Loading

Alison's New App is now available on iOS and Android! Download Now

Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Twentieth-Century Fiction Prof. Avishek Parui Department of Humanities and Social Sciences Indian Institute of Technology, Madras Collezione - 49 Toba Tek Singh - Part 1 (Riferirsi Slide Time: 00.12)

Quindi, ciao e benvenuti a questo corso NPTEL dal titolo Twentieth Century Fiction. Inizieremo con un nuovo testo oggi avendo appena finito i Solid Objects di Virginia Woolf.
Così, questo testo la storia che partiremo con oggi è una storia di Saadat Hasan Manto chiamata Toba Tek Singh. Ora, originariamente la storia era scritta a Urdu, ma ovviamente leggeremo questa in traduzione inglese; Toba Tek Singh di Saadat Hasan Manto.
Ora, solo un piccolo contesto che penso sia in ordine prima di partire dalla storia principale. Questa è essenzialmente una storia sulla spartizione, la spartizione del 1947 e ovviamente, siamo tutti consapevoli della storia della partizione, della violenza della partizione, del trauma della partizione, ed è stato uno degli eventi più sanguinosi di questa parte del mondo, nel sud - est asiatico e forse in tutto il mondo nella storia umana.
E ora l'intera irrazionalità della partizione era ovviamente, che la gente improvvisamente si divise a causa delle differenze religiose. All'improvviso si è detto che solo perché tu appartieni a una certa religione dovresti essere in un certo posto e viceversa.
Ora, quello che ha fatto essenzialmente e storicamente è che, ha completamente complicato il senso della propria posizione o della location esistenziale o della location emotiva delle persone, come per esempio se qualcuno viene detto per esempio che un villaggio che è cresciuto in lei sa che l'intera sua intera generazione è cresciuta e i suoi antenati, lui e le sue generazioni successive sarebbero cresciuti altrettanto bene; purtroppo quel villaggio capita di trovarsi in un paese diverso.
Così, quel turno geopolitico, il senso dello spostamento geopolitico, la novità, l'abruzzezza, l'incidente, la catastrofe dello spostamento geopolitico, o la narrazione di turno geopolitica riconosciuta che ovviamente, aveva molte ripercussioni emotive ed esistenziali. Sai perché le persone all'improvviso sono state raccontate, jolted fuori dal loro senso della loro barra geopolitica esistenziale conosci situatedness, giusto.
Così, per esempio se qualcuno arriva e racconta a una persona che il villaggio o la città, o città che lui o lei era cresciuta all'improvviso si chiama improvvisamente qualcosa d'altro, ed è improvvisamente parte di un nuovo paese che ovviamente, creerebbe un senso di jolt, un senso di violenza epistemica. E per violenza epistemica intendo ovviamente la violenza a livello di conoscenza che si conosce, il livello di conoscenza quello che si sa è improvvisamente e drammaticamente defamiliare, è improvvisamente e drammaticamente si sa denaturalizzato, e fatto in altro.
E questo ovviamente genera un senso di violenza epistemica, una violenza a livello di conoscenza. Quindi, il tuo senso di conoscenza, la tua conoscenza dei tuoi dintorni, la tua conoscenza della realtà, la tua conoscenza di chi sei, dove appartieni tutto cambia drasticamente in un modo abbastanza cataclicamente.
Ora ovviamente con la partizione, il cambiamento è stato molto drammatico, il cambiamento è stato molto violento, molto sanguinoso, le persone sono state uccise, massacrate, si sa mutilate e ovviamente, le mutilazioni, le mutilazioni boschivi e tutti sono consapevoli quali sono le immagini grafiche molto iconiche della partizione dove i treni pieni di cadaveri umani sarebbero stati inviati oltre il confine da entrambi i lati. Così, il treno da voi conosce l'India al Pakistan, il Pakistan all'India pieno di cadaveri che sarebbero l'indicatore del grado di macellazione, il grado di violenza avvenuto. È ovviamente una parte vergognosa della storia umana, è una vergogna nella storia umana ed è una delle fallite dell'imperialismo. Insomma, ecco quali sono alcune delle ultime cose che l'imperialismo ha fatto a questa parte del mondo. Ha appena creato questo divario da cui dobbiamo ancora recuperare.
