Loading

Alison's New App is now available on iOS and Android! Download Now

Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Quindi, quello che succede ad esempio, quando si fa questo, si noterà che è la prima questa è la fase 4 questa si chiama stadio 4. Così, sta accadendo in invertito, la fase 4 si riferisce semplicemente a questa idea che ci sono 4 strati di grafene tra due strati adiacenti di ioni di litio che si sono intercalati nel sistema. Così, gli ioni di litio si sono intercalati nel sistema. Quindi, tra due strati adiacenti di ioni di litio, si hanno 4 strati di grafene e quindi ok, ecco come. Quindi, quello che sottolineo anche io che, vedete qui la spaziatura è salito questa spaziatura è il poco più grande di questa spaziatura che è perché gli ioni ci arrivano. Allora, gli ioni sono arrivati lì dentro c'è un sacco di studi e so esattamente cosa è lo status di litio lì, quanto c'è dell'elettrone con esso, quanto dell'elettrone è con il resto del materiale ospite etcetera. Quindi, per il nostro scopo, la chiameremo semplicemente il litio che c'è. Così, la litium-ione è entrata lì e poi ha aumentato la spaziosità tra strati di grafene dove è presente, ma queste distanziazioni sono poco disturbate. Quindi, questa è la spaziatura originale. Quindi, se si confronta di nuovo con il quadro precedente, ecco come è stata la nostra foto e si ha qualche variazione l'elettrolita anche perché gli ioni si muovono. Così, potete vedere gli ioni se guardate che gli ioni di elettroliti si muovono. Se si guarda al lato elettrodo la spaziatura è cambiata, si avevano strati di grafene uniformemente spaziati e scopri ora che alcuni strati di grafene sono stati orgogliosi di parte, sono stati allontanati e alcuni di loro continuano a rimanere come per la loro spaziatura originale e si ha questo litio che è arrivato dentro. Quindi, questo è il palco 4; il palco 3 come potete immaginare riguardo a questa descrizione, sarebbe una situazione in cui abbiamo portato in un così, tanto litio che in media ci sono tre strati di grafene tra due strati di litio. Ora, siete 4 strati di grafene tra due strati di litio, introduciamo più litio man mano che crescono per andare dentro e dentro si leggeranno in modo tale che ora si hanno 3 strati di grafene tra due strati di litio. Così, questa situazione si evolve in questa situazione. (Riferimento Slide Time: 39:36) Così, improvvisamente si hanno tre strati solo tra ogni due strati di grafene adiacenti. Ancora l'elettrolita sta continuando a cambiare qui e si continua ad avere un elettrodo qui da dove questo avviene. Allora, questo è quello che sta bene. Quindi, questo è 4 strati 4 strati di grafene tra due strati di litio questo è 3 strati di grafene tra due strati di litio. Quindi, questa è la tappa 3. (Riferimento Slide Time: 40:02) Possiamo continuare questo e avrete la tappa 2 dove si hanno due strati di grafene tra due strati di litio adiacenti. (Riferimento Slide Time: 40:15) E poi si ha la fase 1, dove si hanno tutti gli strati di grafene intercalati con ioni di litio. Quindi, queste sono tutte le tappe. Quindi, quando scarichi farà anche il contrario. Quindi, se sono io se questa è la condizione carica e inizia a scarcerare la cella andrà così. Ora tutto il litio è andato all'elettrodo contatore, si ricarica farà questo ok. Ecco, ecco come succede la ricarica e la ricarica. Quindi, questa è completamente carica di scarichi, scaricamenti, scaricamenti, scarichi completamente scaricati poi ricariche. Quindi, questo è completamente ricaricabile. Così, ecco come avviene la ricarica di ricarica e in questo processo non c'è alcuna placcatura di litio qui questo non sta accadendo, non c'è nessuna placcatura qui e quindi, il litio è al sicuro questa idea di crescita dendritica non sta accadendo, non sta crescendo tale da avere un corto circuito, quindi tutto ciò che non sta accadendo. Dunque, questa questione di sicurezza che c'era con