Loading

The Alison August SALE! ūüéČ 25% Off PDF Certs & Diplomas!ūüďú Ends in : : :

Claim Your Discount!
Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Salve, in questa classe andremo a disassemblare la cella a combustibile e a rimontarla, e nel processo vi mostrer√≤ tutte le parti interne della singola cella a combustibile e vi spiegher√≤ anche quali sono le possibili opzioni che le persone stanno guardando per queste parti, cosa stanno cercando di fare in merito a tutto ci√≤ che si conosce hardware progetta il design dei materiali che vanno nell'assemblaggio dell'elettrodo di membrana reale e cos√¨ via. Cos√¨, li abbiamo visti sotto forma di diagrammi in alcune delle nostre classi precedenti in questa classe guardiamo all'hardware reale. Vi dir√≤ anche che questo √® hardware che usiamo in scala di laboratorio. Quindi, ci sono alcune variazioni quando si guarda all'hardware di scala pi√Ļ grande, ma comunque le similitudini sono piuttosto significative e vi avvis√≤ anche quali cambiamenti ci si pu√≤ aspettare quando si guarda un tipo di hardware pi√Ļ industriale per la stessa unit√† ok. Quindi, con queste parole introduttive, entreremo in questo sguardo a questa cella a combustibile e a farla a pezzi e poi a guardare le sue parti. Quindi, inizieremo ovviamente mettendo su alcuni guanti qui ok. (Riferimento Slide Time: 01.38) Ok cos√¨, siamo pronti qui. Ho con me l'hardware che l'hardware delle celle a combustibile questa √® una singola cellula che ho qui. Sembra abbastanza lampante, come ho detto che questo √® perch√© questo √® che si sa che per i test di laboratorio vogliamo minimizzare qualsiasi tu conosca artefatti ai dati che arrivano dall'hardware. Quindi, non compromettiamo l'hardware in qualsiasi modo non siamo preoccupati per il peso dell'hardware perch√© vogliamo solo ottenere il funzionamento del giusto hardware. Il peso √® una considerazione che si guarda quando questo diventa un prodotto ok. Quindi, questo √® l'hardware. Quindi, vi mostrer√≤ anche prima di disassemblarmi vi mostrer√≤ alcuni aspetti diversi di questo hardware e poi quando ci disassembleremo otterrete un senso migliore di quelle che sono quelle parti. Quindi, se vedete qui di fronte vedete questo √® un endplate. Quindi, magari se la vedete poco da vicino vedrete un endplate qui e un'altra piastra di fine questo lato. Quindi, vedi un piatto di fine qui e un piatto di fine qui. Quindi, questi sono due endplate e vedrete un piccolo buco visibile qui. Ecco, questo √® il buco attraverso il quale un riscaldatore viene messo all'interno di questo hardware. Quindi, un riscaldatore a cartuccia si chiama riscaldatore a cartuccia, √® semplicemente saper riscaldare sotto forma di una piccola canna che viene messa all'interno di questo hardware. Questo ci aiuta a riscaldare questo hardware in modo da poter eseguire il test della cella a combustibile ad una temperatura fissa a qualunque temperatura tu voglia eseguirla. Quindi, se volete eseguire un test controllato con la seduta hardware a 60 gradi C allora posso farlo se voglio impostarlo a 70 gradi C o 80 gradi C posso fare che questi sono questo tipo di cella tipicamente si corre sotto i 100 gradi C. √ą un setup di celle a combustibile a membrana di cambio che vi sto mostrando e quindi corre sotto i 100 gradi C. Cos√¨, ecco cosa vedrete su quell' hardware. Ora se la accendo l'altra strada completa 180 gradi dall'altra parte, stai di nuovo vedendo lo stesso hardware dell'altra sede stessa cosa per finire targhe le stesse a placche che stai vedendo dall'altra parte. E vedrete due minuscoli fori, un piccolo buco qui e un altro minuscolo buco qui. Quindi, che √® l√¨ per inserire semplicemente 2 termocoppie. Quindi, posso misurare in modo indipendente la temperatura di questo piatto qui e posso misurare qui la temperatura di questo piatto. E questo √® fondamentale per me per l'esperimento per noi di sapere tenere traccia del fatto che il riscaldatore stia funzionando correttamente o meno o di dare un feedback al riscaldatore perch√© c'√® un