Loading

Module 1: Nano - e Micro - Particelle

Note di Apprendimento
Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Video:

Salve a tutti, benvenuti a un'altra lezione per la Drug Delivery Engineering and Principles. Così, abbiamo parlato abbastanza di particelle nelle ultime lezioni e continueremo quella discussione. Quindi, solo un rapido recap di quello che abbiamo imparato nell'ultima classe.
(Riferimento Slide Time: 00.41)

Così, nell'ultima classe abbiamo parlato di liposomi che abbiamo detto non sono altro che costituiti da fosfolipidi con un gruppo di testa polare e una coda idrofobica. E poi ce ne sono diversi che vengono allineati in un formato come questo essenzialmente realizzando un nucleo idrofilo oltre che un dominio idrofobico a destra.
Quindi, qualsiasi farmaco che sia idrofobico può essere incapsulato in questa regione mentre, qualsiasi farmaco che sia idrofilo può ottenere questo incapsulamento in questa regione. E i lipidi sono abbastanza compatibili - sono in realtà derivati dai fosfolipidi cellulari. E questi potrebbero essere diversi tipi - potrebbe essere DPPC, DSPE ci sono diversi tipi di lipidi disponibili commercialmente che le persone possono usare per realizzare questi liposomi. E li puoi far pagare, puoi farli diventare neutrali possono essere caricati positivamente negativamente, quindi tutte le diverse variazioni sono là fuori.
Quindi, tutto questo dà molta più sintonia ai liposomi rispetto ad alcune altre particelle che abbiamo discusso ed è per questo che sono molto diffuse. Qui di seguito abbiamo parlato di liposomi stealth, così simili al coniugato antidroga che abbiamo parlato di alcune classi fa, un liposomo stealth può essere fatto anche con PEGylating la superficie esterna.
Così, si possono avere lipidi coniugati a PEG o di qualche altra molecola idrofilica oppure si può avere qualche chimica di coniugazione che si svolge tra la molecola PEG e la lipidica stessa per ottenere questo PEGylation. E che cosa fa? Questo di nuovo fungerà da wiper di parabrezza molecolare, quindi continuerà a muoversi in tutte le direzioni e si assicurerà che se una qualsiasi proteina o cellula straniera sta cercando di attaccare questo particolare liposomo viene allontanata.
Quindi, e questo è il vantaggio e abbiamo visto che simile ai coniugi della droga dei polimeri quando si coniuga PEG a queste particelle di liposoma e hanno un tempo di permanenza molto elevato. Quindi, e possono aumentare il tempo di permanenza fino a 10 volte o superiore e poi abbiamo parlato che PEGylation può anche essere in due diverse conformazioni.
Se è abbastanza ben coperto e la densità circostante è molto alta tra diverse molecole PEG. Poi questi pennelli di PEG tenderanno ad essere vicini e non possono proprio crollare perché l'altra spazzola non lo farà crollare, quindi saranno essenzialmente in questa conformazione spazzola.
Quindi, è come una spazzola con tutte le setole sono una sorta di standing e facendo in modo che non ci sia davvero spazio per la molecola per entrare nel liposomo o quello che può accadere è che li si possa avere leggermente distanti. Così, si può avere una grande molecola PEG, ma poi la densità del PEG è così bassa da calare e ordinare forma la nostra struttura come i funghi. Quindi, se si vedono i funghi - i funghi sono essenzialmente che troverete in letteratura come questo nella natura. Quindi, questa è essenzialmente quella struttura qui che questi funghi come strutture hanno forma di questi pennelli PEG e la loro copertura superficiale non è così elevata.
Quindi, quello che può accadere è potenzialmente una proteina può entrare ed è in grado di attaccare la superficie del liposomo. Quindi, queste conformazioni non sono auspicabili se si parla di ripetizione di qualsiasi tipo di oggetto estraneo dall'entrare in contatto con questo liposomo, quindi non funzionano così come ci lasciano dire una conformazione spazzola. Quindi, per la maggior parte delle applicazioni si vorrebbe una conferma spazzola per essere presente a parte una conformazione dei funghi.
(Riferimento Slide Time: 05.04)

