Loading
Note di Apprendimento
Study Reminders
Support
Text Version

Elasticità di Supply

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Economia Manageriale Prof. Trupti Mishra S. J. M School of Management Indian Institute of Technology, Bombay
Collezione – 27
Elasticità dell'offerta - I
Continueremo la nostra discussione oggi, su pochi più concetti di teoria della domanda come Elasticity of Supply, o come cambia il prezzo e la quantità, quando c'è l'imposizione delle tasse, e quando c'è un'imposizione legale da parte del governo, quando si tratta di un prezzo di equilibrio. Come     la domanda e l'offerta, e se porta all'equilibrio o se porta al surplus o al deficit.
 
Quindi, se ricordate nell'ultima classe, abbiamo parlato della linea di bilancio, parliamo dell'equilibrio dei consumatori, e se ricordate l'equilibrio dei consumatori è la condizione, dove la linea di bilancio è tangente alla curva di indifferenza. E a quel punto il consumatore massimizza la soddisfazione con una costante di reddito limitata. Poi si discute sulla legge di uguale utilità marginale, quando il consumatore deve fare le scelte tra due merci con la costante di reddito limitata, come generalmente prendono una decisione.
E la regola del pollice per questa decisione è che, qualunque sia il reddito di denaro, spendono su ciascuno di questi beni, almeno otterranno lo stesso livello di utilità. Poi si discute del reddito dei prezzi e dell'effetto sostitutivo, e se ricordate, è stato calcolato l'effetto prezzo, che è la sommatoria dell'effetto sostitutivo e l'effetto di reddito. E l'effetto prezzo generalmente deriva dalla diminuzione del reddito o dall'aumento del reddito, che si traducisce in altri due effetti; cioè l'effetto di reddito e l'effetto di sostituzione.
Poi introduciamo il concetto di avanzo di consumo; e il surplus di consumo non è altro che il cambiamento o può essere la differenza nel; ciò che il consumatore è disposto a pagarlo, e il consumatore lo sta effettivamente pagando. Supponga se si pianifica una gamma tipica di merci, e quando si va al mercato pagando un prezzo di mercato diverso per esso. Qualunque cosa, vorreste pagare, o fatturare per pagarlo, e quello che effettivamente state pagando, la differenza è generalmente nota come surplus di consumo. Così, oggi faremo un esempio numerico per capire il concetto di surplus di consumo.
 
Quindi, se l'esempio numerico, abbiamo una funzione di domanda, cioè P è uguale a 40 meno 2 Q, e supponiamo, questa è la funzione di domanda della benzina, e inizialmente il prezzo della benzina è di 25 rupie, e a causa c'è un'imposizione di tariffe dal governo, e questo porta ad aumentare in aumento del prezzo della benzina da 25 rupie a rupie 28, poi abbiamo una informazione in più, il reddito settimanale del consumatore è pari a rupie 3000, ora vedremo con l'aiuto di queste informazioni, come possiamo scoprire qual è il surplus di consumo.
Quindi, dobbiamo calcolare il surplus di consumo o magari, possiamo dire la perdita nel surplus di consumo, da un aumento del prezzo a partire da 25 a 28 per litro. Ora, qual è la prima cosa, dobbiamo fare, tracciare la curva della domanda, e tracciare la curva della domanda, quali sono le informazioni date a noi, l'informazione è P è pari a 40 meno 2 Q. Quindi, il valore di pendenza è meno 2 intercettare valore è 40.
 