il metallo al litio non c'è più. Quindi, segnalo anche che potete vedere qui che la spaziatura è cambiata. Si può vedere se si confronta questa spaziatura qui, è significativamente superiore alla spaziatura originale tra gli strati di grafene che è questo. Quindi, quindi, quando si fa la diffrazione a raggi X della cellula, scoprirete che questa spaziatura iniziale che sapete abbiamo avuto questa spaziatura di 002 di 3,35 angromi. Quindi, quando si fa la diffrazione a raggi x di questo, se si fa n lambda equivale a 2 d il peccato che è l'equazione di Bragg. Quindi, questa è l'equazione di Bragg. Quindi, questo d è 3,35 angromi. Quindi, se si utilizza un particolare valore di lunghezza d'onda, si otterrà una particolare theta in cui il picco si mostrerà a destra. Quindi, ora, mentre ci si mette al litio in media la spaziatura sta aumentando a destra. Così, in altre parole in media il valore d sta salendo il valore d. Così, dato che il valore d continua a salire, la theta in cui il picco apparirà continua a diminuire. Perché il 2 d sin theta deve essere una costante n lambda è una costante che si sta utilizzando la stessa lunghezza d'onda. Così, lambda è costante. Quindi, se continui ad aumentare la d theta deve scendere. Quindi, il picco di posizione del picco che angolo in cui il picco appare il picco di XRD, sembra continuare a mutare a valori più bassi di theta. Così, si sposterà ad un valore inferiore di theta e vedrete il picco comparso a valori più bassi e più bassi e infatti questo è un dato chiaramente osservato, si possono fare esperimenti che si possono fare a conoscere in situ x-ray diffrazione tipo di esperimento dove si dispone di una cella di litio all'interno della x-ray, e si può eseguire la cella, e poi si può vedere questo sapere costantemente il d 002 due picchi che si spostano verso valori più bassi e inferiori di theta. Ecco, questo è ciò che accade e questa idea che capita in fasi è indicata come tagging.
Questo si chiama staging. Quindi, l'intercalazione avviene attraverso questo processo di staging in grafite e aiuta in modo sicuro il litio e aiuta a creare una situazione in cui la batteria agli ioni di litio possa funzionare in modo sicuro. Ecco, questo credo sia una parte molto chiave di tutta questa tecnologia agli ioni di litio. Così, abbiamo visto quali sono i vantaggi della batteria al litio, abbiamo visto quali sono i pericoli con il litio con la batteria al litio. Quindi, vantaggi del litio conosci i pericoli associati alla batteria al litio e qual è il processo che hanno seguito per superare quel pericolo, che ha creato la batteria agli ioni di litio e questa è la batteria prevalente in larga scala nel nostro attuale utilizzo. Questa è la tecnologia questa stessa cosa che vi sto mostrando qui è sostanzialmente l'idea che le persone hanno usato per creare le batterie agli ioni di litio che stiamo presentando. Segnalo inoltre che si sa che questo sta usando la grafite come il materiale, si possono usare anche altre forme di carbonio e infatti le persone guardano attivamente ad altre forme di carbonio per fare questo stesso processo e così, c'è molta ricerca che va avanti in questo settore. (Riferimento Slide Time: 44:11) Intanto, dovremmo anche capire qual è il rapporto tra l'elettrolita, ciò che viene richiesto all'elettrolita e ciò che viene richiesto all'elettrodo e come fanno quei due a relazionarsi tra loro. Abbiamo parlato di un caso specifico in cui si sa di avere il litio abbiamo avuto Lithium Hexafluorophosphate right LiPF 6 e che avevamo con qualche solvente EC DEC qualche combinazione come questa, che veniva usata come elettrolita come si è scelto questo come selezioniamo questo, giusto. Quindi, per farlo, dobbiamo davvero capire qualcosa sull'energia di quell' elettrolita. Quindi, abbiamo qualcosa chiamato il più alto orbitale molecolare occupato o HOMO è chiamato il più alto orbitale molecolare occupato e questo è il più basso