Loading

Alison's New App is now available on iOS and Android! Download Now

Study Reminders
Support
Text Version

Set your study reminders

We will email you at these times to remind you to study.
  • Monday

    -

    7am

    +

    Tuesday

    -

    7am

    +

    Wednesday

    -

    7am

    +

    Thursday

    -

    7am

    +

    Friday

    -

    7am

    +

    Saturday

    -

    7am

    +

    Sunday

    -

    7am

    +

Twentieth-Century Fiction Prof. Avishek Parui Department of Humanities and Social Sciences Indian Institute of Technology, Madras Lecture - 20
The Wasteland - Parte 1 (Rinvio Slide Time: 00.16) Così, ciao e benvenuto a questo corso NPTEL dal titolo Twentieth Century Fiction. In questa particolare lezione inizieremo con la poesia di T. S. Eliot, La Terra dei Rifiuti, che è uno dei testi più canonici dell'alto modernismo. Così, nella mia precedente lezione ho appena avuto una discussione sommaria sulla precoce poesia di Eliot, e ho concluso la lezione con la richiesta per voi di leggere la poesia Waste Land prima di venire a questa particolare lezione, e sono sicuro che la maggior parte di voi l'ha già fatto.
Ora, il motivo per cui veniamo in Terra dei Rifiuti dopo la precoce poesia di Eliot troverete come alcune delle caratteristiche della poesia precoce come The Love Song di J. Alfred Prufrock, Preludi - le due poesie che avete fatto. Trovate alcuni degli elementi stilistici che vengono riportati anche in questa poesia particolare. Ora, l'unica differenza tra la Terra dei rifiuti e la poesia precoce di Eliot il intendo ci sono molte differenze, ma la differenza fondamentale è in questa particolare poesia Eliot sta usando quello che lui stesso aveva descritto come il metodo mitico che è termine che ha usato per descrivere l'Ulisse di James Joyce che è un altro testo che faremo a tempo debito.
Ora, quello che il metodo mitico significa è che si sa che Eliot usa molti miti antichi, miti europei, miti non europei, in termini di localizzarli nel contesto attuale nel contesto contemporaneo. Così, usa i miti di Tirias, usa miti di Lazzaro, usa miti di sapori diversi altra origine europea. E allude anche a un non europeo che conosci anche miti e figure religiose. Un'allusione non europea referendaria non europea per esempio tutta la poesia termina con riferimento a shanti shanti shanti che è ovviamente, la fine di te lo sai che funzioni in Bhagavad Gita che è qualcosa che Eliot era molto interessato da lettore.
Ora, quello che fa, in quanto rompe la Terra dei rifiuti in un collage molto interessante di quotazioni. È una sorta di presa in diverse cose da diversi contesti culturali, sta citando, citando direttamente certi passaggi da alcuni libri canonici. Così, ci sono riferimenti a Edmund Spenser, ci sono riferimenti a voi conoscete Baudelaire di corso - poesia simbolista francese, è una gran parte che informa abbastanza pesantemente la poesia di Eliot, informa l'Inferno di Dante e la Divina Commedia di Dante in generale. Quindi, è tutta una serie di riferimenti nella Terra dei Rifiuti che in cui si può trovare. E c'è una ricerca diversa del tutto intendo dire che possiamo davvero avere un'intera ricerca guardando i riferimenti in Terra dei Rifiuti intendo da dove arrivano i riferimenti.
Quindi, è piuttosto enciclopedico, nella sua qualità, porta in sé un'enorme ed enorme gamma di riferimenti dal cristianesimo, dall'antropologia, dalle religioni non cristiane come l'induismo come insieme all'allusione ai diversi testi letterari di diverse epoche culturali e politiche, tutte insieme per creare questo meraviglioso e sorprendente collage che Eliot sta presentando nella Terra dei Rifiuti.
E ora questa particolare poesia è dedicata a Ezra Pound il fermo fabbro. Così, il poeta superiore. Pound era qualcuno che è strumentale a modificare la Terra dei Rifiuti. E quello che vediamo ora è una versione molto curata, e la poesia originale era molto più lunga e Pound, tagliata fuori enormi porzioni dalla poesia in termini di renderla più magra. Ma quello che trovate alla fine della Terra dei Rifiuti è una nota di riferimenti, serie di riferimenti, certe cose che Eliot aveva citato, alcuni dei riferimenti sono apocrifi, alcuni dei riferimenti sono accademici.