Così, con questo P è uguale a 40 meno 2 Q, vedremo, come possiamo tracciare la curva della domanda qui, prima necessità di scoprirla, qual è il valore estremo di P e Q; P e Q di benzina perché, qui P è il prezzo, ecco il buono è la benzina. Quindi, dobbiamo scoprirla; qual è il valore estremo di P, e qual è il valore estremo di Q. Quindi, mettere Q è uguale a 0, nell'equazione troviamo P è uguale a 40 e quando mettiamo P è uguale a 0, poi Q è uguale a 20. Quindi, aderendo a questo punto, otterremo la curva della domanda e sostituiremo il valore di P entro il 25 e il 28, otteniamo il valore di Q è uguale a 6 e Q è uguale a 75.
Così, inizialmente, metteremo il valore di P è uguale a 25, otteniamo il valore di Q è uguale a 6 e quando mettiamo il valore P è uguale a 28, otteniamo il valore Q, che è uguale a 7,5, poi, una volta ottenuto il valore estremo di P, otteniamo il valore estremo di Q, abbiamo bisogno di quando otteniamo il valore di P è uguale a 25 e Q è uguale a 28, otteniamo valore Q è uguale a 6 e Q è uguale a 6.
Ora, il prossimo compito è quello, come scoprire il surplus di consumo, perché sappiamo che c'è un cambiamento nella quantità richiesta, cioè dal 6 al 7,5, quando c'è un'imposizione di tasse dall'imposizione della tariffa, e questo porta a cambiare nel prezzo da 25 rupie a 28 rupie.
 
Ora, vediamo, come possiamo trovare che in caso di curva della domanda. Quindi, questo è il 25; questo è il 28; questo è maggio 6; e questo può essere 7.5.Now, come scopriremo il surplus di consumo. Quindi, 0,5 moltiplicato per 40 meno 25 in 7,5; che ci danno il surplus di consumo, quando il prezzo è pari a 25.Now, quando il prezzo aumenta a 28, allora questo è il 0,5; 40 meno 28 moltiplicato per 6. Così, questo ci darà 6; questo ci darà 7,5, otteniamo quello è il, che ci dà il valore che è uguale a rupie 36.
Così, il primo è 56,25 e il secondo ci dà il valore che è pari a 36. Quindi, qual è la perdita nel surplus di consumo; la perdita nel surplus di consumo è pari a 56,25 meno 36 che ci danno il valore, pari a 20 in 25. Quindi, questo è il prezzo è di 25, la quantità richiesta è di 7,5, il prezzo aumenta da 25 a 28 quantità richiesto è di 6, quando il prezzo è stato di 25; questo è il surplus totale di consumo; questo triangolo, ma quando il prezzo aumenta da 25 a 28; questo è il surplus di consumo.
Ora, a causa dell'aumento del prezzo, la perdita nel surplus di consumo è questa zona. Quindi, questa superficie totale, supponga che questo sia A; questo è B e C, inizialmente, quando il surplus di consumo è A B C, il surplus totale dei consumatori è pari a 56,25, e come abbiamo ottenuto questo.
Questo per scoprire l'area di qualsiasi triangolo, qual è la formula; la formula è metà in base al prezzo. Quindi, 0,5 moltiplicato per 40,25, che ci danno il prezzo, e il 7,5 ci dà la base. Così, in questo caso il 56,25 è il surplus di consumo, l'aumento dei prezzi da 25 a 28, che porta a diminuire nella quantità esigita dal 7,5 al 6, e anche quest' area è la perdita nel surplus di consumo.
Quindi, la perdita nel surplus di consumo, come scoprirla? Se scopri l'area prima del cambio di prezzo; qual è l'area del surplus di consumo, e qual è l'area del surplus di consumo, dopo il cambio di prezzo. Così, dopo il cambio del prezzo A B 1 C 1 è il cambio del, o potrebbe essere il nuovo surplus di consumo, che porta a capire qual è il valore per questo di nuovo, la stessa formula per scoprire il valore in un triangolo che è 0,5 moltiplicato per base nel prezzo. Quindi, 48 meno 28 è il prezzo, e 6 è la base che porta a 36, e in questo caso la differenza tra il surplus di consumo è di 56,25 meno 36 porta a 20,25.
Così, come sappiamo, se ricordate nella classe precedente, questa perdita nel surplus di consumo è di 2 parti, perché la variazione del surplus di consumo è dovuta al cambiamento del prezzo. Quindi, l'intera perdita nel surplus di consumo ha 2 parti; una è l'avanzo produttore, e la seconda è la perdita di peso morto. Il surplus produttore è, qual è l'importo; ciò che va all'account produttore, a causa del cambiamento del prezzo, e della perdita di peso morto in genere non una parte di account di consumo o l'account produttore, perché non va al consumatore né va al produttore.
Si tratta in sostanza della perdita nella quantità richiesta a causa del cambiamento del prezzo. Quindi, ora, in questo caso abbiamo individuato, qual è il surplus di consumo, prima e dopo aver cambiato prezzo, e abbiamo anche individuato; qual è la perdita nel surplus di consumo. Quindi, la perdita nell'avanzo di consumo è del 20,25; quello che abbiamo superato qui, ora vedremo; questo 20,25; quanto va alla perdita di peso morto, e quanto va verso l', nel produttore dell'account sotto forma di surplus produttore.
Ora, come scopriremo, quanta quantità va al produttore? E quanto ammontano alla perdita di peso morto? Quindi, il produttore va all'importo totale, quello che va al produttore è l'aumento del prezzo, e può essere il qualunque cambiamento del prezzo, e qualunque sia la variazione della quantità richiesta.
 