controller che sta andando a decidere se il riscaldamento deve essere acceso o spento e che si basa sul feedback che sta ricevendo da queste termocoppie presenti in queste 2 localit√†. E si pu√≤ selezionare quale termocoppia si desidera utilizzare e infatti, si pu√≤ anche selezionare di avere due riscaldatori se si desidera su questa cella questo particolare hardware √® stato impostato con un solo riscaldamento, ma √® potenzialmente possibile impostarlo con 2 riscaldatori. Ecco, cio√® i 2 aspetti del riscaldamento della cellula che ho indicato in hardware reale, per esempio non si starebbe guardando al caldo esterno. L√¨ il problema √® invertito la cellula stessa sta generando molto calore e stiamo cercando di gestire il caldo. Cos√¨, l√¨ mandiamo in refrigeranti per rimuovere il calore o almeno per continuare a rimuovere il calore ad una velocit√† che assicura che la cellula rimanga ad una certa temperatura durante la durata di quella prova. Quindi, ma perch√© riscaldiamo questo hardware? Stiamo riscaldando questo hardware perch√© qui abbiamo avuto solo una cella singola. Quindi, non √® una singola cellula non sta generando ed √® una piccola cella che lo apro e vi mostrano che si tratta di una cellula molto piccola. Quindi, una singola piccola cella non genera abbastanza calore per riscaldare questo intero hardware mentre, se fossero diverse celle in serie e fossero celle di grandi dimensioni, genererebbe cos√¨ tanto calore che la temperatura di questo hardware continuerebbe a salire. Quindi, quindi, quelle due situazioni sono diverse. Quindi, qui in questo setup di test per eseguire questo test ad una certa temperatura controllata, richiediamo un riscaldamento esterno da allegare ad esso e utilizzando che eseguiamo questo setup di test. Ti ho mostrato che possiamo usare un riscaldatore a cartuccia, puoi anche usare scaldaccioni piatti su entrambi i modi diversi puoi incorporare questo calore nel sistema. Quindi, ecco di nuovo una variabile sperimentale che un sacco di persone nei loro laboratori avranno l'opportunit√† di esplorare e guardare. Ma questa √® l'unica implementazione di questo hardware che ti sto mostrando ok. (Riferimento Slide Time: 06.20) Quindi, ora guarderemo questo lato dell'hardware. Potete vedere ora ci sono due aperture qui un'apertura l√¨ e un'altra apertura qui. E questo √® l'ingresso pi√Ļ alto √® l'ingresso e il fondo uno √® l'outlet per uno dei reagenti che potrebbe essere qualsiasi dei reagenti intendo noi. Cos√¨, un lato della cellula ricever√† idrogeno e l'altro lato ricever√† aria o ossigeno. Quindi, se questo fosse il lato dell'idrogeno che si avrebbe l'ingresso di idrogeno tipicamente questo sarebbe al top, ingresso superiore, apertura superiore qui e il fondo sarebbe l'outlet. Generalmente abbiamo l'outlet in fondo perch√© hai l'acqua liquida generata nella cella e quindi, vorresti usare l'assistenza di gravit√† per far allontanare l'acqua dalla cella. Ecco, questo √® il motivo per cui preferiamo avere l'outlet in fondo piuttosto che al top ok. Quindi, questo √® l'altro aspetto di esso. Potete vedere qui un sacco di bulloni che potete vedere ci sono, 3 pi√Ļ 3, 6 pi√Ļ 2, 8 bulloni che ci sono in questo hardware e questi 8 bulloni servono a tenere la cella insieme in un modo corretto che conosci uniformemente. Quindi, c'√® una compressione uniforme in tutta questa cella e che √® assicurata utilizzando questi bulloni e che garantisce anche una corretta sigillatura attraverso la cella. Allora, questo √® il motivo per cui hai tanti bulloni, bulloni qui ok. Quindi, io sono se sto solo andando a trasformare questo hardware il contrario e si pu√≤ vedere essenzialmente lo stesso tipo di layout qui analogamente gli stessi bulloni sono ora, mostrarsi dall'altra parte la disposizione dei bulloni di noce √® visibile qui potete vedere che qui √® stato implementato e avete anche o l'ingresso e l'outlet qui l'ingresso sulla parte superiore e l'outlet in fondo. Quindi, questo √® anche lo stesso che si vede mentre si vedeva dall'altra parte. (Riferirsi