orbitale molecolare non occupato, questo divario è molto importante. In un elettrolita si avrà questo HOMO HOMO e LUMO questi sono i due termini utilizzati, il più alto orbitale molecolare occupato e il più basso orbitale molecolare non occupato, le energie di Fermi o le potenzialità chimiche dell'anodo e del catodo, il potenziale chimico dell'anodo e il potenziale chimico del catodo dovrebbero essere abbinati alla finestra di tensione della finestra di tensione ammissibile per l'elettrolita. Questo gap di energia tra l'HOMO e la LUMO è la finestra energetica ammissibile per quell' elettrolita. Così, come potete vedere qui, se guardate l'anodo e il catodo questo è il divario tra anodo e catodo, questa è la tensione a circuito aperto. Questa è la tensione a circuito aperto tra l'anodo e il catodo e rimane all'interno della finestra di tensione dell'elettrolita la finestra HOMO LUMO che vedete qui, questa finestra anodica - catodo dovrebbe rimanere all'interno di questo, solo allora questo sistema funzionerà in modo incerto perché è così? È perché all'anodo durante il normale processo di scarico quando si usa la batteria, il materiale anodico si sta ossidando bene. Così, sta rilasciando elettroni. Ora se la LUMO dell'orbitale molecolare più basso non occupato dell'elettrolita, se dovesse essere inferiore diciamo che è stato qui, allora questo elettrone può andare direttamente alla LUMO stessa in cui il caso l'anodo sta effettivamente reagendo con l'elettrolita sta riducendo l'elettrolita l'anodo si sta ossidando, ma invece di rilasciare l'elettrone al circuito esterno sta effettivamente rilasciando l'elettrone all'elettrolita e l'elettrolita stessa si sta riducendo. E similmente, se il catodo fosse inferiore qui nel catodo mentre il catodo si riduce, prenderà l'elettrodo elettrone dall'elettrolita. Così ora, invece di avere elettroni rilasciati al circuito esterno, si consumano dall'elettrolita stessa che si basa sulla posizione dell'elettrodo a destra. Così, l'elettrodo che reagirà con l'elettrolita e che praticamente rovinerà la cella, non si otterrà energia dalla cella. E quindi, questo non è qualcosa che si desidera. Quindi, in sostanza vogliamo una situazione in cui questa finestra tra anodo e catodo rimanga all'interno della finestra dell'HOMO e LUMO dell'elettrolita, non è al di fuori di questa finestra dell'HOMO e LUMO dell'elettrolita ok. Ecco, ecco come abbiniamo le potenzialità operative dell'anodo - catodo con la finestra di tensione operativa dell'elettrolita. E questo è vero non solo per il sistema di litio - ion è vero per tutte le combinazioni elettrolitiche che si possono vedere in qualsiasi altro sistema di batterie. (Riferirsi Slide Time: 47:57) Così, in termini di conclusioni, le nostre principali conclusioni sono che le batterie ricaricabili a base di litio in metallo possono sviluppare un corto circuito interno con ripetente ciclismo. Così, abbiamo visto prima di tutto che ci sono enormi vantaggi nell'utilizzare il sistema di batterie a base di metallo al litio, ed è per questo che c'è così tanto interesse, ma anche voi, notate che se si usa il metallo di litio come anodo, allora si può avere un corto circuito interno con ciclismo ripetuto e che è una situazione non desiderabile. La tecnologia basata su ioni di litio crea una situazione, dove il metallo non viene placcato e spogliato. E quindi, la struttura dendritica che è il pericolo che si verifica una situazione pericolosa che avviene nel sistema a base di metallo litio, quella struttura dendritica non cresce nel caso di batterie agli ioni di litio, ovviamente, bisogna qualche equilibrio di massa qui per garantire che non si metta l'eccesso di litio nell'elettrodo. Se mettete in eccesso il litio poi alla fine si può avere una crescita dendritica anche lì. Quindi, fanno un attento bilanciamento di massa per garantire che il litio sia esaurito, ma c'è ancora poco eccesso di carbonio disponibile