Loading

Module 1: Nano - e Micro - Particelle

Note di Apprendimento
Study Reminders
Support
Text Version

Particelle in Drug Delivery

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Video:

Salve a tutti, benvenuti a un'altra lezione per la Drug Delivery - Engineering and Principles. Abbiamo parlato di ora nano e microparticelle e abbiamo definito alcune cose e si parlava dei metodi di sintesi.
(Riferimento Slide Time: 00.43)

Quindi, iniziamo a iniziare; così, solo un rapido recap di quello che abbiamo imparato nell'ultima classe stessa. Così, come ho detto abbiamo parlato di particelle, sia micro che nano. Quindi, le definizioni su cosa sono micro, cosa sono nano, quali sono i limiti di grandezza e cose del genere. E, poi abbiamo parlato di che queste particelle hanno dei vantaggi rispetto, diciamo, un impianto impiantato dove questi possono essere utilizzati per la consegna alle regioni intracellulari.
Così, si può avere una cellula - di solito se un farmaco è idrofilo o addebitato il farmaco non è in grado di passare, se diciamo che il farmaco è addebitato ed è idrofilo. Tuttavia, una volta confestato in una particella e incapsulate questo farmaco all'interno, queste cellule hanno meccanismi di endocilosi attraverso i quali possono accogliere queste particelle con il farmaco ed è così che si possono consegnare le cose anche intracellulari. Poi abbiamo parlato di effetto di proton sponge.
Allora, cosa era il protone in effetto spugna?

Quindi, ancora una volta zoomato in questo caso se ci siamo lasciati dire una vescica contenente particelle, queste vescicole dovranno scoppiare per le particelle per uscire all'interno dell'ambiente intracellulare. Perché, non vogliamo davvero consegnare la maggior parte dei farmaci a questi endosomi e lisosomi che sono molto tossici per questi farmaci. Quindi, per questo per accadere usiamo qualcosa chiamato effetto protone di spugna e in questo fai il tuo polimero con lotti di ammine terziarie e secondarie. E così, continuano ad assorbire gli ioni H plus che vengono pompati in questi endosomi e non lascia cadere il pH.
E, a causa del fatto che la cella continua a pompare sempre più H plus e altre ioni in queste vescicole causando una pressione osmotica e l'acqua per iniziare a muoversi a causa di questa è una pressione osmotica e in definitiva la vescica poi scoppia. Poi, parlava di pochi metodi di sintesi delle particelle, sia chimici che fisici, un'ultima cosa di cui parlavamo prima di lasciare nell'ultima classe l'evaporazione del solvente, metodo di emulsione unico. E, quello che facciamo in questo è lei, diciamo che il vostro polimero viene sciolto in lasciarci dire qualche fase petrolifera e che contiene il vostro polimero plus farmaco.
E, poi quello che si fa essenzialmente è aggiungere che ad una fase acquosa e dare un po' di energia che risulta in emulsione principale che è essenzialmente è la separazione di questo olio dalla fase acquosa. E, si lascia che l'olio evaporasse lentamente forse la sua volatile e che provoca la precipitazione di questi polimeri sarà presente nella fase petrolifera per formare particelle che racchiudono il farmaco. Quindi, continueremo ancora oggi in un metodo di sintesi delle particelle.

(Riferimento Slide Time: 03.59)