Così, in un modo che è un modo molto interessante per far muscolare la poesia, e possiamo parlare della politica della rappresentazione in Terra dei Rifiuti, come questa intera poesia possa leggere come molto, molto isterica si sa attestare il crollo della civiltà europea, e la serie finale di quotazioni, o ultima serie di riferimenti alla fine, è solo uno sforzo per accapirlo, per renderlo più accademico, per renderlo più studioso. Allora, sai che è molto interessante avere dei riferimenti alla fine della poesia, che è qualcosa di Eliot che conosci ha fatto, e ovviamente questa poesia gli ha strappato un sacco di fama, e tanti soldi, ma questa è anche una poesia che è piuttosto forse la cosa più personale che Eliot ha scritto atnche punto di tempo La Terra dei Rifiuti, La Terra dei Rifiuti riguarda il crollo della civiltà europea, è la Terra dei Rifiuti, è molto distopica, sta arrivando tutto ad un fine, la spiritualità, la religione, il fondamentale sostentamento che la civiltà occidentale aveva fornito agli esseri umani sta arrivando fino ad ora. E ovviamente la location della poesia è importante temporalmente parlando, è proprio dopo che la Prima Guerra Mondiale 1922 è stata la data di pubblicazione di questa poesia, che è come lei sa 4 anni dopo la fine della guerra mondiale, 3 anni in realtà che la guerra mondiale finì.
E l'intera memoria il trauma della guerra è ancora molto presente in questa particolare poesia. Si arriva solo con alcuni riferimenti molto superficiali, c'è un dialogo tra due citazioni che non citano le donne di classe lavorata, che parlavano dei loro mariti che tornavano dalla guerra. E i mariti sono ovviamente feriti soldati feriti. Ed è l'unico momento in cui la guerra è effettivamente menzionata nella poesia, ma il riferimento alla guerra è molto tangenziale e molto, molto carnamente fatto, si tratta di una forma molto complessa di rappresentazione che viene presentata qui in La Terra dei Rifiuti. Ora, la guerra è una presenza molto spettrale nella maggior parte delle opere moderniste per esempio. Se date un'occhiata alla signora Dalloway, che si occupa interamente della guerra, si sa che è un testo che faremo a tempo debito da Virginia Woolf, che riguarda essenzialmente una vittima PTSD, una persona, un solider che torna dalla guerra e che trova difficile acclimatarsi o reintegrarsi in uno spazio civile tutto giusto, lo spazio civile di voi conosce una metropoli del dopoguerra. E ora anche lì la guerra non è propriamente citata, ci sono riferimenti molto oscure alla guerra che la rendono in realtà più sinistra, che lo rendono più spettrale in qualità, più agghiacciante in qualità.
Quindi, non c'è una rappresentazione grafica della guerra, non esiste una descrizione grafica della guerra in quanto tale, ma anche il modo in cui è obliquamente menzionato i riferimenti obliquo alla guerra lo rendono in realtà più agghiacciante, rendendolo più clinico, in termini di presenza spettrale ok. Quindi, questo è qualcosa che troviamo anche nelle prime poetiche di Eliot soprattutto in La Terra dei Rifiuti, dove si sa che quei riferimenti arrivano in un modo molto inquietante e sinistro che si presenta sottilmente in un senso molto sotterraneo, subliminale, mai davvero foregarrotondato.
Ma solo per questo è qualcosa che non possiamo mai far conoscere a te rid è sempre lì a fissarti da qualche posizione spettrale ok, quindi questo è qualcosa di cui ci interesseremo e questo è qualcosa che presteremo qualche attenzione su come ci muoviamo in questa poesia.
Ora, a fini pratici perché abbiamo a che fare con questa poesia nei dettagli, ci concentreremo su determinati temi più pesantemente rispetto agli altri temi. E questo focus è importante ai fini dell'esame, per fini di questo particolare corso sulla narrativa modernista. E una delle cose molto, molto chiave che passeremo qualche tempo su è la rappresentazione della destra politica. Allora, come è, come sono rappresentate le emozioni, come è rappresentata il trauma rappresentato per l'istanza, come è rappresentata la coscienza. Giusto, quindi queste sono cose che sono questioni che abbiamo visto proprio dal Cuore di Joseph Conrad e che è essenzialmente una delle prime opere moderniste della narrativa.
