supporti di stampa, scopriamo che l'umanità è sempre stata attratto verso la parola scritta, le origini dei libri possono essere rintracciate negli antichi egizi e gli scritti scritti e i registri di esso potrebbero essere rintracciati intorno al 3000 a.C. nella cultura occidentale. A quel tempo, scopriamo che materiali diversi sono stati utilizzati allo scopo di scrivere, a volte hanno usato tavolette di metallo o argilla sono le pietre e anche le ossa a scolare il materiale su. In seguito, scopriamo che gli egiziani erano in grado di sviluppare papiri che era fatto di alcune razze rinvenute in quella regione ed era considerato un materiale ideale per scrivere scopi e singoli fogli di papiro sono stati successivamente cuciti insieme per fare scorrere. Erano leggeri e erano anche portatili e quindi sono diventati subito popolari. Così scopriamo che per l'epoca era il VI secolo a.C. Papiro era usato ampiamente in tutte le regioni mediterranee, fu usato anche dai greci e dai Romani e fu utilizzato anche dai comuni per la tenuta da record. Uno dei primi record di un rapporto d'affari si trova a partire dal quinto secolo a.C. che è un record di un capitano di nave scritto nuovamente al proprietario della nave circa il passaggio della merce in modo sicuro da un porto particolare ad un altro. Così, scopriamo che per l'epoca era il VI secolo a.C., la parola scritta su un pezzo alquanto relativamente permanente di papiro era già parte della civiltà umana e della cultura.
Molte antiche civiltà ospitavano le loro scorciatoie in grandi biblioteche che ben presto diventarono repository di conoscenza e di display di potere politico ed economico. Nell'anno 377 si dice che Roma da sola aveva 28 biblioteche. Più tardi scopriamo che c'era un uso simultaneo di pergamena che veniva fatta con pelli di animali trattate per creare superfici malleabili e anche di scrittura. Aveva certi vantaggi rispetto ai papiri perché era più duratoso e poteva anche essere sviluppato localmente e le persone non erano dipendenti da una determinata regione per la sua importazione. Così tra il secondo e il quarto secolo scopriamo che Romani ha iniziato a cuocere pezzi di papiro di pergamena insieme e li ha legati tra copertine di legno. Questa forma era chiamata 'codex' ed è molto simile ai libri di oggi. La forma che si sviluppava a forma di codex era il lettore friendly, era comodo da tenere a leggere più facile da memorizzare e da gestire ed era anche meno costoso e dava anche una certa opportunità ai lettori di ribaltarsi attraverso diverse sezioni. Anche le pergamme continuarono e diventarono la forma dominante per testi secolari per diversi secoli. Codex è stato favorito dal testo cristiano precoce e dal VI secolo d.C., scopriamo che hanno quasi sostituito le pergamena.
La prossima grande innovazione verso lo sviluppo dei media come lo capiamo oggi è nella forma di stampa a blocchi su un pezzo di carta, è iniziata nella dinastia Tang China intorno ai 700 C e nelle tombe scavate dell'ex dinastia Han. I record di alcuni testi si trovano ancora e questi testi sono conservati su tela di seta e il testo dovrebbe appartenere a Lao - tzu, il famoso filosofo cinese del sesto secolo.
Il primo esempio del libro stampato si trova sotto forma di testo buddista. Il titolo di questo testo buddista è The Diamond Sutra. È stato stampato su un pezzo di tessuto con l'ausilio di una stampa a blocchi e la lingua che è stata utilizzata per la stampa a blocchi è nello script di Sanscrito. La stampa di woodblock che è il processo di scolpire una pagina di testo su un blocco di legno poi incappare e premendola su una pagina per creare un testo era popolare e questo mezzo arrivato in Europa dopo circa 800 anni. Nell'Europa medioevale troviamo la cultura dell'uso di scrivi era molto prevalente. I manoscritti sono stati copiati a mano, quindi possiamo dire che non erano simili due libri, il contenuto è stato copiato ma ancora ha avuto alcune differenze a causa della grafia e del materiale utilizzato. Nelle età medievali scopriamo che i media non hanno avuto alcuna presenza democratica. Erano solo i monasteri che erano il centro della conoscenza e della saggezza, i monaci venivano addestrati a preparare copie di libri sacri. Usavano abbellire questi testi e conservirli, si preparavano a preparare non solo il testo sacro ma anche i testi secolari erano normalmente preparati solo dai monaci. Questi erano la mano illustrata copie di testi illuminati, ornati e abbelliti e questi erano molto apprezzati perché erano molto scarti e ci sono voluti diversi mesi per preparare una copia e quindi nelle famiglie, sono stati passati di anno in anno e sono stati considerati beni molto costosi. Scopriamo però che il processo di prenotazioni è diventato meno costoso dopo l'emergere della carta e dopo che è diventato fruibile.