Slide Time: 07.53) Vedi anche qui due piastre di rame che di nuovo vi mostrer√≤ in un po' di chiusura potete vedere queste piastre di rame sopra una, una che √® qui e vedete un altro piatto di rame qui ci sono 2 piastre di rame qui che ruoter√≤ poco. Cos√¨, potete vedere pi√Ļ chiaramente s√¨ ci sono 2 piastre di rame l√¨, 2 piastre di rame. Sono quelli che sono se lo giro anche voi potete vedere l'orientamento della piastra di rame l√¨, e quelle piastre di rame servono a corrente. Quindi, quando si corregge di collegare questo hardware al circuito esterno questo √® il punto in cui le correnti e i voltaggio correnti arrivano e clicca su di essi arrivano e si fermavano a questo o vengono a clip su questo ed √® cos√¨ che si crea corrente nel circuito esterno. Ecco, questo √® ci√≤ che √® fatto e questi bulloni vanno altrimenti vanno proprio attraverso tutti i bulloni che vedete qui stanno andando proprio attraverso questo hardware da questo lato a quel lato ed √® cos√¨ che tengono insieme l'hardware. Quindi, potreste chiedervi di sapere di essere a corto di cortocircuito la cellula perch√© questo bullone sta effettivamente arrivando da questo endplate a questo endplate e tenendolo tutto insieme. Quindi, sembra che l'hardware sia breve - circuitato, ma in realt√† non √® cos√¨ perch√© la fine le due endtarghe che si sovrappone qui queste due placche che vedete qui non fanno parte del circuito elettrico. C'√®, ci sono le guarnizioni che impediscono loro di trovarsi nel circuito esterno nel circuito elettrico e di conseguenza, in realt√† non partecipano al percorso della corrente e quindi, va bene che siano in contatto tra di loro. Ecco, questo √® l'hardware di base che viene utilizzato nella maggior parte delle set-up sperimentali, questo √® quello che abbiamo nel nostro laboratorio abbiamo fatto in modo che questo sia stato fatto per ordinare abbiamo progettato ogni parte e l'abbiamo fatta ordinare. Ma essenzialmente si pu√≤ ottenere lo stesso tipo di hardware ci sono molte set-up commerciali anche che ti vendono questi tipi di hardware che abbiamo realizzato nel nostro laboratorio, devi specificare le dimensioni e l'orientamento di varie cose e le persone possono ottenere questo fatto per te, puoi macchina e ottenerlo. Quindi, se hai una buona lavorazione che conosci workshop nella tua universit√† puoi ottenere uno di questi ha reso il suo diritto completamente dovibile. Quindi, quello che far√≤ ora √® che mi occuper√≤ di smontare questo hardware, aprirlo e mostrarvi tutte le parti interiori di esso e poi discutere anche di pi√Ļ su ognuna di quelle parti. Quindi, questo √® quello che faremo ora. Quindi, stiamo per smontare questo hardware, aprirlo completamente e guardare tutte le parti che sono presenti al suo interno. E cos√¨ fare che noi unriponiamo per prima cosa dalla sua parte e le loro aree potete vedere 8 bulloni qui fuori che abbiamo bisogno di aprire e rimuovere. Quindi, stiamo solo per farlo. Quindi, questo ci vorr√† un paio di momenti, ma questo fa parte del processo. Quindi, facciamola e vediamo cosa c'√® all'interno. Quindi, tenendolo sdraiato ci assicriamo anche che i materiali che ci sono all'interno non siano disturbati e che questo ci aiuta se lo state facendo su una condizione di test che ci permetterebbe di aprirla senza disturbare i materiali all'interno. E poi si sa fare qualche esame di quei materiali e poi tornare indietro e rimontare la cella in modo da poter continuare con il setup del test. Quindi, questo normalmente viene fatto in tutti i nostri laboratori che ci aprono abitualmente queste cellule inserite in nuovi materiali all'interno, per poi eseguire il test e poi partway nel test o dopo che alcuni dei test sono stati effettuati. Se volete capire perch√© la performance della cellula √® un certo valore o se vogliamo avere un senso di ci√≤ che avete capito magari degradate all'interno della cellula o sapete qualche altra cosa che √® successa all'interno della cellula a volte diventa necessario aprire le celle e poi guardare il look hardware