Così, inizierò con Cuore di Darkness quando guardiamo al modernismo europeo occidentale. Ora, quel grado di horror e l'incapacità di narrare l'horror, di narrare il trauma è qualcosa che trovate anche in Terra dei Rifiuti, ce n' è molto è una città molto traumatizzante. È una città che consuma traumi in continuazione, e questo è qualcosa che vediamo nella signora Dalloway, il trauma diventa una norma. Quindi, l'intera idea di rimanere sotto shock, soggiornare a rabbrivido, rabbrivido costante, che diventa una norma in Terra dei Rifiuti e che norm è qualcosa di drammatico.
Ora, la primississima sezione che si intitola The Burial of the Dead, si sa che si tratta ovviamente di enormi popolazioni di persone morte, e di come sono sepolte. Ora, ovviamente, questo ha un'allusione cristiana, La sepolcro dei Morti, ha allusioni Dantesque, e i riferimenti di Dante in tutta la poesia, ma più topicamente questa è anche un'allusione ai soldati morti della Prima Guerra Mondiale, che si sono avvolti.
E come ho detto la guerra non è mai realmente menzionata tranne che in un passaggio particolare, ma durante tutta la poesia sappiamo che data la tempistica storica in cui è stata prodotta questa particolare poesia, è molto poesia di guerra, è molto poesia sulla guerra dalla guerra, dalla guerra post guerra, si parla di una metropoli post guerra e di questi meccanismi di coping e del fallimento in simili meccanismi di coping, e come fa in realtà a non far fronte, e questo mancato far fronte a una condizione umana molto importante in questa particolare poesia.
Quindi, diamo un'occhiata alla sezione di apertura della Terra dei Rifiuti dalla prima sezione che ha diritto al Burial of the Dead. Quindi, e questo dovrebbe essere sul tuo schermo, ed è così che si apre la poesia. Aprile è il mese più crudo, riproduttore lilacs fuori dalla terra morta, mescolando memoria e desiderio mescolando radici di dull con la pioggia primaverile, l'inverno ci teneva al caldo, coprendo la Terra in neve smemorata, alimentando un po' di vita con i tuberi essiccati. L'estate ci ha sorpresi, arrivando sopra la Starnbergersee, dove una doccia di pioggia, ci siamo fermati nel colonnato e siamo andati avanti alla luce del sole nell'Hofgarten, e abbiamo bevuto un caffè, e abbiamo parlato per un'ora. Bin gar keine Russin, stamm, aus Litauen, echt deutsch.
E quando eravamo bambini, soggiornando all'arco - duke, mio cugino, mi ha tirato fuori su una slitta e mi sono spaventato. Ha detto Marie, Marie tiene stretta. E giù siamo andati in montagna, lì ci si sente liberi. Ho letto molto della notte e vado a sud in inverno. Ora, scopri che, c'è una narrazione molto interessante, la serie di giri narrativi nella sezione di apertura. Quindi, c'è questo speaker senza nome, che viene presentato, che presenta questa particolare sezione, ed è presumibilmente focalizzato attraverso l'occhio di quell' altoparlante. E possiamo presumere che lo speaker sia una donna chiamata Marie, e poi sta narrando qualche esperienza che gli è successa, le è successo quando era bambina.
E scopri che questa particolare esperienza è in realtà abbastanza dark, potrebbe essere un'esperienza di sfruttamento sessuale, potrebbe essere un'esperienza di violenza sessuale che non viene mai davvero spelata, ma si sa che c'è una serie di comunicazioni segrete molto, molto codificate, che vengono rappresentate, che ci vengono veicate, si sa che possono significare delle cose molto scure e sinistrate.
Ora, l'apertura stessa di aprile è il mese più crudo, è qualcosa che brezza i lilaci sopra la terra morta, e quell' immagine di lilaci che esce dal terreno morto diventa interessante, perché la terra è morta. Così, l'intero paesaggio diventa uno di faticità, diventa uno di completa quiete e infertilità. Tuttavia, si sa da questa terra morta infertile, abbiamo lilaci in uscita. Quindi, è quasi come un cactus come la qualità, c'è quasi come un cancro come la qualità su questo tipo di rigenerazione, non è propriamente una rigenerazione in senso spirituale, è qualcosa che è stato prodotto da una terra morta fuori da un'esistenza di tumori morti, un'esistenza tumorale che in realtà lo rende davvero abbastanza sinistro e clinico di qualità. Questi lilaci che escono da terra morta.