La tecnica della papermaking è iniziata in Cina, ha raggiunto il mondo islamico nell'ottavo secolo e da lì troviamo che viaggiava in Europa. Con il tempo era il 12 secolo, scopriamo che la carta era facilmente reperibile e stampa di libri, che handmade copie di libri su pezzi di carta era una vicenda molto comune. Si dice che nel 20 secolo, una delle vecchie città di Moracco, Marrakech aveva un libretto di 100.
Così sulla base di ciò possiamo far emergere la popolarità dei libri, la popolarità della letteratura, la popolarità di alcuni tipi di media e la sua attrazione verso la gente.
L'invenzione di Gutenberg di tipo meccanicamente mobile ha creato un cambiamento rivoluzionario nella storia umana. Scopriamo che il suo impatto è così significativo che forse è molto difficile definirlo esattamente. Possiamo dire che è stato intorno al 14 secolo che la manifattura della carta è iniziata in Europa e la produzione di carta ha coinciso con l'invasione della prima stampa da parte di Joannes Gutenberg nel 1448. Si è trattato di un semplice atto di moda di piccole lettere mobili che hanno avuto un effetto drammatico sulla storia dei libri e quindi sulla storia della nostra cultura e civiltà. Ha iniziato la rivoluzione della cultura di stampa. La stampa ha messo in comune le tecnologie esistenti come la pressa a vite già utilizzata per la lavorazione della carta con le innovazioni di Gutenberg, aveva usato singole lettere in metallo e segni di punteggiatura che potevano essere liberamente rimbocciate.
Gutenberg aveva stampato la Bibbia nel 1455 in Germania che è comunemente nota come la Bibbia di Gutenberg. Ha acquistato fama istantanea e ha ustionato la strada per la produzione di massa commerciale di libri. Prima di stampare la stampa, i libri sono stati commissionati a un individuo che poteva copiarli e quindi, era anche costoso e allo stesso tempo, ci sono voluti anche molto tempo. La tecnologia di stampa e anche la contemporanea comparsa e produzione di carta in Europa hanno reso la produzione di libri più conveniente e veloce anche.
E quindi, scopriamo che c'è stato un drammatico aumento della produzione e diffusione di libri che costavano poco, che erano standardizzati e che erano anche identici. Perché quando i libri sono stati copiati a mano, scopriamo che non potevano essere identici ma questi libri stampati erano identici e quindi, hanno affascinato l'immaginazione dell'umanità contemporanea, Per il tempo era la fine del 15 secolo, scopriamo che la stampa, il mezzo di libri era già responsabile di usura nelle tendenze di Rinascente, Illuminismo e tradizioni umanistiche in Europa. I negozi di stampa si erano sprigonati entro la fine del 15 secolo in tutta Europa e scopriamo che l'istruzione non era più limitata ai monasteri. L'università è gradualmente diventata il nuovo centro dove i libri potevano essere letti e valutati. Così, scopriamo che un'innovazione tecnologica è responsabile dell'introduzione di cambiamenti rivoluzionari nei media e di conseguenza colpisce i turni fondamentali nelle abitudini dell'essere umano che influenzano per sempre i cambiamenti culturali. Così, molto presto scopriamo che la stampa dei libri ha preso una forma di business venture. C'è stato un boom di produzione e vendita di libri. E la crescita del commercio internazionale e dei viaggi marittimi permettono anche ai libri di avere una portata più ampia. Hanno anche rivoluzionato la produzione e la diffusione della conoscenza e dell'informazione e anche democratizzata. Non si limitava solo al gentry superiore, le persone d'élite, i monaci solo ma la disponibilità economica e la facile disponibilità di libri hanno permesso anche all'uomo comune di accedervi, di leggerli e di beneficiarne. La facile ed economica disponibilità di libri alimentava il Rinascimento e la tradizione umanistica. I testi classici greci e romani diventavano facilmente reperibili e perché il testo stampato aveva una portata più ampia, le persone potevano leggerle e quindi la disponibilità di libri alimentava il desiderio di conoscenza tra le classi medie che la consideravano anche come un'occasione per andare avanti nella scala sociale.