Ora, dato che questo è il contesto nella storia. Questa particolare storia non riguarda esattamente la violenza fisica, giusto. Quindi, è in realtà che cresce più sinistra che violenza fisica. Diventa più sinistro, più scuro, ha una qualità fumettista scura che in realtà lo rende ancora più inquietante. Il fatto che si possa effettivamente produrre comicità fuori da una simile situazione, una situazione di perdita, alienazione, annientamento esistenziale, come può essere trasformato in una commedia, come può essere trasformata in qualcosa che quasi fa ridere, giusto. E la risata che esce da questa storia a volte è ovviamente una risata che è sovversiva in qualità, una risata che è una sorta di mocking di qualità, è una risata secca sarcastica. Non è una risata di adempimento, è una risata della conoscenza del nulla che è ciò che la risata sta nella storia.
Ora, è interessante che questa storia sia ambientata in un manicomio in un asilo e l'ambientazione dell'ambientazione temporale nella storia è qualche anno dopo la partizione. Quindi, è una storia post - partizione ambientata in un manicomio. Quindi, il tempo e il posto nella storia sono molto importanti.
Ora, il manicomio ovviamente è il luogo molto simbolico, uno spazio simbolico piuttosto per irrazionalità, proprio lì dove gli uomini irrazionali e le donne restano, citano le unquote "irrazionali" uomini e donne restano. Ma anche un altrettanto manicomio è anche lo spazio dove il medico e la politica convergono a volte, molto brutalmente a volte, molto strategicamente e a volte molto non umanamente per trattare gli esseri umani, al fine di correggere gli esseri umani per curarli. Quindi, c'è sempre questo a parte una qualità curativa, a parte questa cura che dà qualità, c'è anche una qualità coercitiva sul manicomio. C'è un grado di violenza sul manicomio con cui le persone si conoscono vincolate, le persone sono una sorta di forzate a rimanere lì, fisicamente confinate in certi spazi a determinati parametri, certi parametri consentiti.
E l'intera idea del parametro consentito nelle persone madinette dovrebbe indossare una specie di vestito, vesti di camicia più spesso che non. Le persone sono una sorta di medicalizzazione, la follia è medicalizzata. Così, che ovviamente, diventa uno strumento a due punte di medicalizzazione e legalizzazione perché da una parte si classifica qualcuno come folle attraverso un processo medico.
Ora, in questa storia si scopre che la follia diventa una categoria molto complessa soprattutto sulla scia della spartizione, soprattutto sulla scia di questa massiccia strage di spartizione, la violenza della partizione perché quello che fa retromarcia, quello sfondo sparso è che inverte completamente la dicotomia irrazionale razionale o il rapporto irrazionale razionale, giusto. Perché si sa cosa appare irrazionale a volte in questa storia sembra essere la decisione più razionale la domanda più razionale la questione apparentemente irrazionale. Mentre, la burocrazia fuori dal manicomio che è quella dell'universo razionale che a volte deriva dalla più irrazionale manovra malvagia contro gli esseri umani, giusto.
Così, tra le altre cose questa storia inverte questa razionalità, la questione irrazionalità, la folle, normale questione etcetera. E ci chiede una domanda molto fondamentale su come per esempio come si capisce l'esistenza di un sé esistenziale di sé e situatedità del sé esistenziale, come cambia quando si verifica un cambiamento geopolitico maggiore, quando si verifica un cambiamento politico maggiore, quando si verifica un importante cambiamento discorsivo.