Così, ne abbiamo parlato brevemente anche nell'ultima classe, ma la formazione di emulsione è quando i passi chiave che portano alla sintesi di queste particelle. Allora, che cos' è l'emulsione? L'emulsione non è nulla, ma se si applica qualche energia meccanica per interrompere l'interfaccia tra due fasi provoca la forma delle goccioline. Quindi, diciamo, se ho questo becher e se metto sia l'olio che la fase dell'acqua. Quindi, quello che accadrà si separeranno di fase, non vogliono davvero interagire tra di loro. Quindi, si avrà acqua o fase acquosa che si separano nuovamente dalla fase petrolifera a seconda della quale si è più leggeri. Quindi, tipicamente l'olio è più leggero dell'acqua, quindi galleggerà sopra l'acqua.
Tuttavia, cosa succede se ora vengo a dare qualche energia? Quindi, cosa accadrà a causa di questa energia e come costringere questo olio e l'acqua a mescolarsi, ma l'olio e l'acqua non vogliono davvero mescolarsi. Quindi, quello che alla fine accadrà è invece di mixare, ci sarà una sola fase, a seconda di quale sia l'importo più alto. Se l'acqua è in eccesso o l'olio in eccesso e l'altra fase, l'olio o l'acqua tenderanno a formare queste goccioline.
E, queste goccioline vengono formate a causa di questa energia siamo in una sorta di rottura di questa interfaccia ancora e ancora.
Quindi, più energia darà ai più piccoli queste goccioline e queste goccioline poi tenderanno a formarsi. Quindi, questo processo non è niente, ma è un'emulsione. Ma, diciamo che fermo questo processo, quello che accadrà è perché queste goccioline si muovono continuamente e non vogliono davvero interagire con l'interfaccia acqua, diciamo che questo è olio e questa è acqua. Quindi, questi non vogliono davvero interagire, vogliono minimizzare il contatto con l'acqua. Quindi, quello che faranno è che inizieranno a coalire, quindi si mescoleranno e torneranno essenzialmente alla separazione iniziale. Ma, questo è qualcosa che non vogliamo perché in definitiva tutte queste singole particelle che avevamo inizialmente è quello che ci darà le particelle.
Quindi, per evitare di aggiungere questi surfactatori o a volte sono chiamati anche stabilizzatori a queste miscele. E così, si stabilizza - se ora ingranamo una di queste goccioline. Quindi, questo surfacio e quello che un surfacante non è altro, ma una molecola anfifilic che ha parti sia idrofiliche che idrofobiche. Quindi, cosa accadrà se diciamo che questo è il petrolio, questa è l'acqua. Quindi, quello che farà il surfattante è la parte idrofila che cercherà di interagire con l'acqua e la parte idrofobica cercherà di interagire con l'olio. Così, formerà questa barriera tra il petrolio e l'acqua.
E così, quello che fa è una sorta di stabilizzazione di questa droplet perché ora tecnicamente parlando l'olio non è a contatto diretto con l'acqua e nemmeno l'acqua a contatto con l'olio. Quindi, in questo modo queste goccioline sono molto più stabili e non tendono a mescolarsi con un'altra droplet. Quindi, questo non accadrà una volta che lo stabilizzatore sarà presente.
(Riferimento Slide Time: 07.57)

E, una volta che avremo quello, la dimensione dell'emulsione e la stabilità influenzeranno direttamente la dimensione e l'architettura interna della forma di particella. Quindi, più grande sono queste goccioline che abbiamo, più grande è la particella, se questa è più alta allora alla fine anche la particella sarà

più grande. E, questo perché qualunque polimero ci sarà essenzialmente crollerà e saranno più polimeri nella gocciola più grande. Quindi, ecco come determinerai le dimensioni della tua particella.
Quindi, se voglio particelle più grandi quello che farò è questa energia meccanica fornita diminuirà. Perché, se diminuirà poi si ottengono goccioline di taglia più grande e quelle alla fine si tradurranno in particelle di dimensioni più grandi. E, se voglio particelle più piccole e più piccole, continuerò ad aumentare questa energia meccanica finché non raggiungo quella gamma di dimensioni che sto desiderando.
(Riferimento Slide Time: 08.53)