all'interno della cellula in maggiori dettagli. Quindi, quindi, questo √® comunemente fatto e la sua parte della nostra attivit√† in questa attivit√† di test di laboratorio di celle a combustibile. Cos√¨, ci siamo tolti tutti i 8, abbiamo aperto tutti gli oh abbiamo ancora una qui 8 noci e bulloni sono stati aperti e. Quindi, ora sono in grado di rimuovere la parte superiore di questo hardware che abbiamo la lavatrice. Quindi, li rimuover√≤ anche altrimenti sarebbero andati tutti a crollare e quindi lo far√≤ e basta cos√¨ che diventi pi√Ļ facile da gestire, va bene. Quindi, ora tutti i lavabi sono stati rimossi e ora siamo in grado di iniziare ad aprire la cella e dare un'occhiata a quello che c'√® dentro. Quindi, la prima cosa che usciranno √® proprio questo hardware sopra che stiamo chiamando l'hardware endplate e quindi questo √® quello che rimuover√≤ qui e che scende delicatamente da questa struttura. Quindi, questo √® l'endplate, e potete vedere che avete gi√† visto l'estetica di questo piatto di fine qui e ora vi mostrer√≤ solo l'interno. Quindi, sul lato esterno, si hanno questi due connettori, questi due connettori che sono presenti qui e si conoscono aziende diverse rendono questi connettori in grado di ottenere qualsiasi connettore a cui si √® a proprio agio che garantisce un buon sigillo ed √® un connettore affidabile. Bisogna allegare un tubo qui e un tubo qui e quei due dovrebbero rifornire sapienti reagenti alla cella. (Riferimento Slide Time: 13.58) Quindi, quindi, √® necessario che questo sia un buon connettore affidabile connettore a tenuta libera, quindi quello che trovi commercialmente per farlo √® possibile acquistare e sistemare. Quindi, ora, se la si gira dall'altra parte intorno √® piatto. (Riferirsi Slide Time: 14.31) √ą piatto e questo particolare pezzo √® stato realizzato in alluminio, √® possibile farlo uscire in acciaio inossidabile tipicamente per scopi di laboratorio quelli che dovrebbero funzionare. Lo sono; tenete presente che questo non parteciperete al circuito elettrico, questo non vi parteciperete e nessuno di loro sa che le reazioni accadono a diretto contatto con questa superficie. E quindi, il materiale √® davvero ci√≤ che per te √® comodo da usare abbiamo solo bisogno di qualcosa di duro e rigido intendo almeno in questo schema di attivit√† nell'ambito di questa attivit√†. Quindi, intendo dire che qualsiasi metallo dovrebbe in principio funzionare bene. Quindi, quello che facilmente otteniamo √® in alluminio o in acciaio inossidabile significherebbe anche che non corrode sotto di voi la presenza di acqua e quindi √® qualcosa che potete considerare. Se si guarda dire la pi√Ļ alta implementazione industriale di questo hardware questo particolare pezzo di hardware poi la gente vi guarda qualche blocco di uno spesso blocco di plastica di vario tipo che pu√≤ essere usato invece di mettervi a conoscenza di un pezzo di metallo l√¨. Ma questo pezzo di metallo ci aiuta nel setup del test che usiamo soprattutto perch√© come ho detto potete mettere in queste connessioni qui per mettere il riscaldamento e si pu√≤ riscaldare l'hardware che o che potrebbe non essere che sar√† difficile da fare se fosse una specie di o di plastica. Cos√¨, potete mettere questo riscaldamento qui calore e poi che il calore si distribuir√† attraverso questo hardware molto bene e che diventa facile da usare. Ecco, questo √® il motivo per cui preferiamo usarlo. In questo lato come ho detto altre connessioni i connettori e dall'altra parte potete vedere mentre girate questo intorno avete questa posizione elemento riscaldante, avete anche un piccolo buco per mettere una termocoppia se desiderate. Quindi, tutti quegli elementi sono disponibili su questo hardware e questo √® un pezzo di hardware e questo √® tutto ci√≤ che fa √® l'endplate. Questa √® la cosa esatta che c'√® anche in fondo a questo hardware, quello che vedete in fondo √® anche la stessa cosa di un altro pezzo e quando arriviamo in fondo a questo hardware lo vedrete. (Riferirsi Slide Time: 16.43) Cos√¨, io