E per tutta la storia che hai trovato che sai che abbiamo letto romanzi come Ulysses, abbiamo letto la signora Dalloway, abbiamo letto la poesia iniziale di Eliot, quasi tutto quello che abbiamo letto finora scopriamo che c'è questo legame molto interessante tra discorsività ed esperienzialità, giusto. Quindi, quello che è discorsivo là fuori, il set di leggi serie di narrazioni, la qualità codificata delle narrazioni, etcetera, tutta quell' architettura che ci circonda come questo ci condiziona esperienzialmente. Così, per esempio, un ottimo parallelo con questa storia sarebbe la signora Dalloway qualcosa che lei ha già fatto in questo corso.
Prendiamo Septimus Smith per esempio, il modo in cui viene trattato è ovviamente una costrizione molto coesa nella qualità, piuttosto che qualità di caregiver, i medici di quella storia, il quel romanzo Holmes e Bradshaw, appaiono come assolutamente totalitari conosci figure che rappresentano un certo regime di cura, regime di cura più coeso piuttosto che di cura. E conosci l'intero vocabolario medico, l'intera narrazione medica nella storia è una delle violenze, la violenza fatta al corpo umano, d'accordo. Quindi, c'è anche questa qualità psichica in omaggio a quella storia.
La stessa qualità psichica homo c'è in questo particolare racconto che il fatto che questi pazzi, persone che sono come quasi collaterali danni, stanno dicendo ma allo stesso tempo si sa che è facile ucciderli non ammazzandoli, giusto. Quindi, l'intera idea del sé liquidato, il sé esausto c'è, il sé interrotto è molto presente. Dunque, la follia nella storia potrebbe essere vista come una sorta di interruzione, come stato interrotto di essere, come embodiazione interrotta dove un normale comportamento neurale, un normale comportamento cognitivo viene interrotto.
Ora, è interessante ciò che accade in questa storia è che l'interruzione con la normale interazione neurale cognitiva, l'interruzione in questo folle che in realtà diventa sovversiva nella qualità, sovversiva nella qualità. Quindi, questa equazione di interruzione della subversione è interessante qui sopra, giusto. Quindi, la qualità sovversiva sulla follia è qualcosa che vediamo. Non si decima davvero nulla, non inverte davvero nulla, non cambia davvero nulla politicamente nel mondo reale, ma chiede alcune domande davvero fondamentali e difficili, domande che si rivolgono contro alcune delle tanto chiamate manovre razionali fatte durante la partizione, a destra.
Quindi, da una parte abbiamo questo regime burocratico razionale fuori che sta prendendo tutte queste grandi decisioni, che si occupano di tutti questi si conoscono problemi di vaste quantità una massa di persone e ovviamente, facendo leggi assurde. L'assurdità del mondo reale là fuori è una sorta di criticità in modo molto sarcastico, dal comportamento apparentemente assurdo, le attività apparentemente assurde all'interno dell'asilo. Ora, si scopre alla fine che l'asilo è meno assurdo del nuovo mondo là fuori. Così, allora di nuovo la logica assurda normalità è invertita e che diventa un problema qui nella storia anche adesso, tra le altre cose anche questa storia riguarda la memoria, giusto. Quindi, l'intera idea di memoria diventa importante. Quello che ti ricordi di sapere, quello che non ricordi diventa importante perché. Lo sai che il protagonista nella storia è qualcuno che si chiama Bishan Singh, che diventa Toba Tek Singh era il nome di un villaggio che non esiste più, la non esistenza di quel villaggio diventa importante. Si tratta di uno spazio assente.
Ma ci arriveremo più tardi.
Quando scopriamo che come conosci il protagonista, ha subito qualche perdita di memoria. Ora, tecnicamente il termine per la perdita di memoria in questa particolare storia, il modo in cui viene rappresentato in questa storia è un'amnesia retrograva. Ora, in un'amnesia retrogratta ciò che accade è che si conservano i ricordi che vi sono accaditi molti anni fa, quando si è un bambino forse. Conservi quella memoria, ma perdi un ricordo di eventi e figure o esperienze che ti accadono come non tanto tempo fa. Quindi, la più veloce, la memoria a breve termine che va via, la memoria più lunga che rimane indietro.