Allora, quali possono essere le fonti di queste energie meccaniche? Quindi, ce ne possono essere diversi; quindi, potrebbe essere semplicemente semplicemente tremare - tu questo tieni il becher in mano e basta continuare a ruotarlo, puoi dargli molta più energia, puoi mettere un agitatore magnetico in quello. Quindi, questo è molto comunemente visto. Quindi, hai una piastra di calore magnetica, ha una specie di rotazione magnetica che sta accadendo e tieni qui un perno magnetico. Così, anche questo beato magnetico ruoterà dando energia nel sistema.
Quindi, queste sono alcune alcune cose a bassa energia di cui abbiamo parlato, poi si possono avere omogenitori ad alta velocità. Omogeneizzatori che possono poi avere un'elica in essi e queste cose possono girare ovunque tra 1000 rpm a 20.000, 30.000 giri/min.
E, questo può dare molta più energia per ottenere dimensioni più piccole o si può dare qualcosa come un ultrasonicatore che poi spedirà queste forze magnetiche molto forti che si tradurranno in goccioline molto piccole. Quindi, tutti questi metodi si possono quindi utilizzare per ordinare variare la gamma di dimensioni che si sta cercando. Così, abbiamo già parlato della singola emulsione.
(Riferimento Slide Time: 10.13)

Adesso andiamo avanti e parliamo di doppia emulsione. Quindi, il problema della singola emulsione è che in lì si può ottenere solo una droga idrofobica, perché diciamo che questa è la mia particella che è forma di un'emulsione unica. Questa particella è completamente ricoperta di polimeri. E poi questo polimero ci fa dire in caso di PLGA, questo polimero è abbastanza idrofobico che significa essenzialmente che il farmaco che sta per rimanere qui deve essere idrofobico.
Se si tratta di un farmaco idrofilo allora non tenderà a rimanere dentro, ma non andrà mai in fase petrolifera, rimarrà sempre nella fase dell'acqua che è fuori e non si otterrà mai quel farmaco incapsulato. Quindi, questa doppia emulsione è una sorta di modifica al processo di emulsione unica che consente di incapsulare sia gli idrofili che quelli idrofobi e di farci parlare di come in realtà lo facciamo.

(Riferimento Slide Time: 11.13)

Quindi, per fare ciò che abbiamo è una soluzione di droga acquosa che è tipicamente acqua o si può avere acqua in olio. Quindi, in questo caso hai questa è una fase di olio, hai un farmaco acquoso che aggiungi un po' di esso ci fa dire che questo è stato qualche 10 ml, poi hai aggiunto facendoci dire 1 ml a quello e poi lo omogeneizzi. Quindi, quello che accadrà si otterrà una cosa molto simile accaduta nel caso precedente così, otterrete un'emulsione. L'emulsione singola in questo caso e la singola emulsione è il contrario. Così, nel caso precedente abbiamo avuto l'olio in acqua, in questo caso ora abbiamo dato che l'olio è in eccesso e l'acqua è in limitazione.
Quindi, diciamo che questo era 10 ml e questo era 1 ml. Quindi, quello che avrete è che avrete prevalentemente piccole goccioline d'acqua nella fase petrolifera che è la fase PLGA. E così, cioè l'emulsione unica lì che si chiama acqua in olio, poi quello che fate è; così, questo è essenzialmente solo una zoom un'immagine. Quindi, hai la droga nel nocciolo dell'acqua acquosa, hai questo polimero nella fase organica, questo potrebbe essere DCM, questo potrebbe essere cloroformio.
E così, ecco come si stabilizza la prima sorta di processo di emulsione e poi si prende tutta questa prima emulsione e diciamo di scaricarla in 50 ml di fase acqua. Quindi ora, cosa sta accadendo e ora abbiamo aumentato il contenuto di acqua in tutta la miscela e ora se ne dà energia. Quindi, ora si sta praticamente prendendo quel tutto e dargli energia. Quindi, quello che accadrà è che queste goccioline iniziali si sono già stabilizzate.