Quindi, parleremo ulteriormente di un'altra classe di particelle che si chiama micelle.
Come la liposoma sono anche molto simili hanno anche domini idrofobi e idrofili. Quindi, hai un gruppo di testa polare e poi hai anche una coda che è idrofobica e a differenza dei liposomi questi non hanno bilayer che hai visto prima questo è solo un mono strato. E quindi non ci sono due domini non c'è un dominio idrofobico e idrofilo all'interno della particella, esiste solo un dominio idrofobico.
Quindi, solo i farmaci idrofobici possono essere incapsulati in questa regione mentre, il farmaco idrofilo dovrà essere utilizzato da qualche altro metodo. Devi usare qualche altra particella se vuoi consegnare un farmaco idrofilo, quindi questi micelle sono perlopiù per la droga idrofobica.
Allora, cosa sono Micelli? Le micelle non sono altro che queste sono aggregate di molecole anfipatie in acqua, con porzione non polare, che è all'interno, che è naturalmente idrofobica e l'estetica è esposta a gruppi di testa polari che sono idrofili. Quindi, quindi queste sono essenzialmente una sorta di detergente come molecole che hanno sia domini idrofili che idrofobi e sebbene non siano come idrofobi come sono i liposomi lipidi.

Quindi, se i lipidi sono estremamente idrofobi e hanno un dominio idrofobico molto lungo e poi tendono a formare liposomi e se poi non sono come idrofobi hanno una certa solubilità in acqua e poi tendono a formare micelle. Quindi, queste molecole anfifiliche formeranno micelle al di sopra di una particolare concentrazione, che si chiama Critical Micellar Concentrazione (CMC).
Quindi, per qualsiasi tipo di molecola di riempimento mp ci sia un CMC che sia definito questo potrebbe essere lasciato dire 1 mg per ml, questo potrebbe essere di 1 microgrammo per ml o questo potrebbe essere altro. Ma per qualsiasi molecola anfibio sopra queste particolari concentrazioni tenderanno a formare micelle al di sotto di quella che saranno nel limite di solubilità.
Quindi, saranno ancora solubili, ma mentre si aumenta la concentrazione di queste molecole nell'acqua o nell'ambiente acquoso tenderanno ad allora formare queste strutture micellari. E come si può vedere dalla struttura stessa si parla essenzialmente di molecole singole e magari di 5 - 6 di esse a una lunghezza. Quindi, i micelli tendono ad essere abbastanza piccoli tipicamente meno di 50 nanometri e si formano da single chained surfactants.
Così, come ho detto che la maggior parte di questi tensioattivi sono singoli concatenati se sono doppi tensioattivi a doppio grado allora l'idrofobicità è abbastanza alta e tendono a formare liposomi, ma la catena unica come abbiamo visto in questa figura poi tendono a formare micelle. Quindi, questa è alquanto una caratteristica distintiva tra una micella in un liposoma e naturalmente, abbiamo parlato di liposoma può portare sia farmaci idrofili che idrofobi. Perché ha due domini diversi all'interno della particella mentre, in micelle hai solo un unico dominio che può portare solo farmaci idrofobi.
Si può potenzialmente ancora coniugare il farmaco sulla superficie e così da permetterti di portare anche farmaci idrofili. Ma prevalentemente se si cerca un incapsulamento e tutti quei tipi di cose, allora bisogna guardare una droga idrofobica con micelle. Così, come ho detto che i farmaci idrofobi possono essere incapsulati o solubilizzati nel nucleo interno.
Quindi, un'altra grande differenza tra micelle e liposoma è la dimensione stessa. Così, come abbiamo discusso i liposomi potete renderli ovunque da 100 nanometri a fino a pochi micron. Mentre, in micelle perché si trovano per auto assemblaggio e queste piccolissimi molecole che stiamo osservando tipicamente, le dimensioni dei micelli sono piccole e sono al di sotto di 50 nanometri. Quindi, circa 10 a tipicamente li troverete nei dati per poter essere in grado da 10 a 30 nanometri.
(Riferimento Slide Time: 09.02)