E sono felice, ho ricevuto un articolo pubblicato su questa particolare breve storia che sono felice di caricarmi nel forum su richiesta. Quindi, procedi attraverso di esso insieme alla storia e scopri se ci sono alcune risonanze che magari disegnate, in termini di guardare questa storia dalla prospettiva degli studi di memoria.
Quindi, la memoria, ovviamente è un atto di ricordare o re iphen membering (ricordando) c'è una qualità organica sulla memoria. Ora, quello che succede nella storia è quello che va ricordato o quello che dovrebbe ricordare che scompare interamente. Così, il villaggio chiamato Toba Tek Singh da cui proviene questo personaggio, Bishan Singh è di, Toba Tek Singh che villaggio va a mancare nessuno sa dove sia il villaggio. Non è più uno spazio classificato perché si sa che l'intera idea, l'intera ontologia, l'intera mappatura dello spazio è cambiata drasticamente con la partizione.
Si è trattato di molto, è un atto di remapping molto violento e molto rapido con cui si formano improvvisamente questi due paesi e i vecchi villaggi che si conoscono presumibilmente appartenenti a una parte di questa intera massa del territorio improvvisamente non hanno alcuna collocazione e questa località - meno - dedita al villaggio, il fatto che Toba Tek Singh sia un villaggio che nessuno sa abbastanza dove sia, la localit - lessico è interessante mappato su di voi l'agenzia - meno - meno - della persona. Il singolo soggetto umano qui ha zero agenzia. Le decisioni sono prese per lui. E dovrebbe solo seguire le decisioni e l'agenzia - meno - ness e la location - meno - ness diventano categorie competitive interessanti.
Ancora, che mi riporta a qualcosa di cui ho già parlato, l'intera idea di dislocazione esistenziale che conosci seguita o equiparata alla dislocazione geopolitica, giusto. Dunque, la geopolitica diventa importante politica e geografia il tuo senso di forma, il tuo senso di spazio, il tuo senso di location, il tuo senso di indirizzo sono politicamente determinati e decisi per te, giusto. Allora, questo è lo sfondo della storia che sai dove si trova questo intero manicomio e gli uomini pazzi, lo scambio che conosci, conversazioni molto assurde tra di loro che a volte fanno più senso delle conversazioni razionali fuori perché l'intero mondo qui è molto sconvolto.
Così, in quel mondo micro assurdità all'interno di un asilo, in realtà ha più senso della massiccia assurdità che travolge l'impresa razionale nel mondo là fuori. Ecco, questo è lo sfondo della storia e ci immergeremo nella storia subito e vedremo come va. Così, questo è Toba Tek Singh di Saadat Hasan Manto e questo dovrebbe essere sul vostro schermo.
Due o tre anni dopo la Partition, il governo del Pakistan, i governi del Pakistan e dell'India hanno deciso di scambiarsi la lunatica allo stesso modo in cui si erano scambiati prigionieri civili. In altre parole, i lunatici musulmani nelle madremie indiane sarebbero stati inviati in Pakistan, e i lunatici indù e Sikh nelle madremie pakistane saranno consegnati all'India. Non posso dire se questa decisione abbia senso o meno, in ogni caso una data per lo scambio lunatico è stata fissata dopo conferenze di alto livello con entrambi i lati del confine. Tutti i dettagli sono stati accuratamente elaborati. Sul versante indiano, i lunatici musulmani con parenti in India potranno rimanere. Il resto sarebbe inviato alla frontiera. Qui in Pakistan quasi tutti gli indù e i Sikhs erano spariti, quindi la questione di trattenere i lunatici non indù non è emersa. Tutti gli induisti e i lunatici di Sikh sarebbero stati inviati alla frontiera in custodia della polizia.