a destra. Perché Li C 6 si formerà, non si dovrebbe avere più litio di così se si manderà più litio di quel litio che comincerà a pattinare sopra la grafite, non vogliamo che ci teniamo poco meno al litio che possibile per essere trattenuto all'interno di quella grafite. Intendo dire che sulla base abbiamo superato questa questione di pattinaggio. L'intercalazione e i composti ospiti rendono sicura la batteria agli ioni di litio. Ecco, questa è l'idea che abbiamo esplorato in qualche dettaglio e abbiamo anche visto che è molto importante abbinare all'operatrice che si conosce la finestra operativa dell'elettrolita con i valori energetici associati all'anodo e al catodo della batteria solo quando si fa che il sistema è in realtà sicuro. E solo allora si otterrà effettivamente la corrente senza senso della batteria, altrimenti si avranno gli elettrodi che reagiscono con l'elettrolita che è una situazione completamente comprensibile. E in realtà state sprecando l'elettrodo che state sprecando anche l'elettrolita, non otterrete alcuna corrente al circuito esterno. Ecco, ecco le nostre principali conclusioni per questa classe sulle batterie agli ioni di litio. E come ho detto questa è una tecnologia molto importante nel mondo di oggi di voi conosce energia portatile, lotto di ricerca su di esso. Ed è questo che abbiamo discusso oggi sono molti dei concetti di base associati a questa tecnologia della batteria agli ioni di litio. Intendo dire che è usato come abbiamo visto in voi conoscete pacemaker artificiali, fino all'astronave che sono là fuori e che include oggetti comuni come giocattoli, domestici, gadget e così via. Così, molti molti posti che usiamo le batterie. E infatti, come ho sottolineato anche in se ci si va in qualsiasi nel mondo come esiste oggi se si va in qualsiasi impostazione sociale che si imposta come molte mai persone si vedono le loro possibilità sono che si ha almeno quel numero di batterie magari due volte o tre volte come tante batterie sedute in quella stessa ambientazione sociale perché la maggior parte di noi sta trasportando due o tre batterie anche senza che noi la realizziamo, senza che noi lo realizziamo consapevolmente. Certo, sappiamo che c'è qualche batteria lì, ma non ne sappiamo tenere traccia per così dire. Ecco, questo è lo stato degli affari che riguarda la tecnologia energetica ed è questo il motivo per cui passiamo tanto tempo a cercare di capirlo, e anche allo stesso grado quando diciamo quando guardiamo a una questione come la compatibilità ambientale della tecnologia energetica. Questo è di nuovo specifico area di preoccupazione per i dispositivi come le batterie perché come ho detto se vai all'impostazione social avrai 2 o 3 volte altrettante batterie come avrai persone in quell' ambientazione sociale e che potrebbe essere ovunque tu vada in un ristorante vedi persone intorno a te basta contare il numero di persone che ci sono sono 2 o 3 volte altrettante batterie in quella stanza. Quindi, ora, cosa succede a quelle batterie alla fine della loro vita? Quindi, che quelle batterie ci saranno tutte per durare un mese forse, 2 mesi nel caso il suo telefonino per forse un paio di anni fa cose del genere ci sono molti altri dispositivi in cui si va a smarrire molto meno. Quindi, c'è una quantità enorme di rifiuti che si genera che viene generato abbinato alle batterie. Quindi, in qualche modo non ci siamo accorti completamente nella modalità in cui tutto torna al produttore e poi può riciclarlo e così via. Quindi, ancora non siamo ancora abbastanza in quella modalità. La maggior parte delle volte che molte delle cose che usiamo una volta sono vecchie che stiamo buttando nella spazzatura che vuol dire o non è sicura, o è tossica o varie altre questioni ci sono e quindi questo è lo status che siamo come ora buttiamo le cose nella spazzatura, cosa che non dovremmo, ma purtroppo questa è la realtà o la realtà di terra sono molte persone