L'ampia circolazione dei testi è andata di pari passo con la dispersione di idee politiche, intellettuali, religiose e culturali. E molto presto scopriamo che le persone hanno iniziato a usare gli stessi libri e venivano esposte alle stesse idee. Tra le altre cose ha rivoluzionato l'idea e lo studio delle scienze. Perché con l'aiuto dei libri, lo scienziato potrebbe preparare un record permanente delle loro indagini e teorie scientifiche. E quindi la mente medioevale ha iniziato a afferrarle facilmente. La disponibilità di libri al di fuori dei monasteri e anche al di fuori delle università come era già diventata una venture business ha dato vita all'alfabetizzazione tra gli uomini delle classi medie e anche in modo molto limitato le donne. Quindi non era più un bastione dei ricchi e delle persone d'élite o delle gerarchie religiose. La produzione di massa dei libri ha democratizzato la conoscenza e quindi scopriamo che presto è diventato anche un metodo per creare qualche tipo di resistenza e che è stato anche curato dalla Church.La democratizzazione della conoscenza con la facile disponibilità di libri ha comportato anche qualche tipo di cambiamenti negli atteggiamenti della Chiesa; la Chiesa cattolica romana, che era l'istituzione dominante nell'Europa contemporanea. Così quel processo di democratizzazione dei libri ha affrontato molta resistenza da parte della Chiesa, si sono diffusi idee dissenzienti, protestanti, il pensiero laico e umanista è spesso accreditato anche sulla disponibilità dei libri. Così, la Chiesa ha ritenuto che il suo controllo sulla gente scivola e quindi, la Chiesa cattolica romana ha iniziato a ostracizzare nei suoi modi la pubblicazione e la popolarità dei libri. I libri sono stati censurati e proiettati dalle autorità della chiesa prima che fosse permesso di stamperle. Vietarono anche la stampa della Bibbia nelle lingue vernacolari e suggerì che la Bibbia dovesse essere stampata solo in latino.
Perché il latino potrebbe ancora essere compreso dai soli circoli clericali e scolastici, il popolo comune non poteva decifrare il latino. Così la Chiesa è ancora tentata di tenere la conoscenza lontana dalla gente ma i cambiamenti rivoluzionari erano già iniziati, si erano infiltrati nelle abitudini culturali del popolo e quindi scopriamo che questo processo è proseguito solo. Con l'aiuto della popolarità dei libri, scopriamo che Martin Lutero è riuscito ad avviare la Riforma protestante nel 1517. Impugnando l'autorità della Chiesa sostenendo che tutte le persone avevano il diritto di leggere e interpretare la Bibbia nelle proprie lingue, che l'interpretazione di questo testo sacro non dovesse essere limitata solo agli ambienti ecclesiastici. La Chiesa temeva che la diffusione delle Bibbie vernacolari avrebbe in qualche modo allentato il controllo della chiesa nel modo in cui il testo potrebbe essere interpretato. E quindi, potrebbe lessare il controllo della chiesa sopra le menti delle persone e quindi ha cercato di resistere. Tuttavia, i tentativi di controllo dell'industria tipografica non hanno avuto molto successo a causa di due motivi; in primo luogo, la ragione economica perché c'era una domanda di questi libri sul mercato e la gente voleva adottarla come impresa di successo. In secondo luogo, le abitudini culturali del popolo erano già state modificate a causa della libera disponibilità del mezzo di stampa con l'ausilio di libri e di diverse tratte. Così, scopriamo che la tecnologia di stampa cambia gradualmente la mentalità delle persone rese disponibili al popolo e quindi ha comportato anche la crescita della letteratura vernacolare. Quando è stato possibile stampare la Bibbia così come altro testo nelle lingue vernacolari, scopriamo che il tasso di alfabetizzazione è cresciuto. Le tendenze dell'Europa del Rinascimento alimentarono anche la crescita di testi che venivano pubblicati nel mezzo vernacolare. L'esempio precoce del testo che è diventato subito popolare e che in sostanza sono stati scritti e stampati in lingue vernacolari sono i racconti di Divina Commedia e le favole di Canterbury di Chaucer, questi libri alimentano l'immaginazione del popolo contemporaneo e sono diventati subito popolari. Così, scopriamo che la poesia così come il luogo è diventato molto popolare e diffuso tra le persone, e di volta in volta, raggiungiamo il 16 e il 17 secolo nella storia europea, in costosi chapbook era diventato molto popolare. I Chapbook che erano una combinazione dei piccoli ed economici includi ballate popolari, storie umoristiche o tratte religiose, quindi anche quelle persone che non potevano leggere testi dettagliati sono state in grado di leggere questi chapbook. E quindi, hanno gradualmente avviato una rivoluzione nelle abitudini delle persone, le persone hanno iniziato a leggere e quindi le abitudini sono cambiate.