Quindi, quello che accadrà ora è che si tradurrà in una doppia emulsione. Così, prima stavamo parlando di avere acqua in olio. Ora, abbiamo acqua in olio in acqua; ora questa acqua è in eccesso, ma questa acqua è stabilizzata all'interno di questo olio. Quindi, otterrete una cosa del genere dove si ha questo è un acquazzone. Quindi, in questo caso abbiamo usato alcol polivinilico che è uno stabilizzatore o dice un fattore. Hai una fase acquosa interna che è la stessa di questo ragazzo e poi hai questa fase di olio blu è stata pinzata in goccioline più piccole.
Quindi, essenzialmente si ha questo è olio, questa è acqua e anche questa è acqua. Quindi ora, quello che otterrete è che otterrete una particella cava, quindi invece di ottenere una particella solida nel singolo caso di emulsione ora si sta ottenendo una particella cava. Quindi, allora tutto quello che devi fare è lasciare che questa fase di petrolio evaporino. Quindi, DCM o cloroformio entrambi hanno molto con molto volatile e evaporeranno abbastanza velocemente. E poi si otterranno microsfere che poi si possono usare centrifugazione per pelletteria e poi liofilizzarle per asciugarle ed è così che di solito guarderanno.
Quindi, se notate qui c'è una sorta di guscio, quindi questo è in un'immagine SEM una della particella o due delle particelle si sono rotte. Quindi, quello che si può vedere è che c'è un guscio e poi dentro il suo solo cavo. Quindi, questa è la fase dell'acqua interna questa era quella che era la fase petrolifera e poi naturalmente, l'esterno è tutta acqua che naturalmente, pellettata qui.
Ecco, ecco come si otterrà una particella cava e perché questo è vantaggioso perché, visto che questa è inizialmente la fase dell'acqua si possono avere farmaci idrofili incapsulati.
Ecco, ecco, ecco come questo guarderà, in modo da avere un guscio PLGA che circonda un farmaco idrofilo. Il guscio PLGA può ancora essere utilizzato per incapsulare farmaci idrofobi perché, qualsiasi farmaco che ho qui può anche essere idrofobico.
Così, in questo modo si può avere sia la droga idrofobica che il farmaco idrofilo che si presentano nella stessa particella e quindi solo alcune più terminologie. Quindi, la fase acquosa interna è quella che avevi aggiunto inizialmente.

(Riferimento Slide Time: 16.17)

Quindi, qualunque sia stato qui - questo si chiama spazio acquoso interno, qualunque sia qui si chiama la fase petrolifera (c'è solo una fase petrolifera in questo caso). E, qualunque sia stato nel volume dell'acqua più grande, si chiama lo spazio acqueo esterno o la fase continua.
(Riferimento Slide Time: 16.41)

Quindi, parliamo di alcuni concetti chiave di questo doppio processo di emulsione. Così, ancora come ho detto che generalmente si usa se si vuole incapsulare con farmaci idrosolubili.
Quindi, se si cerca farmaci che vanno solo idrofobiche allora la singola emulsione è il modo migliore per approfondire la sua più semplice così come si ottiene molto più area o volume in cui si può incapsulare la droga. Ma, se volete un farmaco solubile in acqua allora volete creare una sorta di cavità dove la fase dell'acqua può risiedere ed è qui che la vostra droga si incapsulerà. Quindi, questi produce capsule micro e nano.
Quindi, si tratta di una sorta di sistema di serbatoi o di particelle cave di cui stiamo parlando.
Quindi, a differenza della tua singola emulsione in cui le particelle saranno completamente uniformi all'interno, questo sarà più un tipo di capsule da scenario, dove questo è un piccolo guscio che circonda la tua cavità vuota. Così, come detto, questa emulsione potrebbe essere chiamata acqua in olio in acqua. Quindi, tipicamente troverete questo scritto come w / o / w e ancora questo non è davvero limitato a questa emulsificazione potrebbe anche essere acqua in olio. Insomma non deve essere la fase esterna deve essere l'acqua, è solo che bisogna solo assicurarsi che siano tra le due fasi di olio il polimero è solo solubile in una della fase petrolifera.
Quindi, in questo modo si può anche fare in modo che questo non sia realmente usato in uno qualsiasi dei tipi di scenari biologici perché, le particelle che si vogliono devono essere in grado di sopravvivere in acqua, deve essere in grado di andare ed essere stabili in acqua. Quindi, tipicamente la fase esterna è anche di solito acqua, ma tecnicamente si può avere anche qui un due olii immiscibili.
(Riferimento Slide Time: 18.31)