Ora, subito dopo, scopri che c'è una serie di opposti che si mescolano mescolando memoria e desiderio mescolando radici noiose con la pioggia primaverili. Quindi, memoria e desiderio, radici noiose e piogge primaverili, quindi queste sono evidenti contraddizioni e queste si sono riunite, queste si uniscono per creare una situazione molto ambita, un atteggiamento molto ambitissimo che qui viene descritto. E poi che l'ambivalenza continua quando lo speaker dice che l'inverno ci teneva al caldo, coprendo la terra e la neve smemorata.
Così, cominciamo a renderci conto che il caldo qui sopra non significa necessariamente il calore nelle condizioni meteorologiche. Così, caldo può anche essere, anche essere usato per significare un calore esistenziale o mancanza di freddezza, la mancanza di una maneggevolezza, perché perché la terra in inverno è ricoperta di neve smemorata.
Così, la neve respira l'oblio, la neve respira l'amnesia in una certa misura. E che possiamo dire di poter rischiare un indovinare che dato che si tratta di una poesia post guerra, questa neve che arriva si riempie e copre tutti i cimiteri, copre tutti i soldati morti e i morti che conosci le tombe. Quindi, non li vediamo abbastanza quando tutto si riempisce di neve e tutto diventa coperto di neve, poi quello che succede è che si sa che produce l'amnesia, che genera l'oblio in modo molto sapiente. E che la produzione materiale dell'oblio attraverso la neve diventa importante, perché di nuovo quello che vediamo qui c'è qualcosa che abbiamo già visto a Preludi, ed è così che i marcatori materiali e l'astratto colpiranno per produrre condizioni cognitive molto complesse che è qualcosa che abbiamo visto anche nel Cuore di Joseph Conrad di Darkness ok.
E ora tagliamo in un'ambientazione molto tedesca che ci viene descritta. Ora, ciò che è importante per noi per capire che quando abbiamo tedeschi o russi che si uniscono, è in realtà condizione europea che è stata descritta qui in grandi dettagli.
L'estate ci ha sorpreso, arrivando sopra la Starnbergersee si sa ed è andato avanti, alla luce del sole, con la doccia di una pioggia che abbiamo fermato nel colonnato e si è acceso alla luce del sole, nell'Hofgarten, e bevuto caffè e parlato per un'ora. E poi c'è un riferimento a se possiamo parlare russo o se siamo tedeschi. E quando siamo bambini che soggiornano all'arco duchi. Così, ancora una volta c'è un riferimento dell'arco duchi, si tratta di un privilegio europeo bianco molto europeo a cui si punta.
Ma subito dopo abbiamo questa immagine molto interessante, una implicazione molto interessante un suggerimento molto interessante, un'insinuazione di sfruttamento sessuale o di caduta sessuale forse. I miei cugini, mi ha tirato fuori su una slitta e mi sono spaventato, e dice Marie, Marie tiene stretta e giù siamo andati. Così, di nuovo tutta l'idea di uscire con un cugino su una slitta e tenetelo stretto addosso, e mi sono spaventato, e mi sono spaventato, ha detto Marie, Marie tiene stretta e giù siamo andati.
Così, di nuovo tutta questa discendenza che conosci intendo precipitare verso il basso, la caduta al ribasso è qualcosa che può anche essere visto come una caduta, come la caduta sessuale o la caduta morale, come qualcosa che accadde molti anni fa per lo speaker quando era bambina. E tutta questa idea di uscire con un cugino e poi cadere in montagna è molto curiosamente raffigurata che è molto coperta come si può vedere.
In montagna, e giù siamo andati, in montagna, lì si sente libero di leggere molto la notte e di andare a sud in pieno inverno. Così, ancora tutta l'idea di leggere di notte e di andare a sud in inverno molto europeo borghese privilegiato, giusto. Dunque, la demografia qui in questa particolare sezione è una demografia privilegiata molto bianca. Quindi, persone che sanno leggere per il tempo libero, persone che possono andare a sud per il tempo libero quando le cose vanno con freddo e gelo, possono andare a sud per condizioni più calde. (Riferimento Slide Time: 15.22) Ora, subito dopo, abbiamo l'immagine di nuovo di una situazione di mortalità crescente a destra. E questa immagine è qualcosa che continua a salire in Terra dei Rifiuti che è come una produzione di diritto di morte. Quindi, la crescita in Terra dei Rifiuti o la fertilità in Terra dei rifiuti non riguarda proprio la rigenerazione, non si tratta davvero di qualcosa che cresce dopo la morte. Quindi, non è propriamente un fenomeno postumo, non proprio un fenomeno post - morte.