Più che che i libri non erano più considerati oggetti sacri, non erano limitati né al gentry né alla chiesa ma erano disponibili per tutti i tipi di lettori. Questi cambiamenti culturali e i turni possono essere visti nelle biblioteche pubbliche del Regno Unito del 1850 che permetteva ai borghi locali di insediare biblioteche e per l'istituzione di queste biblioteche, troviamo che le persone liberalmente donavano. Così lo sviluppo delle biblioteche pubbliche gratuite rivoluzionarie rivoluziona i sapori della gente, sono stati disegnati verso i libri non solo li intratteneva ma ha anche fornito loro uno scorcio di un mondo che a loro era ancora oggi vietato. Così, scopriamo che dopo la guerra civile americana, le biblioteche pubbliche fiorirono nei neo - unificati Stati Uniti. E ben presto diventarono fenomeni universali, allo stesso tempo scopriamo che le questioni legate al diritto d'autore così come certe regole e normative che cercano di frenare l'industria editoriale sono arrivate anche all'esistenza. La stampa cambia la funzione dell'autore e scopriamo che la foto di un autore commerciale, la figura di un autore commerciale potrebbe diventare una possibilità. Prima dell'avvento della stampa, prima di questa volta quando i libri, il mezzo di stampa diventava comunemente disponibile, i libri erano solo un impegno collaborativo, erano commissionati, erano già lì e dovevano essere copiati. È stato un momento che ha preso una relazione costosa. Ma quando la riproduzione meccanica dei libri è diventata facile ed economica e veloce, gli autori potrebbero essere avvantaggiati dalla pubblicazione dei loro libri se venduti ampiamente e le persone li hanno apprezzati. Così ben presto scopriamo che le leggi sul copyright venivano fatte per mettere in guardia gli autori dalla censura e per permettere loro certi profitti per il loro lavoro e la prima legge sul copyright era l'Inghilterra una statua della regina Anna nel 1710. Nel 20 secolo, scopriamo che la legge americana sul diritto d'autore aumenta costantemente i termini di protezione e la portata dei diritti d'autore a favore dell'autore. Così, l'editoria ha aiutato gli autori a produrre e distribuire copie del loro lavoro facilmente e le prime stampanti hanno agito anche come rivenditori all'ingrosso ed editori. Spesso come ogni altro uomo d'affari, spesso si impattano sui diritti degli autori nel 20 secolo. I progressi tecnologici del 19 secolo, la macchina ha fatto carta e poi la macchina da scrivere Linotype ha reso anche l'editoria ancora più semplice e lucrativa. I libri di paperback hanno rivitalizzato l'editoria rendendo la letteratura alta e classica accessibile in formato portatile e poco costoso. A partire dal secolo scopriamo che l'editoria del libro era già una grande industria ed era controllata in Europa da sei grandi case editrici. Insieme allo sviluppo dei libri, la tecnologia di stampa ha fatto anche per noi una possibilità quotidiana di giornale. Anche se i giornali sono stati avviati anche durante il tempo romano e il primo record di un giornale si trova nell'anno 59 a.C., il nome di questo giornale era Acta Diurna o doti quotidiani ed è stato avviato da Giulio Cesare. La carta è stata scritta su papiri su base giornaliera. Con l'aiuto di una pergamene, fu inviato agli angoli remoti dell'Impero Romano. Si ritiene che abbiano pubblicato cronache di eventi, assemblee, nati e morti e gossip giornalieri etc. Nel 1566 un altro progenitore del quotidiano moderno apparve a Venezia ed era conosciuto come avisi o gazzette, erano scritti a mano e si concentravano anche sulla politica e i conflitti militari. L'assenza di stampa nella prima civiltà europea ha limitato la circolazione di questi giornali.