Così, un esempio a quello è nella prima emulsione potrebbe essere riemulsionato in esani o pentani e il PLGA è insolubile in tutti questi. Quindi, se sostanzialmente quello di cui stiamo parlando qui è che avrete acqua, avrete a disposizione un guscio di olio dopo la prima emulsione, dopo la seconda emulsione e diciamo che questo olio è DCM. Ora, se so che il DCM e l'esano sono immiscibili che non si mescolano; allora quello che posso fare è aggiungerlo a una soluzione di esano che non solubilizzerà il mio PLGA e che non si mescolerà con DCM.
Quindi, questo può tecnicamente essere ancora risultato in un'emulsione così come le particelle, l'unico problema è che queste particelle tenderanno ad agglomerarsi in acqua perché queste sono stabili in esani. Ma una volta messi in acqua potrebbero non voler interagire con l'acqua mentre, quando avevamo PVA in acqua, il PVA aveva citato queste particelle e aveva tipo stabilizzato queste particelle, ma questo potrebbe non accadere in caso di esano.
(Riferimento Slide Time: 19.49)

E, poi, il secondo metodo viene spesso usato per prevenire la diffusione sul farmaco fuori dalla fase acquosa esterna. Quindi, quindi questo si tradurrà in un processo di emulsione più pronunciato. Quindi, il farmaco deve essere insolubile o meno solubile nell'olio 2 anche perché, inizialmente quando si parla di questo processo di emulsione questo è ancora liquido.
Questo è ancora olio liquido 1 e poi olio 2 e poi acqua, il farmaco. Allora, allora diciamo che il farmaco è solubile e il petrolio 2 poi il farmaco tenderà a diffonderlo lentamente nell'olio 2 e il farmaco è insolubile o non tenderà davvero ad andarci. E così, questo dovrà ancora assicurarsi anche che qualunque farmaco incapsulate sia insolubile in olio 2.

(Riferimento Slide Time: 20.51)

Quindi, un po' di più sul processo di evaporazione del solvente. Così, ancora come ho detto questo è ciò che si ottiene queste particelle cave che si otterranno con un guscio polimerico che lo circonda. E poi l'esterno è naturalmente, nelle applicazioni biologiche sarà acqua e poi si possono usare vari tipi di tecniche. Quindi, questa è un'immagine SEM è possibile utilizzare altre tecniche, è possibile determinare la dimensione delle particelle tramite dispersione di luce dinamica, utilizzando contatore coulter o altri strumenti simili. E, si può ottenere una sorta di idea su quale sia la dimensione; in questo caso da quando questa barra di scala è di circa 20 micron. Possiamo dire che la dimensione media qui potrebbe essere di circa 5 micron, ma si può poi variare di nuovo che cambiando l'energia che si sta fornendo al sistema.

(Riferimento Slide Time: 21.41)