Beh, quello che succede qui è in realtà più complesso, e più sinistro, e più scuro è in realtà abbastanza buio in un certo senso che vediamo la produzione di una situazione di stallo, è una situazione di stallo come un'attività che sta accadendo qui sopra. Allora, si sa che i rami sono crescendo di spazzatura, quindi si sa che le cose stanno crescendo da terre morte, i lilaci stanno crescendo le terre morte. Così, ancora che quelle cose in realtà diventano marcatori non di rigenerazione, ma di riproduzione postuma che molto portano avanti, e conservano l'immagine di morto, conservano l'impatto dei morti, l'intera emozione e l'intera esperienza dei morti viene trattenuta anche in questi cicli di nascita che stanno accadendo dopo la morte ok.
Dunque, questa immagine di radici e rami che crescono fuori dalla spazzatura stonata diventa molto importante, e che questo ci porta ad un'altra questione molto importante nella Terra dei Rifiuti. Tra l'altro questa particolare poesia riguarda anche la produzione di spazzatura, la produzione di rifiuti nella metropoli europea, e questo è qualcosa che troviamo molto dialogante, e molto interessante si apre a diversi tipi di interpretazioni soprattutto negli studi moderni dell'ambiente, degli studi moderni dell'ecosfera e anche dei rifiuti urbani.
Allora, Waste Land questa particolare poesia è tra le altre cose una poesia sulla produzione, mi scusi, e il consumo di rifiuti giusti. E questa produzione e consumo di rifiuti è qualcosa che trovate è un marcatore ricorrente della metropoli. Lo abbiamo già visto nei Preludi. Se ricordate l'intera idea delle notizie di sera, e conoscete le tazze da caffè, le tazze da caffè e le tazze di carta da caffè, sapete rustare in strada insieme alle foglie morte che molto diventano la parte di metropoli, tutti si uniscono per creare un senso di spreco, creano un senso di spazzatura che è qualcosa che trovate qui come in Terra dei Rifiuti. Così, l'altoparlante va a dire che si sa che è ciò che si sa bene, quali sono le radici di quella frizione, quali rami crescono da questa spazzatura stonata, figlio dell'uomo, non si può dire, o indovinare, per lei sa solo un mucchio di immagini spezzate, dove il sole beats. E l'albero morto non dà riparo, il grillo no rilievo, e la pietra secca non suono d'acqua. Solo che c'è ombra sotto questa roccia rossa. Entra sotto l'ombra di questa roccia di lettura. E vi mostrerò qualcosa di diverso dall'ombra della vostra ombra di mattina dietro di voi o la vostra ombra nella serata in salita per incontrarvi; mostrerò la vostra paura in un pugno di polvere destra.
Quindi, guardate ancora il modo in cui i diversi macro marcatori astratti sono una sorta di abbinamenti con marcatori molto micro materiali. E l'immagine finale è qualcosa di cui voglio solo passare un po' di tempo e questa è tutta l'idea di mostrarti la paura in una manciata di polvere. Quindi, pugno di polvere è qualcosa che possiamo contenere come tangibile, è qualcosa che possiamo toccare, è un'esperienza molto tattile per raccogliere una manciata di polvere e sentirla.
Tuttavia, quello che dice l'oratore qui sopra è interessante perché si sa a cosa si sta raccontando davvero che l'intera idea di paura, l'intera esperienza della paura può essere contenuta e visionata e mostrata e rappresentata in un pugno di polvere destra. Così, la polvere diventa molto importante. Ancora, questa è la metafora dei rifiuti; questa è una metafora della post morte un fenomeno che trasporta l'eredità - l'esperienza della morte. Quindi, non c'è rigenerazione non c'è la redenzione disponibile post morte, si tratta interamente di una prosecuzione della faticità dell'esistenza, che si tratti di un paesaggio naturale o del paesaggio urbano o del paesaggio esistenziale. Tutti portano avanti e conservano l'immagine e l'esperienza della morte, quindi è qualcosa che è un marcatore ricorrente. (Riferimento Slide Time: 19.24)