che lanciano molte cose nella spazzatura. Tranne che per specifici tipi di batterie dove c'è un forte incentivo a restituire la batteria di cui parleremo per la maggior parte stiamo gettando le cose nella spazzatura. Pertanto, la cordialità ambientale di quella tecnologia è molto critica dovrebbe essere tale che anche se si butta nella spazzatura non si sta creando un pericolo maggiore, non si sa distribuendo qualche materiale tossico materiale velenoso in tutta la discarica e in tutto il posto. Ecco perché è molto critico capire; qual è la cordialità ambientale di una tecnologia energetica portatile che potrebbe essere molto prevalente nella società. Così, nella classe di oggi, guarderemo a strutture di batteria comuni di vario tipo perché e vedremo cosa intendo dire che ci sono le batterie arrivano in tutte le diverse forme. Quindi, almeno abbiamo una breve panoramica di quello che è, e analizzeremo anche i tipi di batteria comuni enormi di chimie là fuori per le batterie. Così, analizziamo alcuni tipi di batteria comuni che mi sento di provare per voi sapete qual è il plus e il meno di ogni chimica che stiamo guardando. Quindi, ecco quelli che sono i nostri e questo è la gamma di cose che guarderemo oggi. (Riferimento Slide Time: 04.04) Quindi, gli obiettivi di apprendimento per questa classe sono di diventare familiari con le diverse strutture della batteria. Come ho detto con diverso arrivano in diverse forme e dimensioni. Quindi, quali sono quelle forme e dimensioni almeno avremo una breve panoramica di quella che vorremmo anche diventare familiare con i tipi di batteria comuni ok. Quindi, quali sono i tipi di batteria comuni che vorremmo diventare familiari con loro, e ovviamente, indicare i vantaggi e gli svantaggi di questi tipi di batteria. Quindi, ora vi segnalo anche che per entrambi i punti numero uno e punto numero due che sono le diverse strutture della batteria e i tipi di batteria comuni, insomma c'è una bella varietà che è strutture a batteria forse è un po' limitata. Ma hai ancora una gamma di diversi possibili fisici che conosci implementazioni di una batteria e non c'è fine che puoi pensare ad alcune nuove implementazioni anche con esso. Così, vediamo cosa è essenzialmente richiesto e poi su questo su quella base possiamo costruire qualsiasi cosa che desideriamo. Da subito quando si va da loro quando si va a commercializzare certi tipi sono molto comunemente disponibili e quindi è su questa base che analizzeremo alcune di queste strutture. Allo stesso modo quando si parla di tipo di batteria dalla prospettiva della chimica, quindi questa è la forma fisica della batteria è quello a cui mi riferisco come struttura a batteria e quando si parla quando dico tipo di batteria mi riferisco alla chimica della batteria ok. Quindi, questo è l'altro aspetto di esso. Quando si guarda di nuovo alla chimica della batteria è inesauribile, se si guarda anche quello che c'è nel mercato di massa c'è una vastissima gamma di chemisterie a batteria che sono in giro nel mercato di massa, ma se si analizzano i documenti di ricerca se si guardano i documenti di ricerca nell'ambito della tecnologia energetica la gamma di materiali della batteria che stanno osservando è enorme è una lunghissima gamma di materiali a lungo raggio che stanno guardando. Principalmente perché se si guarda alla nostra serie elettrochimica c'è una lunga serie di materiali che si potrebbero usare come anodo e come una lunga serie di materiali che si potrebbero usare come catodo. Quindi, in linea di principio, se riesci a trovare alcuni conosci qualche regista appropriato che funziona con quella combinazione anodica - catodica e puoi impostare una qualche tipo di cellula elettrochimica che hai una vasta gamma di batterie possibili e quindi, molte persone stanno indagando su quelle batterie. E in tutte quelle batterie c'è molta scienza coinvolta in come funziona la batteria e cosa si può fare per