Allora, ora, che abbiamo studiato questi effetti di diverse tipologie di particelle e della loro proprietà come una sorta di renderli, parliamo di particelle in generale su quali sono le diverse caratteristiche di una particella a cui possiamo pensare? Quindi, una cosa che immediatamente arriva alla nostra mente era dimensione e abbiamo discusso di dimensioni mentre passavamo attraverso tutte le diverse cose abbiamo parlato di metodi basati su emulsione in cui possiamo variare le dimensioni a seconda di quale quantità di potenza e quale quantità di concentrazioni stiamo utilizzando.
Poi l'altra cosa che mi viene in mente è la forma delle particelle. Quindi, gran parte della nostra discussione abbiamo parlato di particelle sferiche, ma se si guarda alla natura troverete che non tutto è sferico. Quindi, hai diversi tipi di virus spiazzanti, hai batteri che sono a forma di canna, hai batteri che sono sferici hai i nostri RBCs che sono essenzialmente particelle a forma di disco.
E si sono effettivamente evoluti su milioni di anni di evoluzione per mantenere la forma e la forma conferisce anche alcuni vantaggi. Allora, allora l'idea è che possa essere una sorta di imitare questa proprietà della forma dalla natura e vedere se questo può aiutarci in varie applicazioni di erogazione di farmaci o ingegneria tissutale in termini di ottenere maggiore efficacia e comfort del paziente.

Quindi, questa è sostanzialmente la motivazione a variare la forma delle particelle e ovviamente, vediamo nella natura anche, quindi perché i RBCs sono a forma di disco? Quindi, tipicamente quando una particella sferica scorre attraverso un recipiente ciò che troverete è in una moto snellente continuerà ad andare dritto. Quindi, se una particella va dritta continuerà ad andare dritto, non andrà davvero verso il bordo del bordo della nave, ma poi qual è il lavoro principale di RBC?
Il lavoro principale di RBC è quello di consegnare ossigeno.
Quindi, se vuole consegnare ossigeno vuole essere più vicino alla superficie, quindi quello che è stato trovato è se la particella non è sferica. E diciamo che la particella, invece di essere una sfera, è una particella a forma di bacca - poi tende a tumicarsi intorno a come fluisce. E a causa di questo tumore sta ora esplorando il vaso sanguigno in quantità piuttosto elevate e in questo modo può poi erogare ossigeno con molta migliore efficienza poi diciamo una RBC sferica.
Ecco allora che si vede il diverso tipo di particelle naturali o di forme diverse a seconda di quale sia il ruolo nella natura e che è oltre un milione di anni di evoluzione che hanno acquisito quella forma particolare. Così, ancora come ho detto per i batteri forme non sferiche anche per una grande area di contatto con la superficie, quindi se dico che ho una superficie su cui se un seme una particella sferica, l'area di contatto è essenzialmente un piccolo punto proprio qui mentre, se sto seminando una particella a forma di canna si ha un contatto di superficie molto più alto. E così, aiuterà questi batteri ad aderire ad una superficie anche meglio anche la forma di canna dà anche una mobilità più veloce ai batteri e abbiamo parlato di particelle di forma a disco in grado di marginare parecchio nei vasi sanguigni.
Quindi, ci sono ovviamente, alcuni vantaggi di forma e poi per questo vogliamo esplorare anche quali sono alcuni di questi concetti che possiamo poi ordinare e usarlo e i veicoli per la consegna della droga. Così, che possiamo fare una migliore efficienza della consegna della droga oltre che una consegna molto più controllata.