Ora, la prossima sezione qui, dove questo riferimento alla ragazza hyacinth, mi hai dato gli iaciniti prima un anno fa; Mi hanno chiamato la ragazza hyacinth, è un riferimento da hamlet come alcuni di voi saprebbero che questa è Ophelia in hamlet, la cui, che diventa un'immagine della donna annegata e dell'Ophelia ovviamente, la donna che affoga la donna. E se ricordate la fine di The Love Song di J Alfred Prufrock anche un'immagine che affonda un'immagine annegata fino a quando le voci umane ci svegliano e anneghiamo a destra. Quindi, l'intera idea di annegare nel tempo, l'intera idea di affogare nell'esistenza è qualcosa che è un'attività che continua a salire nella poesia iniziale di Eliot. E annegando ovviamente, qui diventa un'attività agencicante, perdi la tua agenzia motoria che perdi il tuo movimento limb perdi la tua memoria motoria appena sprofondati in un determinato fluido, e che diventa parte dell'esperienza di annegamento.
Le tue braccia piene, e i tuoi capelli bagnati, non riuscivo a parlare e i miei occhi non sono riusciti, non potevo sapere che non vivevo né morto, e non conoscevo nulla che guardasse il cuore della luce, il silenzio giusto. Ora, c'è una citazione di nuovo dal tedesco. Ora, prima di dare un'occhiata a tutta l'idea di vivere tra voi conoscete esistenza e nonesistenza, è una location molto liminale tra la vita e la morte questo stato molto limbo, e ancora questo ci ricorda Dante in diversi circoli del paradiso e dell'inferno che ci sono nella commedia divina di Dante che è qualcosa che Eliot si riferisce costantemente a qui a destra. Allora, il punto è che l'intera idea di rimanere bloccati tra la vita e la morte non in grado di muoversi tra la vita e la morte è qualcosa che vediamo in questa particolare poesia.
E quel limbo afferma che la liminalità, non è davvero una liminalità produttiva è una liminalità claustrofobica, è una posizione, è una condizione in cui gli esseri umani non possono muoversi, non c'è movimento disponibile, non c'è movimento motoria a disposizione e che qualcosa che troviamo anche nella prima poesia di Eliot. Questa mancanza di questo, questa inerzia questa mancanza di mobilità, manca l'agenzia che ti consuma nel livello del movimento motorio, ti consuma a livello del corpo giusto, vedi, il tuo corpo non può muovere le tue membra non può muovere bene.
Quindi, che diventa una condizione molto metabolica, diventa una condizione molto abbracciata a destra. Così, ti cattura arresti il tuo movimento del corpo ok, e che questo lo arrestino ovviamente, diventa parte della stagnazione, parte della stagnazione spirituale che è interamente ciò che la Terra dei Rifiuti sta per bene.
E ora trovate tutta l'idea del Clairvoyante, qualcuno che può usare le carte dei tarocchi per esempio, e dare un'occhiata al futuro. E ancora, tutta questa idea di qualcuno che guarda al futuro qualcuno che conosce il tempo, qualcuno che può scomodare e raccontarti cosa ti succederà e che potrebbe non parlare, e potrebbe non raccontarti in realtà nonostante sapere cosa ti succederà. Così, scopri che tali figure sono apparse anche nel Cuore di Darkness, di Joseph Conrad, quindi per esempio se ti ricordi il romanzo prima che Kurtz vada a sapere prima che Kurtz vada a conoscere l'ufficio belga.
Lui vede non Kurtz, Marlow vede tre donne che lavorano a maglia e anche loro hanno una presenza profetica in quella particolare scena per sembrare sapere cosa sta per befall Marlow, sembrano sapere cosa sta per accadere a lui, ma non si degnerebbero di parlare bene.