far funzionare meglio. E per ogni specifica combinazione di batteria che scegli una o più problematiche specifiche potrebbe essere più prevalente o più conosci importante per quella particolare combinazione di anodo e catodo, e quindi, il tipo di cose che faresti per migliorare una batteria potrebbe essere alquanto diversa dai tipi di cose che potresti fare per migliorare un'altra batteria. E nel complesso anche ci possono essere dei limiti all'interno del quale si potrà lavorare se si lavora con una sola chimica, qualche altro limite con cui si dovrà lavorare quando se si lavora con l'altra chimica. Quindi, considerando questa gamma di possibilità di conoscenza, molte persone stanno lavorando con una vastissima gamma di batterie. Inoltre c'è questo che conosci la questione techno - economica associata al fatto che ogni produttore ama brevetta qual è la loro versione della batteria. Quindi, se arrivano con una nuova chimica che sta funzionando molto bene, che hanno capito come far funzionare bene quella chimica perché se si guarda alla tavola periodica si possono immaginare tutte le possibili chimie e se si guarda alla serie elettrochimica si possono immaginare tutte le possibili chimie per le batterie. Così, ogni produttore sta lavorando sodo per cercare di capire cosa è quella particolare chimica che funziona bene e come si può far funzionare meglio che è la seconda parte, perché solo picking la chimica si può scegliere dalla serie elettrochimica, ma come far funzionare bene è un sacco di ricerca fondamentale che si dovrà fare. Quindi, ad esempio, potrebbe essere necessario guardare a quale deve essere la dimensione delle particelle del materiale che si sta utilizzando nell'anodo. Quindi, potrete utilizzare una pasta di qualche forma che abbia particelle della sostanza chimica che si desidera che ciò che dovrebbe essere la sua dimensione corretta. C'è qualche dimensione che è troppo grande? C'è qualche dimensione che è troppo piccola? Cose del genere. Qual è il tipo di separatore che si dovrebbe usare per l'elettrolita ci diamo un'occhiata che in un attimo qual è il separatore e poi anche qual è il materiale catodico di altri aspetti associati a questo? Quindi, la chimica della batteria è un processo abbastanza coinvolto lì e quindi c'è una vasta gamma se si guarda alla letteratura documenti una vastissima gamma di combinazioni che le persone stanno indagando. Quindi, quello che osserveremo sono di fatto, alcuni solo alcuni dei tipi di batteria comuni che siamo; ovviamente, non guarderemo a tutta la gamma c'è una gamma enorme lì solo per darvi un sapore di quello che c'è e cosa e questi sono tipi che si conosce il tipo di cui può essere a conoscenza dall'utilizzo comune. E ovviamente, in quel processo, analizzeremo brevemente alcuni vantaggi e alcuni svantaggi di questi tipi di simmetria. Quindi, quelli sono i nostri 3 o gli obiettivi di apprendimento delle strutture a batteria e alcuni vantaggi svantaggiati ok. (Riferimento Slide Time: 08.56) Quindi, se andate in negozio per acquistare una batteria o andate online per acquistare una batteria trovate una vasta gamma di forme in cui sono disponibili le batterie. Quindi, alcune forme sono elencate qui. Abbiamo qui una cosa chiamata cella cilindrica abbiamo un'altra cosa qui chiamata cell cell, cella prismatica e cella di pouch. Queste sono quattro diverse versioni che si possono conoscere potreste incontrare se si decide di esplorare l'arena delle batterie e guardare cosa si vorrebbe acquistare. Di questo, la cella cilindrica è molto comune ed è forse la versione in stile più vecchio della batteria. Ne vedremo un po' di più, ma è forse lo stile più vecchio della batteria in tutti gli anni che ci lasciano dire il 60s, 70s, 80s, 90s e tutto se sei andato al negozio e hai comprato le possibilità di batteria sei comprato una cella cilindrica che è quella più comunemente disponibile. Poi una volta che hanno iniziato a