Ora, nota il giornalista secco, quasi staccato, è tornato nell'apertura della storia. Ti sta solo dando informazioni, basta darti dei dati che conosci presumibilmente in una voce molto secca, presumibilmente in una voce molto oggettiva. Ora, ovviamente, questa obiettività la secchezza è un tipo molto superficiale di un costrutto perché se ci basta entrare in profondità, si scopre che questo non è affatto secco, questo non è affatto noto giornalmente. Quello che ci è stato detto è che sta accadendo una cosa molto sinistra, sta accadendo una cosa molto perversa, improvvisamente si decide attraverso incontri burocratici che si sa che l'intero anche i madoni dovrebbero essere scambiati come per affiliazioni religiose fino ad arrivare alle differenze religiose.
Così, il pazzo musulmano sarebbe andato in Pakistan se non avesse parenti in India mentre, un pazzo indù in Pakistan sarà rimandato in India. Così, ancora ampiamente il pazzo aiuta anche fuori. Così, il manicomio qui sopra diventa uno spazio molto discorsivo come si può vedere già, giusto.
Ebbene, c'è una sola persona narrativa qui, una prima persona narrativa, non posso dire se la decisione abbia senso o meno. Quindi, c'è l'ambivalenza, un'ambivalenza signorile su questa decisione che ovviamente ne fa beffa. In realtà lo rende ancora più sarcastico, il fatto che sia obliquamente sarcastico, il fatto che in realtà non sia impegnato a commettere o a commentare la viabilità o l'usabilità della decisione, giusto. Quindi, che la qualità non committente è molto giornalistica, vi sta solo riportando a voi, non è il suo lavoro a commentarlo, ma allo stesso tempo la superficialità della voce è molto evidente a causa della quale in realtà riusciamo a ottenere un sapore della qualità sinistra tutta l'impresa, ok.
Quindi, non so cosa sia successo laggiù. Quando la notizia dello scambio lunatico ha raggiunto un manicomio qui a Lahore, però, è diventato un argomento di discussione assorbente tra i detenuti. Così, ancora oggi sappiamo che l'ambientazione nella storia è Lahore e ovviamente, Lahore come sappiamo era una delle città più multi - culturali e cosmopolite dell'intero Sud - Est asiatico, e per molto tempo la gente non sapeva se Lahore sarebbe andata in India o in Pakistan c'era una grande occasione che arriverà in India, ma l'India era una messa in terra più grande e voleva un pezzo di Lahore, ma alla fine è tornata in Pakistan a dritta. Lo sai che è stato solo associato al Pakistan geopoliticamente, giusto, ok.
Allora, questo è un manicomio a Lahore. E i detenuti sono molto entusimati di essere stati raccontati che tornerebbero solo nei loro paesi a seconda di quello che è l'affiliazione religiosa. Così, per esempio se c'è un pazzo indù in un asilo di Lahore che la persona verrà rimandata in India e se c'è un pazzo musulmano oltre il confine in India sarà controllato se ha parenti in India, se no, sarebbero rimandati anche in Pakistan, ok. Quindi, è stato un argomento di discussione assorbente tra i detenuti.
C'era un pazzo musulmano che aveva letto il quotidiano Zamindar ogni giorno per dodici anni. Uno dei suoi amici gli ha chiesto: "Maulvi Sahib cosa è il Pakistan?". Dopo un attento pensiero ha risposto. " È un posto in India dove fanno i rasoi.
Giusto Così, di nuovo guardare l'assurdità in questi interi dialoghi. Ma poi il punto tutto è l'assurdità è molto piccola, molto minimale rispetto all'intero massiccio spettacolo di assurdità che era la spartizione in primis, la violenza generata dall'assurdità che diventa la vera assurdità nella storia. Mentre, questi micro modelli di assurdità sono molto innocui e non significano davvero nulla. Allora, c'era una persona che ha chiesto a Maulvi Sahib dove si trova, dove il Pakistan è e ha pensato che sia un posto in India dove la gente fa i rasoi. Così, ancora una volta molto irrazionale Alice nel Wonderland tipo di risposta. Quando il bagno si scusa dove fanno i rasoi.