Ora, Madame Sosostris qui diventa una figura importante perché si sa che è una clairvoyante, è qualcuno che gioca alle carte dei tarocchi e che ti dice del futuro, ed è per questo che sta per dire. Madame Sosostris, famosa clairvoyante, ha avuto un brutto raffreddore, ciononostante è nota per essere la donna più ampia d'Europa. Ecco, ancora un'occhiata all'idea del freddo sul freddo è un'immagine di congestione destra. Quindi, la congestione, la stagnazione qualcosa che interrompe il tuo movimento, interrompe il tuo movimento libero, giusto, e che la mancanza di libera circolazione che accade a causa della congestione, che avviene a causa della produzione di rifiuti, è qualcosa che ritroviamo tornando sempre e ancora nella prima poesia di Eliot soprattutto qui nella Terra dei Rifiuti.
Ed è nota per essere la donna più anziana in Europa, con un malvagio branco di carte. Ecco, lei, detto lei, è la tua carta, la marinella fenicia annegata. Quelle sono perle che erano i suoi occhi. Guarda, ecco Belladonna, la Signora delle Rocks, la signora delle situazioni. Ecco un uomo con tre navate e qui la Ruota, e qui il mercante a senso unico, e questa carta, che è vuota, è qualcosa che porta sulla schiena, che mi è vietato dire. Non trovo The Hanged Man. Paura morte per acqua. Vedo folle di persone che camminano in un anello. Grazie. Se vedete questa Cara signora Equitone, ditele che porto io stesso l'oroscopo; uno deve essere così attento in questi giorni. Ora, questa sorta di presenza zingara nella Terra dei Rifiuti è importante, perché Madame Sosostris è ovviamente, conosci qualcuno che sta ottenendo sempre più rilievo in questa particolare impostazione culturale. E poi il riferimento a diverse serie di cose, si conoscono le perle che erano i suoi occhi così i riferimenti a conoscere tutti i tipi di testi letterari, i riferimenti a Spenser, i riferimenti a conoscere Shakespeare, i riferimenti alla Ruota della fortuna.
Ma ciò che è importante per noi è qui per trovare i diversi tipi di carte che vengono citati, la carta Hanged Man, che viene immediatamente seguita dall'avvertimento contro l'acqua, la paura della morte per l'acqua, la paura di affogare a destra. Così, ancora tutta l'immagine di affogare in un certo tipo di esperienza, l'intera immagine di annegare ed essere impantanati dall'acqua è qualcosa che arriva in questa particolare poesia.
E poi il riferimento alle folle di persone che camminano in un anello da destra, quindi la folla da camminare in un anello indica nessun movimento in avanti indica, nessuna mobilità nel senso corretto del termine, indica in realtà la stagnazione. C'è una folla massiccia di persone, ma tutto quello che fanno è camminare in un anello non c'è movimento in avanti, non c'è mobilità in quanto tale. E ovviamente i riferimenti della signora Equitone che è molto allegorico e simbolico, un nome simbolico, e poi lo speaker si dice che trasmetta alla signora Equitone che lei conosce la signora Sosostris Madame Sosostris avrebbe portato l'oroscopo stesso da sé. Quindi, uno deve essere così attento in questi giorni.
(Riferirsi Slide Time: 25:18) Ora, e l'ultima sezione di questa particolare apertura è l'immagine di un'immagine molto cinematografica di una città non reale. Così, ancora una volta è un lungo tiro di una città non reale che viene consumata dalla nebbia destra. Così, la nebbia diventa di nuovo importante, simbolo di stagnazione, simbolo di mancanza di movimento, simbolo di mancanza di chiarezza che diventa qualcosa di opacità che sta consumando la metropoli, tutto è opaco, ogni persona è opaca non c'è trasparenza disponibile.