Così, vedremo, qual è il surplus di produttore qui, questa è la variazione del prezzo 28 meno 25 moltiplicato per 6 meno 0. Quindi, questo arriva a 18, e che cos' è la perdita di peso morto; perdita di peso morto, bisogna di nuovo calcolare nell'area del triangolo. Quindi, questo è 0,5, poi base in; cioè 7,5 meno 6. Quindi, base in altezza. Quindi, che arriva a 2,25. Quindi, il 2,25 è la perdita di peso morto e il 18 è l'avanzo produttore, se si aggiungono il 18 e il 2,25, questo ci dà la perdita nel surplus di consumo, cioè il 20,25.
Così, in genere anche questo surplus di consumo, l'applicazione del surplus di consumo nello scenario del mondo reale, quando c'è un'imposizione di tariffe, o quando il prezzo cambia, il prezzo di mercato cambia in generale, qualunque sia il surplus di consumo, il consumatore sta ottenendo, che si riduce, e la riduzione del surplus di consumo passa in parte all'acconto del produttore sotto forma di aumento del prezzo, e in parte in generale aumenta la perdita di peso morto perché, né fa parte dell'account di consumo, né fa parte dell'account produttore.
 
Poi, oggi arriveremo ad alcuni nuovi argomenti; nuovo concetto di teoria della domanda o qualche altro concetto di teoria della domanda, come l'elasticità dell'offerta, è solo la controparte del rapporto tra prezzo e offerta. Se ricordate le stesse cose, quello che abbiamo discusso nel contesto del prezzo e della quantità richiesto in caso di elasticità della domanda, allora quando c'è un'imposizione fiscale, come ci porta, o che tipo di effetto ha sul prezzo e la quantità, e quando il prezzo fissato per legge, o quando il governo aggiusta il prezzo può essere in termini di prezzo di vendita o di prezzo del pavimento; cosa succede alla quantità esigente; cosa succede al prezzo.
 