Sentendo questo, il suo amico era contenuto.
Un lunatico Sikh ha chiesto un altro Sikh: " Sardar ji, perché ci mandano in India? Non parliamo nemmeno la lingua "." "Capisco la lingua indiana", l'altra ha risposto, sorridendo. "Gli indiani sono persone devasce che si stravolgono di male", ha aggiunto.
Mentre faceva il bagno, un lunatico musulmano "Lunga il Pakistan" con tanta vigenza che è scivolato sul pavimento e si è buttato fuori.
Così, di nuovo questi sono i tocchi comici nella storia e vediamo già che sai come Manto lo sta davvero rendendo ambivalente per noi perché in una mano questo è ovviamente, la storia su madmen e la loro completa mancanza di agenzia, la completa perdita di agenzia. Sono appena raccontati di andare in alcuni posti e seguono solo gli ordini. Quindi, c'è una condizione di costrizione umana deprimente.
Ma d'altra parte c'è un senso di humour molto oscuro associato a questa intera irrazionalità burocratica. Allora, si sa che la gente dice che l'India è un Pakistan è un luogo dove fanno i rasoi, etcetera e poi ci sono due Sardari, due Sikhs che parlano tra loro, ovviamente dovrebbero andare in India, ma hanno rispedito l'idea di andare in India perché uno di loro sta dicendo, oh non capisco affatto la lingua.
Ora, ovviamente, quello che ti racconta è una lingua come la cultura, come la religione, come quasi tutto il resto che definisce una persona si trova molto in termini di dove si è. Quindi, la lingua e la posizione sono categorie molto interconnesse. Quindi, sai quando usi una certa lingua tradisci anche la tua posizione. Ora, quello che questi due Sardari che sono come tecnicamente sono appena andati in India, ma sono temerari, sono risentiti, la possibilità stessa la prospettiva di andare in India perché non parlano quella lingua, uno di loro lo dice all'altra persona. E sono molto più confortevoli linguisticamente qui in Pakistan, a Lahore, seppur tecnicamente, sono religiosamente gli outsider qui sopra, gli altri religiosi qui sopra.
Così, possiamo vedere come la religione che è diventata la narrazione dominante della partizione, la narrazione dominante della divisione. Si tratta di una categoria così inadeguata e irrazionale perché ci sono tante altre categorie che sono completamente affiancate, location, linguaggio, conosci il cibo per esempio, conosci tutte queste diverse categorie che effettivamente informano la tua identità culturale hanno un'identità completamente affiancata e religiosa era una narrazione dominante che ha deciso e sovrastato l'intera brutalità e l'irrazionalità e l'assurdità della partizione, ok.
E poi ci viene detto mentre il bagno un lunatico musulmano grida a lungo il Pakistan con tanta veglia che è scivolato sul pavimento e si è buttato fuori. Così, ancora tutti questi piccoli tocchi comici, i tocchi perversi rendono la storia ancora più sorta di ambigua e sinistra nella qualità.
C'erano anche dei pazzi che non erano che non fossero davvero pazzi. La maggior parte dei carcerati erano assassinati, la maggior parte di questi detenuti erano assassini le cui famiglie avevano corrotto i funzionari della madregia per averli impegnati per salvarli dal capannone di Hangman. Quindi, guardate ancora la complicazione o la complicata, la complessa demografia in certi madrioli, perché ci viene detto abbastanza categoricamente che non tutte queste persone che erano nel manicomio sono arrabbiate davvero, alcuni di loro sono in realtà criminali, alcuni di loro sono assassini, ma solo per salvarli dall'impiccagione sono classificati come pazzi. E le famiglie hanno corrotto i funzionari medici per averli in questo asilo solo per poter essere classificati come pazzi, e quella classificazione, che la classificazione medica sarebbe una salvaguardia contro l'impiccagamento per esempio, ok.