Così, la nebbia in questa particolare scena diventa una presenza molto simbolica, una condizione molto simbolica, e ovviamente, agisce come una spettralità dell'ambientazione tutto diventa più spettrale in una condizione di nebbiolo, tutto diventa più quasi soprannaturale, quasi soprannaturale almeno in una condizione di nebbiolo.
Ma il punto che dovremmo passare un po' di tempo con all'inizio è l'intera idea di città non reale, non è propriamente una vera e propria città. Quindi, è qualcosa di irreale, è qualcosa che si sperimenta anche come una città non reale. Non possiamo collegarci a esso a livello umano in senso reale. Non esiste una connessione cognitiva, c'è sempre una dissonanza cognitiva che è stata prodotta qui e che la dissonanza cognitiva è importante per noi per disfare.
Perché se date un'occhiata all'immagine che segue dopo e seguendo subito dopo di che si conosce scena di una città non reale sotto la nebbia marrone di un'alba invernale. Così, l'alba invernale sta producendo una nebbia marrone, e tutto sembra molto irreale e spettrale in quel tipo di ambientazione che conosci è quasi come allucinante, lo sai che è come allucinazioni al mattino. E non si può vedere attraverso l'allucinazione, tutto è allucinante e che impatta la tua vista che conosci il tuo senso di vista il tuo senso di capire il tuo senso di comprensione cognitiva diventa sempre più interrotto con quella traslucenza, con quella nebbia che è stata creata dall'alba invernale.
E poi ovviamente il London Bridge è stato fatto riferimento a una folla che scorreva su London Bridge, tantissime, non avevo pensato che la morte avesse incompiuto tanti. E questa è un'immagine importante, perché è anche un promemoria di questa gentilissima folla di persone morte in attesa di entrare in paradiso o inferno, in attesa sul ring - l'anello limbo per muoversi in questo spazio destinato alla fine. Quindi, si tratta di persone che non sono davvero completamente morte, non davvero libere, nonostante siano morte giuste.
E guarda il modo in cui Eliot usa un riferimento Dante di questo popolo limbo, persone che spostano le persone in attesa di trasferirsi nella terra morta che conosci da qualche parte bloccati tra la vita e la morte, quell' immagine mitica viene usata qui sopra, e topicalizzata, e contecializzata, e questo è ciò che intendo con il metodo mitico usato da Eliot qui sopra. Quindi, quella immagine di Dante di persone che non sono completamente morte, ma che si sa aspettare di essere morta in attesa di andare avanti verso la terra di Nether o i morti sbarcano la malavita. E in attesa liminalmente che qui quell' immagine venga usata qui per parlare dei londinesi, perché questi sono i londinesi questi sono sopravvissuti e in lutto, in modo che non siano davvero morti fisicamente, ma sono morti esistenzialmente. Così, sono in attesa di morire.
Così, abbiamo questa intera città di umori e sopravvissuti che aspettano solo di morire. Nessuno non vede l'ora di vivere una vita piena; tutti aspettano di morire e che quella informa che investe una liminalità e una stagnazione in questa particolare demografia. Così, la demografia in questa particolare sezione riguarda i londinesi in attesa di morire.