Così, inizieremo il concetto di elasticità di offerta ed elasticità dell'offerta non è altro che il rapporto tra il prezzo e l'offerta di quantità. Così, in quanto legge di fornitura dice che esiste un rapporto positivo tra il prezzo e l'offerta. Quindi, ogni qualvolta ci sia un aumento del prezzo, c'è una diminuzione dell'offerta di quantità, e ogni qualvolta ci sia una diminuzione del prezzo, c'è anche una diminuzione dell'offerta di quantità.
Significa che c'è un rapporto positivo tra offerta di prezzo e quantità, ma l'elasticità dell'offerta ci aiuterà ad identificarci; qual è la grandezza del cambiamento nella quantità di offerta, quando c'è una variazione del prezzo. Quindi, supponiamo, se i prezzi cambiano entro il 2%; dove l'offerta di quantità cambia anche del 2%, o l'offerta di quantità cambia più di 2%, o la fornitura di quantità cambia meno di 2%; qual è la sensibilità dei venditori, o qual è la sensibilità del fornitore, quando c'è un aumento o una diminuzione del prezzo, che catturiamo attraverso l'elasticità dell'offerta.
Quindi, se l'offerta è più sensibile, generalmente l'elasticità dell'offerta è su un lato più alto, se l'offerta è meno sensibile, allora l'elasticità dell'offerta è sul tuo lato inferiore. Quindi, se è lato superiore, allora è elastico, se è lato inferiore, allora è un caso di alimentazione elastica. Quindi, l'elasticità dell'offerta non è altro che la misurazione della sensibilità del fornitore rispetto al cambiamento del prezzo sia nella direzione, quando c'è un aumento, e quando c'è una diminuzione del prezzo della merce.
 
Quindi, come calcolare questa elasticità dell'offerta? In genere lo sappiamo, quando c'è una modifica del prezzo che porta a cambiare l'offerta di quantità. Quindi, calcoleremo l'elasticità dell'offerta utilizzando la variazione percentuale dell'offerta di quantità associata alla variazione percentuale del prezzo.
 
Quindi, qui la fornitura di quantità è la variabile dipendente e P è la variabile indipendente, ogni qualvolta ci sia una variazione del P che porta a modificare l'offerta di quantità, ed elasticità dell'offerta che cattura la variazione percentuale dell'offerta di quantità associata alla variazione percentuale del prezzo. Ora, cosa è l'offerta elastica? un prodotto ha un'offerta elastica quando il cambio di prezzo causa un cambiamento significativo dell'offerta di quantità; quello che dovrebbe essere vero di un prodotto per consentire a un venditore di aumentare rapidamente la produzione, se il prezzo di mercato sale.
Così, sappiamo che, ogni qualvolta ci sia un cambiamento del prezzo, se c'è un cambiamento significativo nella quantità fornita, allora questo è il caso dell'offerta elastica, ma qui potrebbe essere, quando si prende questo a una situazione reale del mondo, qui la domanda arriva, è possibile produrre immediatamente il venditore, quando c'è un aumento del prezzo.
Che sia possibile aumentare immediatamente la produzione, perché c'è una linea temporale richiesta o c'è una richiesta di tempo per produrre il prodotto. Così, possiamo interpretare in modo diverso che, qualunque sia stato prodotto dal produttore. Tutto non viene venduto nel mercato, parte sempre lì nell'inventario, o parte di esso sempre lì in stock,
e ogni qualvolta ci sia un aumento del prezzo che porta il fornitore a rifornire di più sul mercato per il consumatore. Ma, quando c'è una diminuzione del prezzo che generalmente tengono di più nell'inventario o nello stock. Quindi, in questo caso, possiamo dire che il cambiamento del prezzo è forse inferiore al cambiamento della quantità richiesta.
 
Quindi, in caso di offerta elastica, la variazione percentuale del Q s deve essere superiore alla variazione percentuale del p. Quindi, se è infinito generalmente, è un caso di offerta perfettamente elastica.
 