Ma con l'avvento della stampa, scopriamo che insieme a un libro autorevolmente autorevole il giornalismo stesso è iniziato come una tendenza di grande rilievo. Così scopriamo che l'impatto della stampa di Gutenberg ha rivoluzionato anche la portata e la portata del giornale e ha paventato la strada per il giornalismo moderno. I primi quotidiani settimanali sono arrivati nel 1609; sono stati pubblicati in diverse città della Germania anche se il nome delle città non è mai stato stampato per evitare la persecuzione del governo. Ma ben presto questa idea divenne molto popolare, c'erano due formati popolari nell'Europa contemporanea, il primo era il corantos in stile olandese che era un quotidiano densamente confezionato da 2 a 4 pagine, l'altro stile che era popolare era il pamphlet in stile tedesco che aveva da 8 a 24 pagine in esso, così i giornali seguì uno di questi due metodi di pubblicazioni. Hanno anche evitato la stampa di notizie locali e di eventi politici a causa della paura della censura e nella seconda metà del 17 secolo in Inghilterra, scopriamo che i giornali sono stati liberati dal controllo governativo e le persone hanno iniziato a capire il potere della stampa libera. Possiamo anche collegare vari eventi sociali e culturali anche certi eventi politici come la Magna Carta che hanno aggiunto a questa idea di libertà di espressione. Ma diciamo che la tecnologia, la società contemporanea e le norme culturali contemporanei anche in qualche modo hanno reso possibile un clima in cui le persone potessero usare facilmente il mezzo di comunicazione. I climi che cambiano hanno portato a frequenti pubblicazioni di giornali e ben presto scopriamo che con le pubblicazioni settimanali hanno anche iniziato a uscire quali incorporati non solo la notizia ma anche gli annunci pubblicitari e le relazioni. Questi cambiamenti hanno rivoluzionato anche il ruolo di giornalista. Invece di diventare solo osservatori passivi e scrivere esattamente quello che è successo hanno iniziato a diventare giocatori attivi nell'analisi del commercio, della politica e del commercio. Le pubblicazioni quotidiane sono iniziate a causa della crescente popolarità e della redditività dei giornali.
Nel 1650 scopriamo che un giornale è stato avviato a Lipsia, Germania che continua ancora. Nel 1702 a Londra è iniziato un giornale con il titolo di Daily Courant.
Queste pubblicazioni quotidiane liberarono i titoli e le illustrazioni per attirare la gente e presto diventarono una parte dell'abitudine quotidiana almeno delle élite e delle ricche sezioni del popolo. Entro il 1800 erano piuttosto costose da stampare, costavano a sei centesimi una copia e quindi artigiani e altro cittadino di classe operata hanno trovato difficile acquistarlo. Così anche se i giornali stavano diventando molto popolari, la circolazione e la concessionaria erano limitate ai ricchi e alle sezioni d'élite della società. Questa situazione è stata modificata dall'avvento della Penny Press nel 1833, quando Benjamin Day ha creato la Penny Press avviando un giornale, The Sun. È stato stampato su una piccola pagine di dimensioni lettera e questo giornale ha causato solo un penny. Ha utilizzato anche un nuovo tipo di stampa tipografica, ha stampato circa 18.000 copie all'ora a causa del suo costo e a causa dell'utilizzo del nuovo tipo di stampa tipografica, ha presto raggiunto un pubblico molto più ampio.
E principalmente, divenne popolare tra le classi lavorate, tra quelle persone che non erano economicamente bene. Anche il contenuto è stato leggermente diverso e ha pubblicato storie che farebbero appello ai nuovi consumatori. Hanno incorporato storie di interesse umano, rapporti di polizia, omicidi, notizie sensazionali e scandalose, pubblicità e quindi è diventato subito un enorme successo, raggiungendo la circolazione di 15.000 copie al giorno. Mentre, in precedenza la carta più popolare New York City Courier e Enquirer potrebbe vendere non più di 4500 copie al giorno. Presto scopriamo che sono iniziati i nuovi tipi di stili giornalistici. Alla fine degli anni ' 1800s, l'editore mondiale di New York, Joseph Pulitzer sviluppò un nuovo stile giornalistico che si affidava fortemente al sensazionalismo. Pulitzer ha pioniere l'uso degli annunci pubblicitari come notizie, storie focalizzate su crimine, violenza, emozione e sesso. Ha inoltre ampliato l'attenzione sulla legalità femminile e possiamo dire che lo stile sensazionalista è servito da forerunner dei tabloid di oggi.