fare dispositivi in miniatura e forse il più che conosci il dispositivo in miniatura comune che molti di noi si sono abituati a presto è stato il wristwatch ok. Così, la versione elettronica dell'orologio da polso una volta che si sono spostati dalla versione meccanica dell'orologio da polso alla versione elettronica dell'orologio da polso avevano bisogno di minuscole batterie per sedersi all'interno. Quindi, quelle minuscole batterie erano tipiche di questo tipo la cella dei pulsanti. Così, oggi ci abituiamo per una vasta gamma di cose che la cella dei pulsanti si fa conoscere per molti posti dove hai bisogno di una minuscola batteria. Così, ad esempio, molte volte la scala di pesatura che si acquista usa qualcosa come questa che si conosce la scala di pesatura del bagno o qualunque sia la tua scala di pesatura domestica che si acquista userà qualche cella di bottone molti altri piccoli dispositivi che si ottengono quali luci LED, lampade a LED che si possono usare per scopi decorativi tutti hanno questa cella a bottone. Così, questa miniatura, miniaturizzazione, il requisito per la miniaturizzazione ha contribuito a creare questa cella a bottone. Quindi, questo che forse è relativamente più recente intendo questo solo nel grande schema delle cose, ma sono sicuro che anche dagli anni Novanta questo era ragionevolmente prevalente perché abbiamo già un numero equo di dispositivi che usavano tali celle. Naturalmente, come potete immaginare se vi farete piccoli vi ho detto che la batteria è un dispositivo di accumulo dell'energia ok. Quindi, la batteria è un dispositivo di accumulo dell'energia. Quindi, naturalmente, se si va da una cella cilindrica che è che intendo qualcosa che si conosce significativamente grande è possibile tenere in mano è un oggetto solido che si può tenere in mano e la stessa chimica stessa chimica tutto il resto si usa per creare una cella a bottone che sia un sottile, sottile disco di flat disc. Quindi, ti muovi da qualcosa che sembra che a qualcosa che sembra questo, quindi disco, così il cilindro diventa un disco. Naturalmente, tutto il resto è lo stesso che ha più sostanze chimiche, trattiene più sostanze chimiche stesse sostanze chimiche qualunque sia la stessa sostanza chimica che lei ha assunto è la stessa chimica relativa a questo che c'è il reattante che mi fa dire, i reagenti sono i chimici questi sono gli stessi ok. Quindi, questo trame che conosci cella cilindrica detiene molto più reagenti rispetto alla cella dei pulsanti. Quindi, quindi, naturalmente ci si può aspettare che la cella dei pulsanti non durerà a lungo intendo se la cella cilindrica può durare 10 ore in alcune particolari condizioni di funzionamento, la cella dei pulsanti potrebbe durare appena 15 minutes minuti nelle stesse condizioni operative ok. Quindi, quindi, ma il punto è, quindi è per questo che bisogna tenere a mente che quando miniaturizzato il dispositivo si dovrebbe puntare anche su miniaturizzare il o ridurre drasticamente il consumo di energia. Se il consumo di energia è elevato, ma il tuo dispositivo è piccolo allora sei bloccato in una brutta situazione perché devi trovare una batteria che sia piccola ma possa comunque darti una notevole quantità di energia per un notevole lasso di tempo. Quindi, questo è qualcosa di cui bisogna fare attenzione. Quindi, comunque, la cella dei pulsanti è arrivata a causa di tutto questo interesse per la miniaturizzazione e quindi, hai una vasta gamma di tecnologie che pulsanti le celle, ci sono anche un sacco di dimensioni standard che puoi andare a conoscere qualsiasi negozio in questi giorni qualsiasi negozio di elettronica e procurarti una cella a bottone di qualche specifica. Poi arriva la cellula prismatica che è un po' come si conosce flat box, piatto rettangolare piatto. Questo è stato questo che direi relativamente più recente, questo è soprattutto quello di assistere alla compattazione spaziale. Quindi, per i