(Riferimento Slide Time: 12.42)

Quindi, vediamo, così come facciamo diverse particelle di forma sferica? Quindi, ci sono diversi rapporti nella letteratura in realtà - la forma è stata sempre più sorta di paradigma che può essere variata e può essere utilizzata per diverse applicazioni.
Quindi, solo alcuni esempi di diversa forma di particelle sia nano - che micro - che sono state formate.
Quindi, si può denominarlo e lì una forma per essa ci sono particelle sferiche ci sono particelle sferiche allineate in un certo schema, ci sono queste particelle a forma di canna o particelle ellissoidali, si hanno queste particelle a forma di cono. Quindi, ci sono tutti i tipi di particelle che sono state sintetizzate dai ricercatori di tutto il mondo ed è stato strano e in realtà mostrato in certe applicazioni che queste forme possono essere in realtà un ruolo importante in una sorta di aumento dell'efficacia della consegna.

(Riferimento Slide Time: 13.32)

Allora, come si fa a renderli sferici? Quindi, che la cosa è se si usa qualsiasi tipo di metodo chimico ciò che accade è dovuto alla tensione superficiale dell'acqua e alla minimizzazione dell'area di contatto tra olio diverso e diverso fluido tende sempre a essere sferica. Quindi, in qualche modo dobbiamo mitigarlo.
Ci sono quindi due approcci che si possono usare per fare particelle sferiche o non sferiche; una è che si può usare un approccio bottom up che in sostanza significa fare qualche reazione chimica e si fa crescere una particella proprio da questo singolo atomo in una struttura più grande fino a ciò che si desidera. Oppure si può fare un approccio dall'alto in basso è che si ha una grande particella e poi si spezza che giù in particelle più piccole o in qualche modo sintetizzano la particella immediatamente in una dimensione che si desidera, quindi lasciamola guardare.
Ecco quindi un gruppo di Samir Mitragotri che sta utilizzando micro nanoparticelle polimeriche di forma complessa. E così il modo in cui hanno fatto questo è, in questa particolare carta che stanno usando un polimero di polistirolo e quello che hanno fatto è che hanno fatto uno stampo di PVA.
Quindi, questo è un PVA mold un altro polimero che essenzialmente hanno creato un film e ha incorporato queste perle di polistirolo che sono sferiche. Così, puoi sintetizzarle o acquistarle direttamente da fonti commerciali.
Quindi, quello che hanno fatto è che hanno intrappolato queste perle di polistirolo nello stampo PVA e poi quello che hanno fatto è che l'hanno riscaldata sopra la temperatura di fusione del polistirolo. Quindi, polistirolo se lo riscaldi per lasciarci dire 95 ° grado Celsius comincerà a scioglierci. Allora, ora, che cosa hai tu hai uno stampo PVA e in quel stampo di PVA ci sono cavie che contengono polistirolo in forma liquida, poi quello che fai è applicare una forza sullo stampo polistirolo su lasciarci dire una dimensione unica.
Quindi, una volta che si fa che quello che succederà è perché ora questa forza è lì si avrà l'espansione di questi pori in una direzione. E da qui nasce anisotropia nel sistema, perché questo è liquido che riempie questi pori e poi si può raffreddare fino a temperatura ambiente.
E ciò che accadrà avrete ora un polistirolo polimerizzato che sia di forma ellissoidale. Quindi, questo è uno dei metodi che hanno usato per rendere queste diverse particelle di forma, si può avere uno schema diverso a cui si può prima stirare in quel caso si ha ancora un polistirolo solido quindi non si scorre e poi si riscalda, quindi cosa accadrà perché lo si riscalda in seguito e lo si riscalda solo per una certa quantità di tempo si ottiene solo un certo riempimento di questi pori. E poi si raffredda di nuovo e ora si ottiene una forma diversa, ora si sta ottenendo una forma che più sembra più somiglia a una tabla per esempio.
Così, solo immaginando come si fa e come si allunga questo e naturalmente, questa è solo una dimensione che mi viene mostrata che si allunga si può allungare nell'altra dimensione così come la x e la y oltre che anche la direzione z. Quindi, tutto questo si può fare e si può stirare in tutte e tre le direzioni in diversi rapporti e tutto questo si tradurrà in diverse configurazioni delle particelle che finiranno per essere realizzate attraverso questo stampo PVA.