Ora vedremo come rappresentiamo graficamente questa curva di alimentazione elastica, generalmente se si guarda caso in caso di altamente elastico, che si tratti di alimentazione, sia che si tratti di curva della domanda la pendenza sia generalmente elevata, e che porta alla curva di alimentazione flatter. Quindi, se cambia il prezzo; la quantità fornita cambia molto, il che significa che qualsiasi piccolo cambio del prezzo porta a una buona quantità di variazione dell'offerta di quantità, e questo è il motivo per cui la pendenza è su un lato più alto, e questo crea una curva di flatter.
Quindi, se si guarda il grafico nello slide, Q è rappresentato nell'asse x, cioè la quantità, e P è rappresentata sull'asse y che è il prezzo, inizialmente il prezzo è P 1, la quantità richiesta è Q 1.Now, quando il prezzo aumenta da P 1to P 2, la quantità richiesta aumenta anche da Q 1 a Q 2 e che porta ad una maggiore variazione della quantità richiesta, quando c'è una piccola variazione del prezzo.
Quindi, se si guarda al grafico, allora Q 1 e Q 2 sono più grandi di molto, molto, molto più grande di P 1 e P 2, e possiamo interpretare qui, questo è il caso della curva di offerta elastica, perché ogni piccola variazione del prezzo porta ad una maggiore variazione dell'offerta di quantità. Quindi, in caso di curva di alimentazione elastica; la curva di alimentazione è sempre flatter, e poiché la variazione dell'offerta di quantità è superiore al prezzo associato a questo, allora vedremo come avviene in caso di offerta elastica.
 
Un apporto in elastico è uno, dove il prezzo cambia provoca pochissimo cambiamento nell'offerta di quantità, significa che la variazione percentuale dell'offerta di quantità è inferiore alla variazione percentuale del P, significa, può accadere a causa di 2 cose, o il tempo necessario per produrre il prodotto è significativo.
Così, anche se c'è un aumento del prezzo, ancora il produttore non potrà fornire di più, o potrebbe essere il prodotto è la natura è qualcosa, che anche se il prezzo aumenta, la domanda non si farà, potrebbe aumentare il prezzo non è a causa dell'aumento della domanda. Quindi, in questo caso, anche se ci si sta approvvigando di più, non c'è mercato per il prodotto, e questo è il motivo in caso di offerta inelastica, la variazione dell'offerta di quantità è minore nella variazione del prezzo.
E l'esempio tipico, se si possono prendere mobili artigianali o i diamanti, lì le merci ad alto valore, e anche se il prezzo aumenta, non è la domanda ad aumentare, o potrebbe essere il tempo necessario per produrre, perché c'è sempre un offerta limitata. Quindi, anche se il prezzo aumenta, il fornitore non corrisponde immediatamente al cambio del prezzo, e questo è il motivo, questo è noto; questo tipo di merci arriva sotto offerta inelastica, perché non può essere abbinato immediatamente, l'aumento del prezzo non può essere abbinato immediatamente.
 
Ora, vedremo come la pendenza della curva di alimentazione inelastica, se il prezzo di mercato sale, ma il fornitore non può aumentare molto la produzione, questo è lo scenario di una curva di offerta inelastica, e questo generalmente crea una curva ripida. Quindi, in questo caso, se si guarda alla P 1 è il prezzo iniziale, Q 1 è la quantità iniziale richiesta e c'è un aumento del
prezzo da P 1to P 2, che si trova su un lato molto più alto, e che porta al successivo aumento della quantità richiesta da Q 1 a Q 2. E se guardate qui, il Q 1 e il Q 2 molto, molto, molto meno di P 1 e P 2. E questo porta all'interpretazione che il cambiamento della quantità richiesto è inferiore al cambio del prezzo, e questo è il motivo, otteniamo la curva del vapore, e in caso di curva di alimentazione inelastica, otteniamo sempre una curva di sterzo.
 