mando questo da parte per il momento e vi mostrer√≤ il resto dei pezzi uno per uno. E poi dopo aver disassemblato il whole-cell lo rimonteremo, quindi otterrete un senso di ci√≤ che √® coinvolto nel riassemblare questo hardware e sar√† fatto un po' lentamente nello specifico, quindi potete vedere come √® fatto. E ricevi anche un senso di te per conoscere gli appena conosci problemi di gestione che sono coinvolti nel mettere insieme un tale hardware. Ecco, questo √® lo scopo di quello che vi mostrer√≤. Quindi, questo √® quello che vedrete. Quindi, ho intenzione di mettere da parte questo per il momento in cui torneremo a farlo in quanto necessario. Cos√¨, appena sotto quell' hardware che abbiamo rimosso √® questa guarnizione che vedete che sto sbucciando intendo rimuovendo da questo hardware ed √® una guarnizione in silicone. Questo √® essenzialmente un materiale non conduttore che fa il suo non conduttore elettricamente. Quindi, lo prendo per la prima volta qui ed √® proprio l√¨ a isolare quell' hardware di fine che ho appena rimosso da questa cella dal resto di questo hardware in termini di contatto elettrico. Quindi, questa guarnizione impedisce l'hardware che abbiamo appena rimosso che √® questo, impedisce a questa guarnizione qui di impedire a questo hardware di avere un qualsiasi contatto elettrico con il setup delle celle a combustibile che √® al di sotto di questa chiavetta. Quindi, se c'√® una cella a combustibile impostata al di sotto di questa guarnizione e insulta quella impostata da questo hardware. E quindi, ecco come questo hardware non √® pi√Ļ nel circuito elettrico questo intero blocco che vedete qui ok. Quindi, mi metter√≤ da parte e che come ho detto √® la guarnizione; che la guarnizione ha visto qui ci sono 3 buche in esso, 2 di queste corrispondono al carburante o sono reagenti di ingresso e outlet e il terzo semplicemente √® uno dei buchi attraverso i quali il bullone uno dei bulloni passa attraverso questo buco e questo √® il motivo per cui c'√® un buco l√¨. Che intendo in modo che possa variare dall'hardware all'hardware. Quindi, si pu√≤ avere hardware dove il terzo buco non √® necessario perch√© forse il bullone non passa attraverso questa guarnizione. Ma in questo hardware dato il modo in cui i bulloni sono disposti un bullone passa attraverso questa guarnizione e quindi, qui si hanno 3 buche. Quindi, questo √® quello che vedrete. Quindi, ho intenzione di mettere da parte questo e poi guardare la prossima parte dell'hardware. Quindi, stiamo solo arrivando dall'alto verso il basso, ora uno per uno che stiamo facendo fuori. Ho appena fatto fuori la piastra di fine sottostante che era questa guarnizione. Quindi, adesso rimuovo questa guarnizione. Sotto quella guarnizione √® il raccoglitore di corrente. (Riferimento Slide Time: 19.25) Quindi, questo √® quello. Quindi, questo √® un raccoglitore di corrente di rame. Quindi, lo sto solo portando qui fuori questo √® il collezionista di corrente di rame. Quindi, √® fatto di rame Ti mostro solo questo raccoglitore di corrente in diversi angoli. Quindi, quello √® il raccoglitore attuale, e tipicamente ci si attacca qui per farlo allegare al circuito esterno. Allora, ecco dove ci scorriamo su di esso e cos√¨ √® l'attuale collezionista che potete vedere gli stessi 3 buchi in questo come sono stati come avete visto nella guarnizione e questo a causa dei bulloni che uno attraverso uno stipula il bullone passa e questo √® questo grande questo che √® questo buco qui. Quindi, questo il bullone sta andando verso il verso l'interno dell'hardware e in modo che trattiene l'hardware insieme questi altri 2 buche che vedete qui sono destinati al carburante o reazionario in ingresso e outlet. Ecco, questa √® la prossima parte di questo hardware. Quindi, questo √® l'attuale raccoglitore ok. Quindi, di nuovo mi metter√≤ da parte. Quindi, 3 pezzi fuori ora la piastra di fine una guarnizione, una guarnizione in silicone e questo collezionista attuale. Quindi, ora che come sapete come ho detto questo si chiama il