dispositivi come i nostri telefoni cellulari, per i veicoli elettrici etcetera, la struttura cilindrica non lo è. Quindi, conveniente lo vedremo in un attimo, ma le strutture flatter sono molto più convenienti anche per quanto riguarda lo spazio ok. Voglio convenienza è una cosa, ma sono molto più efficienti riguardo l'utilizzo dello spazio e quindi, sono la cellula prismatica è molto più di interesse per i dispositivi che stanno particolarmente cercando di puntare su spazi compatti. Quindi, il telefonino è uno di questi dispositivi, i veicoli elettrici sono alcuni sono dispositivi del genere. Quindi, ecco la cosa. La cella di Pouch è di nuovo una introduzione relativamente recente in questo processo che è la versione molto morbida del I medio in alcuni modi si può pensare ad essa come un'evoluzione della cellula prismatica ha una sorta di sapone dimensioni o struttura fisica struttura, ma è fatta come un pouch sembra che si conosca qualche sacchetto di plastica che è stato sigillato e ne stanno uscendo due lead. Così, hanno fatto qualche modo interessante in cui potevano connettersi a quei due lead ed è molto leggero ed è molto flessibile. Quindi, quindi, si tratta di un'attività relativamente recente. Si possono acquistare giocattoli per esempio; alcuni giocattoli avranno dentro una cella di pouch. Se controlli alcuni di questi piccoli soprattutto se vedi questi piccoli giocattoli che sono questi almeno oggi sai di avere tutti questi piccoli elicotteri che ci sono questi elicotteri giocattolo che sono lì hanno bisogno di un peso estremamente leggero delle batterie. Quindi, la struttura della batteria deve essere abbastanza leggera e che viene fatta usando questa cella di pouch. Ecco, questa è la struttura che stiamo guardando. Ecco, queste sono alcune delle principali strutture della batteria. Analizzeremo anche brevemente come guardano, sembrano. (Riferirsi Slide Time: 15.22) Così, ad esempio, la cella dei pulsanti, la cella dei pulsanti ha inizio con questo perché è molto ben delineato i tre pezzi di cui hai bisogno c'è bisogno di dire che questo è l'anodo, questo è il catodo, e questo è il separatore che è immerso nell'elettrodo come, separatore contenente l'elettrolita. Quindi, è un separatore contenente l'elettrolita. E con questo si può sapere di solito se si tratta di un elettrolita liquido questo è come tenereste, ma si può anche avere una specie di polimero che è l'elettrolita. Quindi, ora in una cella a bottone quello che ti serve è che devi vedere che hai queste sostanze chimiche che devi sigillarle in qualche modo deve essere sigillata in modo tale che nulla fuoriesca. Quindi, di solito, avrete un tappo che arriva sopra che e di fatto, anche questo elettrolita sarà fatto così. Quindi, che non permette agli elettrodi a corto circuito e poi avrete una qualche struttura che somigli a questo. Quindi, una struttura che sembra questa che è la parte superiore della cella e poi dal basso avrai un'altra struttura che sembra questa ok. Così, e qui avrete una guarnizione. Quindi, questa è la vista laterale, una visuale laterale per parlare della cella dei pulsanti. Quindi, stai vedendo la sua parte accesa. Quindi, se lo vedete può essere un po' a un angolo che state guardando questa top struttura mi lasci solo dire che metterò delle linee puntate qui sotto in modo da vedere quello che stiamo guardando. Quindi, state guardando una struttura superiore che sembra così e questa struttura di fondo è qui che vi darà una qualche prospettiva di ciò che stiamo guardando. Quindi, stiamo guardando qualche struttura di fondo che sembra quella e poi il qui è dove hai il soffitto, hai quel seme che va in giro, che tu che non sarai visibile appena visto ci sarà una piccola corsia lì e dentro quella fodera è dove è seduta la guarnizione ed è così che avrai la tua cella di bottone. Quindi, il cellulare del pulsante sembra così. Ma in sostanza, ha un anodo e un catodo e un elettrolita.