Questi detenuti hanno capito qualcosa del perché l'India era stata divisa, e hanno sentito parlare del Pakistan. Ma non erano tutti ben informati. I giornali non hanno raccontato molto, e le guardie analfabete che li hanno guariti non sono state molto d'aiuto. Tutto quello che sapevano era che c'era un uomo di nome Muhammad Ali Jinnah, di cui le persone chiamavano la Qaid - e - Azem. Aveva fatto un paese separato per i musulmani chiamati Pakistan. Non avevano idea di dove fosse, dove potrebbero essere i suoi confini. Questo è il motivo per cui tutti i lunatici che non avevano completamente perso i sensi erano perplessi sul fatto che fossero stati del Pakistan, erano in Pakistan o in India o erano in India, poi dov' era il Pakistan. Se fossero in Pakistan allora come è stato che il luogo dove vivevano fino a poco tempo fa era stato conosciuto come India.
Quindi, ancora tutte queste sono davvero una sorta di domande folli, ma nonostante la follia si sa, nonostante l'irrazionalità si tratta di domande molto fondamentali che vengono poste qui, a destra. Allora, sapete se questa è l'India, dov' è il Pakistan, questo è il Pakistan come mai questa è stata l'India come solo un paio di giorni fa, giusto. Quindi, tutte queste domande irrazionali molto appuntite in realtà rompono l'intero costrutto del nazionalismo e della cittadinanza che si formano in questo momento storicamente, ok.
Così, un pazzo si è così coinvolto in questa questione India Pakistan che è diventato addirittura più pazzo. Un giorno ha scalato un alto scalato un albero e si è seduto su uno dei suoi rami per due ore, facendo lezioni senza pausa sulle complesse questioni di Partition. Quindi, ancora molto razionale, molto folle, qualcuno si arrampica su un albero e poi da lì sta quasi consegnando una lezione a un pubblico sui complessi problemi della partizione. Ora, quell' immagine di questo pazzo che scalda un albero, predicare sulla partizione diventa un'immagine molto irrazionale. Ma lo stesso tempo questo è anche commento all'irrazionalità della partizione in primo luogo, perché si ha una partizione di questa portata, macellando così tante persone, uccidendo così tante persone solo perché motivi religiosi. Allora, questa è la cosa più irrazionale che sai, la cosa più sinistra, ok.
Un pazzo si è così coinvolto in questo dibattito India Pakistan che è diventato addirittura più pazzo. Così, si sa e ci viene detto che si sa che qualcuno si arrampica sull'albero e si siede in uno dei rami per due ore, tenendo lezioni senza pausa su un complesso problema di partizione. Quando la guardia gli ha detto di scendere, si è arrampicata più in alto. Quando hanno cercato di spaventarlo con le minacce, ha risposto " Non vivrò né in India né in Pakistan. Vivro ' in questo albero, proprio qui ".
E ancora questo è un inizio molto importante nella storia in cui tutto questo senso dello spazio diventa importante, senso apropos di posto. Quindi, abbiamo classificato i posti, ma poi queste persone sono più interessate agli spazi perché gli spazi sono dove si smentisce psicologicamente ed emotivamente - si è situati in quegli spazi.
Ora, qui abbiamo un pazzo che si arrampica su un albero e si è rifiutato di scendere dall'albero e quando le guardie lo inseguono, si arrampica ancora più in alto e dicono che andrò in India né in Pakistan, mi siedo qui su questo albero. Ora, il motivo per cui questo passaggio è importante è che porta anche la questione molto complessa dell'agenzia, giusto. Così, tutta l'idea di agenzia, la tua volontà di articolare ciò che provi con la possibilità di fare un cambiamento, il cambiamento può o non può venire, ma almeno hai la libertà di articolare la tua volontà, di articolare ciò che senti. Ora, qui il pazzo che conosci si arrampica su un albero e si siede sull'albero e dice che questo è il mio posto, dovrei rimanere qui per sempre, non dovrei né scendere, né andare in India o in Pakistan. Ora, una parola molto veloce sull'intera ontologia della follia, perché queste persone sono folli citando "medicalmente pazzo" sono fuori dall'intero codice penale, per così dire quindi vediamo due uomini, due o tre uomini che in realtà sono criminali che dovrebbero essere sottoposti al codice penale che stanno davvero travestiti da uomini pazzi perché conosci la follia anche tra le altre cose, è una protezione dal codice penale. Così, come un pazzo che commette un reato, un pazzo che commette un atto di violenza, allora lui o lei è una sorta di rimpiazzo e dato un tipo di punizione diverso piuttosto che una punizione più civile che è più forse una brutale in qualità, giusto.