(Riferimento Slide Time: 17.35)

Quindi, questi gruppi poi sono andati avanti e lo hanno fatto in diverse dimensioni e ora potete vedere che qui prendono tutti i tipi di forme. Hanno una forma abbastanza sferica, hanno una sorta di pancake tipo di forma, hanno plasmato come i vermi che hanno plasmato come lunghe barre una specie di tipo UFO like. Quindi, a seconda di quanto si allunga a varie dimensioni in vari asse, possono ottenere ogni tipo di forme diverse. Quindi, questo è solo un esempio di come si può ordinare di ottenere queste diverse particelle di forma.
(Riferimento Slide Time: 18.10)

Un altro modo che si può andare è l'approccio più in basso come si diceva è quello di costruirlo. Così, un esempio che vi darò è da questo articolo pubblicato in ACS nano nel 2012 e che cosa sono questi ragazzi hanno usato e imprinting gli strumenti litografici. Quindi, è uno strumento di fabricazione attualmente utilizzato per i LED e la manifattura di hard disk, e quello che hanno fatto è che hanno un wafer di silicio.
Quindi, hanno un wafer di silicio e poi hanno un modello di quarzo che ha già queste forme che vogliono inciampare in esso. Quindi, si può ottenere questo tramite qualche fascio di ioni di ioni e tutto quello che non andiamo ad entrare nei dettagli per quello, ma si hanno dei template con forme predefinite e poi si ha una sorta di strato sacrificale che è lo spin rivestito.
Quindi, hai un piccolo lascito diciamo 10 micron, 20 micron spessore che si chiama strato sacrificale. E parleremo del perché si chiama strato sacrificale, ma è qualcosa che può essere sciolto in un certo solvente. Allora, allora quello che fai è dispensare la tua soluzione pre - polimero che desideri rendere queste particelle fuori - scendi con un modello di quarzo il motivo per cui il modello di quarzo è usato questo quarzo è abbastanza trasparente per le lunghezze d'onda UV.
E così, scendi quello che accadrà è dovuto all'azione capillare tutte queste cavità mai presenti nel modello di quarzo si riempiranno. Quindi, ora, si ha essenzialmente una struttura dove tutte queste cavità sono state riempite, poi si scende e risplendono UV, l'UV provoca la polimerizzazione di questo liquido.
Quindi, una volta polimerizzato ora manterranno la forma perché c'è una struttura ad essa ora, allora si può semplicemente togliere il modello. Ora, hai queste piccole strutture in piedi che sono tutte collegate tra loro con il fluido extra che c'era. Così, ha creato un film con alcune strutture su di esso e poi si può arrivare con un plasma ad alta energia molto direzionale o qualcosa per sistemarsi così via.
Quindi, quello che accadrà è che questa porzione superiore verrà azzerata, questa porzione verrà azzerata e la porzione che era sotto la particella diventerà una parte della particella e si ottiene una struttura di freestanding sopra il vostro strato sacrificale. Quindi, questo ricordo è uno strato sacrificale e poi si può semplicemente entrare con qualunque solvente lo strato sacrificale sia solubile in lasciarci dire acqua. E in questo modo lo strato sacrificale si dissolve quando avrete delle particelle nella sospensione.

(Riferimento Slide Time: 21.07)