Ora, interpreteremo il diverso valore dell'elasticità, se l'elasticità dell'offerta assumerà il valore di 1, 0 o infinito o inferiore a 0 o superiore a 1, come noi generalmente interpretiamo l'elasticità dell'offerta. Se l'elasticità dell'offerta è uguale all'infinito, questo è il caso di un alimentatore perfettamente elastico, significa, un piccolo cambiamento o una variazione trascurabile del prezzo porta ad una maggiore variazione dell'offerta di quantità, se l'elasticità dell'offerta è maggiore di 1, è un caso di offerta elastica, come abbiamo discusso in precedenza. Se l'elasticità dell'offerta è inferiore a 1, questo è il caso dell'offerta inelastica, quello che si discute poco prima di questa slide tipica, poi se l'elasticità dell'offerta è pari a 1, si tratta di un'offerta elastica unitaria e di come le modifiche avvengono in quantità quantità in caso di offerta elastica unitaria.
La variazione percentuale dell'offerta di quantità è esattamente pari alla variazione percentuale del prezzo; ciò significa, 2 variazione percentuale del prezzo determina esattamente 2% variazione dell'offerta di quantità; l'elasticità dell'offerta è pari a 0, cioè l'offerta perfettamente in offerta elastica.
Così, un estremo è quando l'elasticità dell'offerta assume il valore che è uguale all'infinito, significa che il cambiamento trascurabile del prezzo porta ad una maggiore variazione dell'elasticità dell'offerta, e se è pari a 0, allora è un alimentatore perfettamente in elastico, cioè l'altro estremo significa, anche c'è un cambiamento significativo del prezzo, ancora c'è un cambiamento significativo dell'offerta di quantità, oppure possiamo dire che non c'è cambiamento nell'offerta di quantità.
Il motivo per cui potrebbe essere l'offerta non può essere immediatamente abbinato alla variazione del prezzo, o può essere l'aumento della produzione non può avvenire immediatamente con l'aumento del prezzo. E questo è il motivo, abbiamo bisogno di; abbiamo raggiunto un altro estremo dell'elasticità dell'offerta, cioè l'offerta perfettamente inelastica, dove, qualunque cosa possa essere la modifica del prezzo l'offerta di quantità non cambia o se cambia, cioè se cambia molto insignificante.
 
Poi diremo in curva di offerta atipica, qual è la gamma di elastico o qual è la gamma di elastico, o anche la curva di alimentazione è una linea retta, poi come interpretiamo il valore. Quindi, se la curva di alimentazione taglia l'asse dei prezzi, cioè asse y allora l'offerta è elastica. Quindi, la curva di alimentazione è una linea retta. L'elasticità dell'offerta assume il valore, che è superiore a 1 e se la curva di alimentazione taglia l'asse dei prezzi y, allora l'offerta è elastica, se la curva di alimentazione è retta, l'elasticità dell'offerta assume un valore inferiore a uno e se la curva di alimentazione taglia l'asse di quantità x, allora la curva di alimentazione è in elastico.
 
Significa che, se la curva di alimentazione taglia l'asse della quantità, questa è la curva di alimentazione elastica e se la curva di alimentazione taglia l'asse dei prezzi, allora è il caso della curva di alimentazione elastica, se le curve di alimentazione escono di origine, allora l'offerta è elastica unitaria. Quindi, se taglia l'asse dei prezzi, allora è il caso dell'elastico, se taglia l'asse della quantità, allora è il caso di inelastico, se si esce dall'origine, allora la curva di alimentazione è elastica unitaria ora, se si riassume tutto questo tipo di elasticità, che sia uguale a infinito, che sia uguale a 0, che sia più grande di uno, meno uno o uguale a uno.
 
Così, se si prenderà tutto in un solo grafico, allora questo è ciò che ci dà l'elasticità dell'offerta è pari a 1, allora questo ci dà elasticità di offerta è pari a 0, perché non c'è cambiamento nell'offerta di quantità, anche se il prezzo sta cambiando; questo ci dà elasticità di offerta è uguale all'infinito. Qualunque cosa, possa essere il cambio di prezzo nel prezzo, il cambio ridotto o trascurabile nel prezzo determina una maggiore variazione dell'offerta di quantità, poi se tagli può essere l'asse dei prezzi, allora l'elasticità dell'offerta assume un valore, superiore a 1 e se prende l'asse della quantità; tagliare l'asse di quantità, quindi l'elasticità dell'offerta, pari a meno di uno. Quindi, ci sono 5 tipo di elasticità di offerta; elasticità di offerta pari a infinita, pari a 0; 2 estremi; l'elasticità dell'offerta è pari a 1, e tra questi due, la gamma è elasticità di offerta è maggiore di 1 che è relativamente elastica.
E l'elasticità dell'offerta è inferiore a 1, che è relativamente poco elastica. Così, vedremo in una curva tipicamente di offerta; quale è la sezione elastica; quale è la sezione inelastica, o possiamo dire, quale è la gamma elastica, e quale è quella in autonomia elastica.
 