collezionista attuale √® molto parte del circuito, molto parte del circuito attraverso il quale la corrente viene portata da questo al circuito esterno dove lo si usa per qualche particolare scopo ok. Quindi, quindi, questa √® molto parte del circuito e quindi dobbiamo essere consapevoli di ci√≤ che sta succedendo in merito e fare in modo che non venga accidentalmente a contatto con il lato opposto dell'hardware. Quindi, questo √® molto importante riguardante questo pezzo di hardware. Quindi, sto per mettere da parte questo ora ok. Cos√¨, al di sotto dell'attuale raccoglitore arriva il pezzo successivo dell'hardware che viene chiamato il campo di flusso o il canale di flusso e cio√® questo blocco di grafite ok. (Riferirsi Slide Time: 21.12) Cos√¨, questo √® un blocco di grafite ed √® stato cancellato ho solo mostrarti il backside che il lato di esso che era in cima che un volto che stava affrontando √® questo. √ą featurette sulla parte superiore, non si vedono caratteristiche su di esso. Quello che non vedrete molto se guarrete attentamente vedrete due minuscoli fori qui che sto cercando di posiverlo in modo che questo diventi visibile a voi s√¨ che ora vi accorgete di vedere due minuscoli fori. Quindi, indico loro in un attimo. Allora, c'√® da vedere un buco qui o almeno una indicazione che c'√® qualcosa l√¨ che ha detto che c'√® un piccolo buco l√¨ a destra e alla fine diametralmente opposta c'√® una minuscola hole. Quindi, √® attraverso questi questi sono i due buchi che si allineano con quell' ingresso e outlet che hai visto nel resto dell'hardware ed √® cos√¨ che il gas entra e esce da questo hardware ok. Cos√¨, questo si chiama canale di flusso, campo di flusso di gas e sul backside di esso che √® quello che state attualmente vedendo √® featurette e questo e quindi, vi chiederete cosa sapete dove √® la portata di ogni cosa che vi scorre dentro. Ma nel backside di esso non c'√® motivo di scorrere nulla semplicemente entra in questo buco che vedete qui e va dall'altra parte che √® il lato frontale di questo canale di flusso e vi girer√≤ intorno e vi mostrer√≤ il lato frontale del canale di flusso. Quindi, il lato anteriore del canale di flusso √® quello che sta affrontando l'assemblaggio dell'elettrodo a membrana che √® dove si stanno svolgendo tutte le reazioni, quindi il lato frontale √® dove √® necessario avere tutte le caratteristiche. Quindi, lasciamelo girare e mostrarti il lato frontale. (Riferimento Slide Time: 22.46) Questo √® il lato frontale di questo canale di flusso che si pu√≤ vedere che ha qualche modello di flusso in esso permettetemi di cambiare la posizione di esso. Cos√¨, si pu√≤ avere un senso migliore. L√¨ si arriva a vedere il canale di flusso. Vedrete qui in realt√† un set del canale che va su e gi√Ļ su e gi√Ļ su e gi√Ļ in modo serpentino ok. Quindi, va su e gi√Ļ su e gi√Ļ su e gi√Ļ in modo serpentino, √® un set di canali molto ristretta e quindi √® necessario guardare con attenzione per vederlo, ma si pu√≤ vedere quel canale. Quindi, quello che normalmente succede √® che il gas entra in ingresso diciamo che entra qui e poi si va gi√Ļ per poi salire per poi scendere e poi arrivare su etcetera e poi uscire finalmente, fino alla fine diagonalmente opposta e a quel punto, uscir√† attraverso il backside del canale di flusso e uscir√† dalla cella. Ok quindi, ecco come il gas in questa cella a combustibile viene distribuito attraverso l'intera cellula in cui avviene la reazione e che quell' assemblaggio di elettrodo a membrana √® molto vicino a questa superficie non √® a contatto diretto con la superficie c'√® un altro strato in mezzo e cos√¨ si parler√† di quello strato. Ma questa √® la prima cosa che distribuisce il gas √® questo campo di gas e questo √® quello che vedete qui al momento. Quindi, ho intenzione di mettere da parte questo e poi guardiamo alle prossime parti che rimangono in questo hardware. Quindi, subito una volta arrivato questo lontano in questo hardware ci sono da arrivare molto vicino alla cella del carburante in s√© che √® questo