Quindi, questi autori poi sono andati avanti e usano questo metodo in questo caso per la soluzione pre - polimero che hanno usato un sistema basato su idrogel. Quindi, questo non è essenzialmente niente, ma idrogel e quello che hanno è un PEG con un Di-acrilato. E poi hanno anche un peptide che anche il di-acrilato e io tornerò nuovamente al peptide, ma cosa accadrà se brillerà UV con qualche iniziatore?
Diciamo che hanno aggiunto un iniziatore allora quello che accadrà è che l'iniziatore avvierà una reazione radicale libera ci sarà una forma radicale e gli acrilici come sappiamo possono reagire con un altro acrilico usando una reazione radicale libera. Quindi, questo si tradurrà in una rete di polimeri formatosi, quindi questa è solo una unità, ma essenzialmente ci saranno diverse unità di questo polimero e così via.
Cosa che tutti hanno se li mescolate in un rapporto di 50 50 o un rapporto di 25 75 a seconda di quale rapporto avrete finito per ottenere questo peptide anche incrociando il polimero stesso. E ora questo peptide stesso è degradabile da una certa proteasi, diciamo Cathepsin B, quindi Cathepsin B potrebbe essere upregulato in una malattia.
Così, sappiamo che alcuni dei Cathepsin sono upregulati nel cancro, quindi perché è upregulato nel cancro una volta che queste particelle raggiungono un sito oncologico degraderanno più velocemente rispetto a qualsiasi altro sito. Quindi, se il tuo farmaco che è stato aggiunto anche al momento della soluzione di pre polimero è incapsulato all'interno di questa rete. Poi quello che accadrà è una volta che raggiungerà il sito del cancro sempre più farmaco uscirà nel sito e in questo modo avrete molta più efficacia delle vostre particelle perché rispondente al tessuto del cancro.
(Riferimento Slide Time: 22.59)

Quindi, questi gruppi poi sono andati avanti e hanno fatto forma diversa per le particelle, quindi essenzialmente tutte queste forme sono definite dalla forma del modello stesso. Quindi, a seconda di quale forma hai inciso nel modello di etching modello, questo definirà essenzialmente quale forma si finisce per ottenere. E in questo modo si possono ottenere tutti i tipi di forme che si vogliono in una simpatissima schiera che viene mostrata qui.
(Riferimento Slide Time: 23.26)

E poi il gruppo poi per la mostrata che se si tratta che con lasciarci dire Cathepsin B come ho detto queste reti sono suscettibili alla degradazione di Cathepsin B, perché Cathepsin B sta per ripulirle il peptide. Allora, quello che vedete è nel tempo in cui Cathepsin B è incubato in definitiva tutte le particelle sono sparite, si sono degradate.
E in questo caso vengono mostrati che ci fosse un qualche DNA o qualche anticorpo incapsulato all'interno di questa rete di polimeri. Prima di aggiungere ulteriori Cathepsin B c'è un rilascio molto minimale o nessuna release a tutti e una volta che hanno aggiunto Cathepsin B piuttosto un po' di quantità di polimero o il farmaco ha rilasciato.
(Riferimento Slide Time: 24:09)

E poi si possono ottenere queste singole particelle, quindi si tratta di un'immagine SEM che mostra le particelle da sole di ogni tipo.

(Riferimento Slide Time: 24:21)

Si possono ottenere vari farmaci in queste particelle, quindi questo sta mostrando diversi farmaci che vengono incapsulati. Quindi, in questo caso hai incapsulato qualche anticorpo, ma il gruppo ha anche mostrato incapsulamento di doxorubicina o di qualsiasi farmaco che potrebbe essere rilevante per determinate applicazioni. E così, questa è l'immagine di fluorescenza.
(Riferimento Slide Time: 24:45)

E poi si può fare un uptake con le cellule per capire se voglio consegnare le cose alle cellule dei mammiferi, come fanno le cellule dei mammiferi poi a prendere queste cose, quindi il gruppo ha usato diverse linee cellulari diverse. Così, in questo caso hanno usato 2 linee cellulari epiteliali, 1 linea di cellule dendritiche e altre linee cellulari endoteliali.
E quello che si vede è che forme diverse anche se potrebbero essere di volumi simili in questo caso questo disco più piccolo e questo più grande questa canna più piccola sono uguali volume similmente questa canna più grande e questo disco più grande sono di uguale volume. Quindi, anche se sono di pari volume si vede che la loro quantità di assorbimento nella cella è molto diversa. E perché tutto il resto è lo stesso - il materiale è lo stesso, la carica della particella è uguale, il volume della particella è uguale, la dimensione della particella è uguale - l'unica cosa che è diversa è la forma. Così, gli autori sono stati in grado di affermare in modo conclusivo che a causa delle dimensioni certe o certe plasmarono una certa geometria e si ottiene una differenza nell'assorbimento.
Quindi, certe forme sono migliori per la consegna alle cellule tumorali o delle cellule epiteliali in questo caso che dire altre. E quello che hanno trovato anche molto interessante è per farci dire cellule epiteliali e cellule dendritiche avete la stessa tendenza; tuttavia, le cellule endoteliali non seguono proprio questo. Tutti i dischi sono stati mostrati in rosso in tutte le tre linee cellulari che vedete che il rosso è sopra le barre; tuttavia questo non è vero con le cellule endoteliali dove non sembra essere molto diverso. Quindi, non solo la forma ti aiuterà a ottenere di più nella cella, quello che fa anche lo rende selettivo.
Quindi, diciamo se volete puntare sulle cellule epiteliali, potreste voler usare le particelle a forma di disco mentre, se volete mirare alle cellule endoteliali potreste voler usare qualche altro tipo di particelle e non possono essere particelle di forma a disco. Quindi, c'è stato un risultato affascinante.