Quindi, quali sono i diversi parametri che influenzano queste particelle? Quindi, ovviamente, la prima cosa è il polimero che si sta usando e qual è il peso molecolare. Quindi, questo avrà un effetto profondo su prima di tutto se è idrofilo, idrofobico e poi anche quello che è lo spessore del guscio, quanto è stabile, quanto velocemente si degradi tutto ciò dipenderà dal polimero che si sta utilizzando. Poi ovviamente la concentrazione di polimeri nella fase petrolifera. Quindi, più concentrazione hai più da vicino che impaccherà. Quindi, tutto questo determinerà che tipo di particelle si ottiene il tipo di farmaco.
Quindi, questo è ovviamente molto importante perché questo determinerà quale metodo utilizzare. Quindi, si può se il suo idrofilo, idrofobico se il suo liquido o qualche sospensione, dipende da questo. Quindi, se il suo idrofobico si andrà solo con un'emulsione unica questo è ovviamente, in caso di PLGA se il suo idrofilo poi dovrà andare con doppia emulsione. Quindi, tutti questi sono criteri importanti che bisogna considerare e poi naturalmente, quale solvente organico si sta usando e qual è la solubilità in polimero che determinerà quanta concentrazione di polimeri si possa ottenere in quel determinato solvente. Quindi, tutti questi sono parametri importanti.

(Riferimento Slide Time: 23.03)

E il tipo di quantità e i tensioattivi? Quindi, ovviamente, si vorrebbe aggiungere qualche surfacante per assicurarsi che queste particelle siano stabili e non siano molto lucide. Quindi, e poi quanto la quantità dei suoi più tensioattivi troverà in letteratura è anche tossica. Quindi, se si aggiunge troppo e non si è in grado di lavarlo allora le nuove particelle potrebbero non essere compatibili con la valutazione biologica. Quindi, tutto questo deve essere una sorta di ottimizzato e bisogna usare i tensioattivi che è un po' biocompatibile così come la loro quantità è anche limitata. Quindi, importo dovrebbe bastare, che queste particelle siano stabili, ma non troppo che diventino tossiche.
Allora qual è il rapporto della tua fase acquosa interna al solvente organico? Quindi, questo determinerà anche quali sono le dimensioni delle vostre particelle, quanta energia avete bisogno di dare; ancora energia di gran lunga sono i criteri più importanti in termini di determinazione delle dimensioni. Quindi, se si dispone di una quantità di energia molto elevata, si avrà una quantità diminuita di granulometraggio di conseguenza.
Mentre, se la vostra energia è più bassa allora otterrete una particella di dimensioni più grandi e che è molto facile da vedere, se non si dà energia si ottiene un enorme blocco di PLGA; intendo se non do energia e ho queste fasi di acqua e olio separate e se la lascio evaporare. Poi alla fine quello con cui finirà? Alla fine finirà con un blocco del polimero.

Quindi, questo sarà un blocco enorme, questo stiamo parlando di centimetri e più energia darà il più piccolo questo diventerà, quindi è facile da ricordare. E poi a che velocità stiamo evaporando, a quale temperatura stiamo evaporando, quindi quando diciamo l'evaporazione si parla della fase petrolifera stessa.
Quindi, la fase petrolifera avrà un diverso tasso di evaporazione a diverse temperature e pressione. Quindi, a seconda di tutto quello che avrete una diversa quantità di precipitazione del vostro polimero che accade. Quindi, che influenzerà anche la dimensione delle particelle. Così, di nuovo sai quanto volume c'è, qual è la temperatura al momento dell'evaporazione.
(Riferimento Slide Time: 25:17)