strato che comincer√≤ a scattare ora siamo solo una sorta di uno strato di distanza dalla cella del combustibile reale o dall'assemblaggio dell'elettrodo di membrana. Ma questo nuovo strato che attualmente abbiamo a che fare ha due parti in esso, una √® la guarnizione e l'altra √® lo strato di diffusione del gas. Quindi, me ne apprendo entrambi e poi lo mostrer√≤ a voi. Quindi, la prima √® questa guarnizione, si vede che si tratta di una finestra quadrata di ordinamenti. (Riferimento Slide Time: 25:06) E questo √® fatto di Teflon come materiale. √ą l√¨ per garantire che prima di tutto nessuna fuga di gas dalla cellula. Quindi, non si vuole far fuoriuscire gas dalla cella e quindi, quindi, serve questa guarnizione. E la seconda cosa che fa √® lo spessore di questa guarnizione √® un parametro importante che decide quanto le restanti parti della cella che consiste nell'assemblaggio dell'elettrodo di membrana e degli strati di diffusione del gas, quanto vengono compressi vengono decisi dallo spessore di questa guarnizione; perch√© questa guarnizione di solito non comprime molto. E cos√¨ quando l'hardware arriva ad una fermata di questa guarnizione lo strato di diffusione del gas √® stato compresso ad alcuni gradi. Non si, si desidera che lo strato di diffusione del gas venga compresso ad una certa misura perch√© solo allora si avr√† un buon contatto elettrico allo strato di diffusione del gas se si tocca a malapena lo strato di diffusione del gas se l'attuale raccoglitore appena tocca lo strato di diffusione del gas o se mi dispiace che il canale a flusso di gas mi tocchi male lo strato di diffusione del gas poi non avrete un buon contatto elettrico che perder√† il contatto elettrico avr√† una resistenza ad alto contatto. Quindi, √® necessario che venga compresso un po' che si desidera che la compressione ci sia un po' e in modo da ottenere un buon contatto con lo strato di diffusione del gas. Ma allo stesso tempo se lo si comprime troppo lo strato di diffusione del gas viene schiacciato e questo anche non √® particolarmente buono perch√© questo distrugger√† le caratteristiche di diffusione del gas dello strato di diffusione del gas. Quindi, vuoi qualche compressione, ma non troppa compressione. Quindi, che si conosca la compressione limitata che si desidera sia garantita mettendo una guarnizione di uno spessore adeguato questo non √® molto spessa √® relativamente sottile, ma la misurazione √® decisa in base a ci√≤ richiede la sigillatura e si ha bisogno di qualche compressione, ma non si vuole che i materiali siano schiacciati che √® lo scopo di questa guarnizione. Quindi, che c'√® in questo strato vado a mettere da parte. E questo strato che si trova appena accanto alla guarnizione √® lo strato di diffusione del gas. (Riferirsi Slide Time: 27:12) Cos√¨, questo √® lo strato di diffusione del gas che ho io che sto presentando in mano. Questo tipicamente √® un tessuto di carbonio o un foglio di carbonio e le persone stanno facendo diversi tipi di attivit√† di ricerca per capire se ci sono alternative a questo in modi diversi in cui √® possibile implementare questo particolare strato in modo da ottenere le propriet√† che dovrebbe avere o addirittura migliorare su quelle propriet√† che ha. Ma questo √® il gas strato di diffusione del gas che lo attraversa e distribuisce attraverso la membrana tutti i siti attivi dell'assemblaggio dell'elettrodo di membrana Si tratta di un tessuto di carbonio poroso o di carbonio a volte ha uno strato sopra chiamato il microstrato che ha una migliore conducibilit√†, ma sono tutte implementate varie implementazioni di questo strato di diffusione del gas e se si sta facendo ricerca attiva in quest' area poi quelle sono dei tipi di parametri su cui ci si concentrer√† e si cercher√† di apportare alcune variazioni su ok. Ecco, ecco cosa √® questo strato di diffusione del gas. Quindi, questa √® una parte in pi√Ļ che sto per mettere da parte. E ora veniamo alla parte pi√Ļ importante della cella a combustibile che √® l'assemblaggio dell'elettrodo