Quindi, se si prende il caso di può essere una curva di domanda elastica, che è molto flatter, allora la sezione inferiore è più elastica, e può essere il segmento in alto, cioè meno elastico. Quindi, in questo caso l'elasticità dell'offerta assume un valore, che è maggiore di 1, e questo è il motivo, abbiamo ottenuto un alimentatore e qui il segmento inferiore è più elastico e il segmento superiore è meno elastico.
 
Allo stesso modo, se si prende una curva di alimentazione inelastica, la parte inferiore è più elastica, e la più alta è meno elastica. Così, in una curva di offerta tipica nel segmento diverso, otteniamo il diverso valore di elasticità dell'offerta. Ora, vedremo, quali sono i fattori, che influenzano l'elasticità dell'offerta come, o qual è il fattore specifico che influenza l'offerta deve essere elastico o l'offerta deve essere inelastica.
Il primo fattore è la disponibilità della richiesta di risorse per rendere il prodotto, se le risorse sono disponibili facilmente, o le risorse possono essere immediatamente presenti, in questo caso il prodotto è più elastico, perché ogni qualvolta ci sia una variazione del prezzo o aumento del prezzo immediatamente questo può essere abbinato all'aumento dell'offerta di quantità aumentando la produzione.
Poi, qual è la quantità di tempo necessario per rendere il prodotto, che decide se l'offerta deve essere elastica o l'offerta deve essere inelastica, se il tempo necessario per rendere il prodotto è elevato, allora la curva di alimentazione è l'offerta è inelastica, perché non può pagare la variazione del prezzo immediatamente non può cambiare con l'; non può immediatamente corrispondere con la modifica dell'offerta di quantità.
Ma se la quantità di tempo necessario a rendere il prodotto è minore, allora in questo caso è il caso di un alimentatore, perché immediatamente può essere abbinato. Così, il fornitore può reagire alla modifica del prezzo immediatamente. Livello di abilità del lavoratore necessario per rendere il prodotto, se il lavoratore è qualificato allora può essere il tempo richiesto meno per produrre il prodotto.
E questo è il motivo, la curva di alimentazione è elastica, ma se c'è manodopera non qualificata; il livello di abilità del lavoratore è inferiore o inferiore, in questo caso generalmente l'offerta è poco elastica, perché un piccolo cambiamento o può essere un cambiamento del prezzo non può essere abbinato immediatamente, perché i lavoratori non sono forse che molto qualificati che corrispondono immediatamente al requisito dalla produzione, o la corrispondenza il requisito dell'aumento dell'offerta.
La finale o il fattore forth, che influenzano l'elasticità dell'offerta è il periodo di tempo per la regolazione, se più grande è il periodo di tempo per adeguarsi con la variazione del prezzo, è il caso di più elastico, e se c'è meno tempo per la regolazione, allora l'offerta è inelastica o possiamo dire meno elastica. Più è il periodo di tempo per la regolazione, più è l'offerta elastica, meno è il periodo di regolazione, meno è l'offerta elastica, oppure possiamo dire è il caso dell'offerta inelastica. Quindi, l'elasticità della fornitura misura in genere la sensibilità del fornitore rispetto al cambiamento del prezzo.
E prende valore diverso sulla base della responsività del fornitore o della sensibilità dei fornitori per la variazione del prezzo, e di conseguenza ci vuole valore diverso, e pochi fattori, quello che abbiamo discusso poco fa, generalmente contribuiscono ad influenzare la curva di offerta verso il più elastico o meno elastico.
 