Quindi, un po' di più sull'estrazione con solvente o sul metodo di rimozione. Quindi, la maggior parte dei solventi che vengono utilizzati per sciogliere il polimero hanno una certa solubilità in acqua. Allora, in realtà come succede, come fa queste cose ad evaporare attraverso l'acqua? Quindi, questo può accadere solo se hanno una certa solubilità in acqua. E quindi, che cosa si intende per questo? Per questo per accadere l'emulsione deve arrivare in quantità molto grande di una soluzione acquosa con o senza surfactant e il valore dovrebbe essere abbastanza grande. Quindi, che il solvente organico sia effettivamente solubile in fase idrica. Quindi ora, quello che sto dicendo è inizialmente se si guarda al sistema dopo che l'emulsione è stata fatta, quello che stiamo dicendo è lasciarsi dire per un'emulsione unica questa è la tua droplet di olio.
E poi ovviamente c'è qualche tremolio che va avanti così, si muove continuamente, ma per essere molto l'evaporazione può accadere solo dalla superficie. Quindi, ma la superficie è qui l'acqua. Quindi, per questo olio per evaporare ci deve essere un po' di olio presente sulla superficie e così, perché ciò accada quello che succede è che l'olio avrà una certa solubilità in acqua. Quindi, diciamo che la solubilità è molto bassa, diciamo che è solo di circa 0,0001 milligrammo per ml di acqua. E, poi come sempre più petrolio evaporerà sempre più petrolio usciranno da qui e scioglieranno in acqua e questo processo continuerà.
Quindi, se volete far evaporare tutto, volete assicurarvi di avere una superficie molto alta a questa interfaccia; così, che sempre più petrolio si fa evaporare. Quindi, questo è ciò che intendiamo per la solubilità dell'olio in acqua - è basso, ma poi è lì da qui fortemente volatile, quindi continuerà a facilitare quel processo. Così, di nuovo il solvente viene estratto rapidamente dalla fase polimerica nella fase continua esterna. Quindi, questa è la fase continua esterna. Quindi, perché ha avuto la solubilità e la solubilità diminuisce o la quantità diminuisce man mano che la sua evaporazione. Quindi, per compensare che sempre più petrolio arriva e si dissolva nella fase acquosa esterna.
(Riferimento Slide Time: 27:33)

E così, quello che questo alla fine ci lascia dire di avere avuto; quindi, se mi concentro ora solo sulla particella. Quindi, questo è olio, quindi lentamente e lentamente; quindi, diciamo che questo è un certo volume V di olio qui dentro. Quindi, quello che sta accadendo lentamente e lentamente questo V sta ora diminuendo sta diventando V del 2, sta diventando V del 4 e più lontano e così via. Ma, la quantità di polimeri che c'è in questa quantità è in realtà costante che non può evaporare.

Quindi, che ora si condensa sempre di più; sempre più catene si avvicinano e alla fine inizia a formare questa spessa particella. Quindi, lo spessore del guscio sarà determinato su cosa? Sarà essenzialmente determinato sul polimero stesso. Quindi, quanto polimero, qual è il peso molecolare tutto questo determinerà lo spessore del guscio. La porosità della struttura delle particelle interne può essere alterata.
Quindi, se io se lo faccio molto lentamente, otterrò una particella molto dura, ma se ci lascio dire evaporare questa fase petrolifera molto velocemente queste catene di polimeri potrebbero non avere il tempo di muoversi e di fare una sorta di struttura molto condensata. Quindi, in quel caso quello che accadrà è invece di ottenere una struttura molto condensata si può avere un sacco di polimeri in una fase, lotti di polimeri un'altra fase e poi pochissimo polimero in questo. Quindi, potreste ottenere come questi pori e una sorta di questi buchi in queste strutture polimeriche.
(Riferimento Slide Time: 29:15)

E poi, infine, uno degli svantaggi di questo sistema in quanto richiede volumi molto grandi. Quindi, il motivo è se si vuole evaporare e soprattutto in un arco temporale ragionevole, è necessario assicurarsi che abbia molta superficie attraverso la quale l'olio è evaporato. Quindi, solo per darvi un esempio DCM ha una solubilità di circa il 1,5 e per cento di peso. Quindi, estrarre rapidamente 10 ml di DCM da questo processo il volume di fase esterna uscirà per essere superiore a 660 ml e questo è estremamente grande volume.

Quindi ora si parla di volume molto alto di cui è necessario ora precipitare o una sorta di centrifuga per raccogliere le particelle e servono reattori molto grandi e tutto ciò. Quindi, quel tipo di pose piuttosto tanti limiti a quello che si può fare ok. Quindi, ci fermeremo proprio qui per questa lezione e continueremo il resto nella prossima classe.
Grazie.