a membrana e questo √® lo strato che sto tirando fuori ora ok. Cos√¨, mentre lo giro intorno s√¨ l√¨ si pu√≤ vedere il riflesso della membrana tutto intorno. Cos√¨, si vede che c'√® una membrana pi√Ļ grande e c'√® nel centro che si vedono gli elettrodi quadrati, giusto. Quindi, quegli elettrodi sono catalizzatori, strati catalani che sono stati dipinti o si sa depositato su questa membrana questa chiara membrana relativamente chiara che sto tenendo in mano, una membrana trasparente trasparente che vedete che √® la natura delle membrane utilizzate per questa √® attivit√† e su questo, si mette questo strato catalano su entrambi i lati. Quindi, c'√® uno strato su questo lato e se lo giro con attenzione sebbene tu possa non essere in grado di vederlo correttamente c'√® uno strato anche dall'altra parte. Quindi, entrambi i lati hanno lo stesso strato e sono allineati sopra l'uno dell'altro. Quindi, e dato che la membrana √® trasparente non intendo guardarla, sembrer√† la stessa cosa, ma questo sito si sta vedendo uno strato di catalizzatore e mentre lo giro intorno si vede l'altro strato catalano. Quindi, questi sono i due strati catalani. E a seconda del vostro test potrebbero essere lo stesso voi o potreste avere 3 diverse composizioni su questi due strati catalani. Quindi, hai la possibilit√† di farlo, ma poi hai anche questa membrana, questa membrana che c'√®. Questa membrana √® la cosa importante in questo setup nel senso che √® l'elettrolita e i due strati catalani sono quelli in cui l'elettricit√† viene generata o le reazioni si verificano piuttosto. Quindi, si ha una reazione elettrochimica che si verifica all'anodo e un'altra reazione chimica elettrodo e che si verifica al catodo e quindi uno di questi strati √® l'anodo e ci√≤ che c'√® dietro √® il catodo. Quindi, diciamo che possiamo se supponiamo che questo sia l'anodo o se abbiamo deciso che questo √® l'anodo allora questo diventa lo strato catodico dietro diventa il catodo e tra i due strati c'√® questa membrana. Quindi, questo √® l'assemblaggio dell'elettrodo a membrana ok. Cos√¨, questa √® la membrana e l'elettrodo che viene assemblato si chiama assemblaggio elettrodo a membrana. E questa √® la parte centrale della cella a combustibile. Su entrambi i lati di questo assemblaggio elettrodo di membrana √® uno strato di diffusione del gas poi ci sono due guarnizioni che ci sono i canali di flusso e poi c'√® un raccoglitore di corrente un'altra guarnizione e poi l'hardware di fine. Cos√¨, siamo arrivati al centro della cella a combustibile. Quindi, quello che resta sar√† una replica di quello che abbiamo appena fatto a pezzi finora. Quindi, tirer√≤ fuori quelle parti e vi mostrer√≤ che sull'altra met√† della cella del carburante abbiamo anche le stesse parti. Quindi, appena sotto si trova un altro strato di diffusione del gas e una guarnizione, quindi strato di diffusione del gas e una guarnizione e questo tiranno tipicamente all'interno di questo si adatter√† all'interno di questo regime l√¨. Quindi, potete vedere che si adatta all'interno, potete tirarlo a pezzi e poi si stacca separatamente bene. Quindi, questo si smette e lo si pu√≤ mettere insieme in quel modo. Quindi, ecco come si adattano l'uno all'altro che √® come sono dimensionati se si taglia in modo tale che non si sovrappongono che si adatta proprio allo strato di diffusione del gas proprio all'interno dello strato di guarnizione che viene fornito, a destra. Quindi, ecco il modo in cui lo assembmiamo. Allora, questi due ci sono. Quindi, io mi sto mettendo da parte e poi sotto √® il prossimo canale di flusso che vedete qui. Di nuovo si pu√≤ vedere il canale di flusso serpentino, si chiama serpentina perch√© va su e gi√Ļ e le curve √® praticamente come una linea retta che va dritta poi curve e torna subito poi curve e va gi√Ļ di nuovo e cos√¨ via. E questo si chiama modello di flusso serpentino a canale singolo. Ed √® quello che viene implementato in questo hardware. Puoi avere altre forme di hardware in cui puoi avere diverse versioni di questo pa