Così, c'è questa persona che si arrampica su un albero e si siede su un albero, e decide di non scendere e dire che vivrò qui per sempre e non andrò in India né vado in Pakistan e si sa quell' idea, quella scelta di non andare né tanto che non è disponibile a tutte queste persone. Quindi, o si deve andare in India o in Pakistan e anche che non si ha scelta perché se si appartiene a una certa identità religiosa si è predestinati ad andare in un certo posto e viceversa.
Ma non si può davvero complicare, non si può davvero dire che io appartengo alla religione x e resterò in paese y. No, se sei nella religione x devi andare in religione o paese x e viceversa. Quindi, quella qualità pre - distinta è ciò che lo rende così agenzia - meno. E l'unica modalità di intervento può essere rivendicata o articolata attraverso atti di follia. Così, qui sopra la follia diventa uno strumento di agenzia, uno strumento di acquisizione di agenzia, di agenzia di articolazione e questo è qualcosa che dobbiamo tenere a mente con molta attenzione.
Con molta difficoltà, alla fine lo hanno codesso. Quando raggiunse il terreno pianse e abbracciò i suoi amici indù e Sikh, distratto all'idea che lo avrebbero lasciato e andare in India. Dunque, guardate ancora questo legame emotivo tra questo pazzo, ovviamente, questi sono comportamenti pazzeschi, ma lo stesso tempo sotto la follia nonostante l'irrazionalità, loro, i pazzi, finiscono per visualizzare più qualità umana piuttosto che la gente non pazza. I non pazzi, i burocrati là fuori che prendono tutte le decisioni più grandi, sono quelli che arrivano con tutta la serie di decisioni irrazionali. E i folli apparentemente irrazionali all'interno del manicomio che riflettono o tradiscono una risposta più umana l'apropos l'uno dell'altro, si abbracciano tutti e piangono alla prospettiva di lasciarsi l'un l'altro, giusto, ok.
Un uomo aveva tenuto una laurea M. S ed è stato un ingegnere radiofonico. Ha tenuto separati da tutti gli altri detenuti, e ha passato tutto il suo tempo camminando silenziosamente su e giù per un percorso particolare del piede nel giardino. Dopo aver sentito parlare dello scambio, però, ha acceso i vestiti ed è scappato, si è trasformato nei vestiti ed è corso nudo su tutti i motivi.
Così, ancora tutta l'idea di spogliarsi e correre nuda è un tropo molto classico di follia, un'immagine iconica molto classica della follia, togliendo i vestiti e correndo. Ora, sappiamo anche che era un titolare di laurea M. S, Maestro di Scienza, ed è stato anche un ingegnere radiofonico. Così, la radio diventa una categoria importante qui, perché si sa come conosciamo storicamente, l'intera idea di partizione, l'intera idea di indipendenza, l'intero annuncio di indipendenza, spartizione, tutte le principali decisioni politiche e le articolazioni sono state fatte attraverso la radio. Quindi, il fatto che l'ingegnere radiofonico sia pazzo è ovviamente un simbolico che conosci la presenza in questo manicomio.
(Riferimento Slide Time: 26:52)

C'era un solo lunatico musulmano di Chiniot che era stato un appassionato di Lega musulmana Activista. La Lega musulmana come lei sa era un grande partito politico che era ovviamente, diretto contro l'imperialismo e si sa che sosteneva l'intero movimento nazionalista, il movimento per la libertà.