Economia Manageriale Prof. Trupti Mishra S. J. M School of Management Indian Institute of Technology, Bombay
Collezione – 28
Elasticità dell'offerta - I
 
Poi vedremo, qual è l'impatto dell'imposta sul prezzo e sulla quantità? In questo caso, prenderemo il caso della tassa unitaria, che è in genere la tassa per unità di uscita venduta, e vedremo come influirà generalmente sul prezzo e sulla quantità. E ogni qualvolta, c'è un'imposizione fiscale, che generalmente prende il carico fiscale, che si tratti degli acquirenti, che si tratti del venditore che analizzeremo o vedremo attraverso la rappresentazione grafica. Quindi, questo è in questo caso specificamente stiamo parlando della tassa unitaria che è quella fiscale per unità di produzione venduta.
 
Così, ora vediamo diversi casi e scenario diverso, come l'onere fiscale si fa carico del fornitore e dell'acquirente. D 0 è la curva della domanda; S 0 è la curva di offerta; c'è l'imposizione fiscale e l'imposizione fiscale rappresenterà attraverso la diminuzione dell'offerta, e questo porta a diminuire l'offerta da S 0 a S 1, ora questa è la quantità di equilibrio; questo è il prezzo di equilibrio, ora c'è l'imposizione fiscale e questo porta a cambiare l'offerta dalla S 0 alla S 1.
E qui, rappresentiamo l'importo della tassa attraverso la variazione dell'offerta. Quindi, si tratta dell'importo totale delle imposte che vengono imposte. Quando l'offerta si sposta dalla S 0 alla S 1 ,il punto di equilibrio cambia da E 1 a E 2.In anche questo caso, il prezzo e la quantità cambia; la quantità è Q 1and prezzo è P 1; qual è l'importo totale dell'imposta? Si tratta dell'importo totale dell'imposta. Così, in questo caso, ora che condividono le tasse qui sopra, inizialmente la curva della domanda è D 0, la curva di alimentazione è S 0, la quantità di equilibrio è Q 0, il prezzo di equilibrio è P 0.
Imposizione di imposta che porta al passaggio nella curva di offerta da S 0 a S 1, e la differenza tra due curve di offerta ci dà la tassa, pari a P 0 T, e ora questo P 0 T, che sta pagando, quanto di questo P 0 T. A causa del cambio di offerta, ora il produttore aveva aumentato il prezzo da P 0 a P 1. Così, questo P 1 e P 0 è accoppiato dal consumatore, in termini di aumento del prezzo, e del resto dell'imposta, cioè P 1 da T, che deve essere pagato dal fornitore perché, questa parte di imposta non è coperta dall'aumento del prezzo. Quindi, fornitore o venditore; Quindi, imposizione fiscale è, lì che porta il turno nella S, che sta diminuendo il
quantità, aumentando il prezzo, ma l'aumento del prezzo non è pari all'importo dell'imposta imposta.
Quindi, ci sono altri importi rimasti dall'importo dell'imposta che è P 1 e T. Quindi, questa tassa è la pressione fiscale è condivisa sia dal consumatore che dal produttore; P0 P1 viene pagato dal consumatore in termini di aumento del prezzo e P 1 T viene pagato dal venditore o pagato dal fornitore, perché in parte deve essere condiviso sia per il produttore che per il consumatore. Così, in caso di imposta unitaria imposta, se la curva sia della domanda che dell'offerta, mantengono la loro pendenza originaria, in questo caso o il rapporto originale, in questo caso in parte è stato pagato dal consumatore in termini di aumento del prezzo, e in parte è stato pagato dal produttore.
Ora introdurremo il concetto di elasticità della domanda ed elasticità dell'offerta, a questa curva di offerta e di domanda, e poi vedremo, come la tassa otterrà la condivisione tra il consumatore e il fornitore; cosa succede, quando c'è una curva di domanda perfettamente inelastica; cosa succede quando c'è una curva di domanda perfettamente elastica e perfettamente elastica e perfettamente elastica curva di offerta.