(Riferimento Slide Time: 26:43)

E poi più a quello che hanno ulteriormente approfondito quali meccanismi stanno causando questo e quello che hanno trovato usando da diversi inibitori non mi addentrerò nei dettagli di ciò che fanno questi inibitori. Ma essenzialmente le cellule hanno percorsi diversi attraverso i quali le particelle vengono caricate e tutte queste inibisce alcuni di questi percorsi e ciò che scopri è che diverse particelle di forma si alzano prese da diversi meccanismi.
Quindi, se guardate da vicino trovate che l'assorbimento di particelle di forma a disco è influenzato quando viene utilizzato il filipin mentre, non è influenzato per la particella a forma di canna. Così, dimostra anche che c'è un altro meccanismo attraverso il quale le particelle di forma del disco vanno in cella.
E quindi immagino che il crudo della materia da tutto questo sia forma può giocare un ruolo molto importante e va considerato quando si parla di consegna di droga e di tutti.

(Riferimento Slide Time: 27:36)

Ecco un altro esempio di come la forma possa essere un ruolo, quindi questo è essenzialmente un tessuto canceroso.
Così, sappiamo che nel cancro ci sono dei vasi sanguigni limitati, quindi ci sono limitazioni di diffusione dai vasi sanguigni. Quindi, diciamo di consegnare un farmaco potrebbe non essere in grado di andare lontano dalla nave del sangue.
Quindi, diciamo che se un farmaco sta uscendo da questi vasi e che poi deve diffonderlo fino alla cella più lontana dalla nave del sangue. Quindi, questa è solo una rappresentazione pittorica di un vero e proprio esempio dove hai consegnato 150 nanometri che sono etichettati come il verde e il cancro viene etichettato da collagene come rosso.
Quindi, quello che vedete è qui un vaso sanguigno e quello che vedete è che tutte le particelle sono essenzialmente localizzabili vicino all'imbarcazione del sangue stesso e mentre si muove più lontano la quantità di particelle sta diminuendo, quindi si tratta di una grande limitazione. Così, un altro gruppo ha cercato di esplorare l'uso della forma di particelle per vedere la diffusione è migliore. Così, può la forma migliorare la penetrazione all'interno dei tessuti solidi.

(Riferimento Slide Time: 28:45)

Quindi, quello che hanno fatto è usare un modello di tessuto in vitro chiamato speroide che non è sostanzialmente altro che aggregazione di cellule che sono avascolari. Quindi, si può allora considerare che c'è un vaso sanguigno che gira proprio su questo speroide e qualsiasi cosa (perché questo è essenzialmente mezzo) che sta andando oltre è lontano dal vaso sanguigno.
(Riferimento Slide Time: 29:07)

E quello che ha scoperto è che di nuovo le particelle a forma di disco sono state in grado di penetrare abbastanza in profondità in questi tessuti anche se le stesse particelle a forma di coppia non fanno altrettanto bene. E questa è solo una quantificazione che mostra che, sì, in diverse regioni più in là dal vaso sanguigno si ottiene ulteriore e maggiore quantità di penetrazione di alcune particelle. Quindi, ben fermete qui e continueremo con ulteriore descrizione delle particelle nella classe successiva.
Grazie.