Il giornalismo investigativo era la modalità dominante di questo tipo di scrittura e scrittori e editori erano autorizzati a prendere le libertine per vendere sempre più copie della carta. Così, Penny Press e il giornalismo giallo possono essere considerati come gli antenati dei tabloid contemporanei. Erano contrari alle trasmissioni; le trasmissioni sono una parola che utilizzavamo per riferirsi ad un particolare formato di giornale, pubblica normalmente questioni di rilievo domestico e internazionale con un'analisi approfondita e l'esame di vari tipi di dibattiti culturali e politici. Allo stesso tempo, scopriamo che nei media, la svolta è stata vista anche sotto forma di servizi a filo. Samuel Morse ha inventato il telegrafo e usa le compagnie telegrafiche per ricevere fino ad oggi notizie di notizie provenienti da città di tutto il globo. Così, scopriamo che nel 1846 Associated Press è stata costituita come una disposizione cooperativa di cinque giornali per compensare le spese di utilizzo di questo servizio telegrafico. Ha portato ad un reportage affidabile e anche immediato. E scopriamo che l'immediatezza nel mondo dei giornali è ancora molto una moneta che può essere utilizzata; ha aumentato la portata oltre che l'appello della materia e ha reso popolare il quotidiano in tutte le sezioni della società, delle classi superiori, delle classi medie oltre che delle classi lavorate. La popolarità della parola stampata sotto forma di testi sacri, sotto forma di giornali ha avviato una nuova tendenza delle riviste. Gli editori hanno cominciato a pensare alle riviste dopo che la stampa è diventata dominante in Europa, e c'erano i turni culturali nel gusto delle persone. Le riviste hanno iniziato a comparire già a partire dal 17 secolo Europa sotto forma di opuscoli, opuscoli e almanacchi. E questi opuscoli, brochure e almanacchi erano la proprietà di routine delle classi medie. La pubblicazione irregolare delle riviste è stata però costosa e ha richiesto più impegno e quindi gli editori hanno voluto creare un ripostiglio che sia regolare e quindi volevano anche creare riviste in modo da poter cionare all'interesse specifico dei loro lettori abituali. Le prime riviste hanno occupato una posizione di intermediazione tra quotidiani e lettura del piacere. La prima versione registrata di una rivista è pubblicata da Johann Rist, da qualche parte tra 1663-68. Rist era teologo e poeta ad Amburgo Germania e pubblicò la prima rivista con il nome di Edifying Mensile Discussioni. Questa rivista ha ispirato la pubblicazione di molte riviste e scopriamo che nel 17 31 a Londra è iniziata una rivista regolare con il titolo del Gentleman's Magazine. Presto altre riviste seguite, spesso contengono notizie, racconti e poetiche, combinano notizie e letture piacevoli e quindi, sono subito diventate molto popolari, perché non sono mai diventate ridondanti e le persone potrebbero tornare a loro per divertimento ripetutamente. Le riviste allegoriche hanno incorporato anche intrattenimento e divertimento e così come lo hanno bilanciato con pubblicazioni intellettuali come i treati, l'informazione e gli articoli basati sull'educazione. Dal momento che era il 18 secolo, scopriamo che i tassi di alfabetizzazione in Europa erano già aumentati molto. C'è stato anche un aumento della riammissione femminile anche se è ancora che non era così prevalente come lo era tra i maschi. Ha anche impattato il mondo letterario e scopriamo che gli scrittori femminili iniziano a pubblicare non solo per le donne lettori ma anche per i lettori maschi. Troviamo anche varie istanze quando gli scrittori femminili usavano pseudonimi e diventavano popolari con il nome, con il nome di penna di un uomo. Anche le riviste sono fiorite come la crescente riqualificazione tra le donne ricercava sia la conoscenza che l'intrattenimento e scopriamo che è nel 1693 che una rivista ha iniziato ad essere pubblicata due volte settimanalmente soprattutto puntando sulle donne, il nome era il Mercurio ateniese. Presto, scopriamo che questa tendenza è diventata popolare in Gran Bretagna, all'inizio del 18 secolo tre riviste influenti hanno iniziato a pubblicare contemporaneamente; The Review di Daniel Defoe, The Tatler di Richard Steele e The Spectator di Joseph Addison e Steele. Così scopriamo che queste tre riviste hanno pubblicato articoli su affari interni ed esteri oltre a certe opinioni individuali. Lo Spectator ha presto sostituito The Tatler che ha pubblicato tra il 1709 e il 1711. Tatler e Spectator hanno sottolineato la vita e la cultura e hanno usato l'humour molto e sono diventati popolari anche tra le persone, hanno anche attratto la riammissione femminile. Così, scopriamo che durante gli anni ' 1830s le pubblicazioni di stampa e mailing erano diventate molto popolari. Le persone generali erano attratte verso di loro ed è diventata anche a causa del basso costo e per via della sua popolarità, un'opzione di business percorribile. Così la produzione di riviste a buon mercato è stata fatta per ciondoli a una grande